Utenti registrati: 37506 - Testi pubblicati: 233122
Comunicati-Stampa.net TV.Comunicati-Stampa.net
CAT: SPETTACOLO


Leggi tutte le news della categoria

Scheda autore comunicato stampa
   Informazioni sull'autore del testo:
Autore: Rosario Capasso
Azienda: Ufficio Stampa Capasso
Web: http://www.artefatti.org/


Scheda completa di questo autore
Altri testi di questo autore
RSS di questo utente Feed RSS utente

Registrazione nuovi utenti

Richiedi l'accredito stampa gratuito, ti darà diritto all'invio di illimitati comunicati stampa e news, che vedrai pubblicati quì e sul network di siti affiliati a comunicati-stampa.net.

Accedi al modulo di registrazione
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo?
Leggi come procedere




Comunicato Stampa
Creative Commons - Attribuzione-Non commerciale 2.5
Il Teatro dei giovani con Argot Off

Pubblicato il 25/05/12 | da Rosario Capasso


da martedì 29 maggio un mese di drammaturgia contemporanea

ARGOT OFF 4_rassegna di drammaturgia contemporanea 2012 dal 29 maggio al 20 giugno


Con il sostegno di Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico
in collaborazione con Ar.Tè – Teatro Stabile d’Innovazione – la Casa dello spettatore - Teatro&Critica



Per il quarto anno consecutivo il Teatro Argot Studio, per la prima volta con il contributo di
Roma Capitale, prosegue il suo cammino lungo il sentiero per il futuro destinando l’ultima parte della stagione alla rassegna ARGOT OFF. Lo scopo è quello di ritagliare uno spazio protetto per la creatività di compagnie di nuova formazione e contribuire alla scoperta e alla promozione di una nuova drammaturgia contemporanea, ospitando giovani talenti nazionali.

Argot Off vuole essere uno strumento capace di dare voce ai giovani artisti che in questo momento storico avvertono di essere parte di un popolo in movimento.
Una rassegna che intercetta le risposte di autori, attori e registi che scommettono sul futuro del nostro paese difendendo il proprio mestiere e facendo rete.

La nostra vocazione è da sempre quella di dar vita a nuove esperienze creative, generare talenti, creare spazi di libertà artistica in un confronto continuo con il pubblico, con gli operatori teatrali e con i critici che sono soliti frequentare il nostro teatro. Lo dimostra la fortunata collaborazione che da ormai tre anni vede tra i collaboratori di questo progetto la webzine Teatro&Critica, rivista on-line guidata da un giovane gruppo di critici teatrali.

Un Laboratorio Permanente per gli artisti
La nostra struttura è da sempre terreno fertile di sperimentazione per le nuove compagnie. Un luogo di formazione che costruisce percorsi artistici e interseca le esperienze dei nuovi con quelle dei vecchi ospiti dell'Argot. Ecco perché da quest'anno la rassegna apre un'intesa anche con Ar.Tè – Teatro Stabile d’Innovazione con sede al Teatro Mancinelli di Orvieto, per sviluppare un’ulteriore importante tappa del progetto.

Un Laboratorio di Formazione dello spettatore
Il compito della nostra struttura è, da oltre venticinque anni, quello di alimentare il dibattito culturale e l’interesse per il teatro che, per sua natura, si nutre di rinnovamento e nuove energie.
Per questo la Rassegna si avvale quest'anno della collaborazione della Casa dello Spettatore, ideata e diretta da Giorgio Testa e che si occuperà, grazie anche al coordinamento della redazione di Teatro&Critica, di dare vita ad una serie di incontri con il pubblico e per il pubblico che seguirà lo svolgersi della rassegna.

Argot Off vuole dimostrare, nel suo piccolo, come i giovani artisti italiani siano un popolo in movimento continuo e la loro risposta alla staticità del presente è tentare di
produrre futuro.

A partire dal 29 maggio fino al 20 giugno 2012 gli spettacoli selezionati, 2 spettacoli a settimana per 3 settimane, andranno a formare una vera e propria stagione OFF che farà da appendice alla stagione ufficiale del Teatro.

Da quest’anno, inoltre, ARGOT OFF, collabora con Ar.tè – Teatro
Stabile d’Innovazione con sede al Teatro Mancinelli di Orvieto, per sviluppare un’ulteriore importante tappa:
verranno portate in scena al Teatro Mancinelli una rosa di cinque proposte di ARGOT OFF sottoposte al giudizio di una giuria di operatori e critici attivi sul territorio nazionale e ad un pubblico selezionato.


Al termine della rassegna una commissione, formata dalla Direzione Artistica del teatro, dalla Redazione della webzine Teatro e Critica www.teatroecritica.net, avrà il compito di valutare con attenzione gli spettacoli proposti e, tenendo anche conto del voto di una Giuria Popolare preposta (composta dai membri della Casa dello Spettatore, ideata e diretta da Giorgio Testa, che seguirà tutta la rassegna) di segnalare i cinque spettacoli finalisti che parteciperanno alla tappa finale ad Orvieto, al termine della quale sarà assegnata allo spettacolo ritenuto artisticamente più meritevole 1 settimana all’interno della nuova stagione 2012/2013 del Teatro Argot Studio.

La rassegna sarà quotidianamente attraversata da un osservatorio critico composto dalla redazione della webzine Teatro e Critica www.teatroecritica.net L’osservatorio si occuperà di curare tutti i lunedì all’interno della rassegna una serie di incontri con gli artisti coinvolti nel progetto e il pubblico sviluppando un dialogo tra le due parti sulla natura dello spettacolo e la sua visione e incentivando, in questo modo, la partecipazione attiva e la formazione del pubblico.

A seguire gli appuntamenti del lunedì, delle letture d'autore curate dalla regista Sandra De Falco su testi inediti di
Antonio Tarantino e Maurice Melquiot e accompagnati da ottimi aperitivi slow-food. Ospite trasversale di queste settimane sarà anche il Tavolo delle Idee lanciato da C.Re.S.Co. -coordinamento delle realtà della scena contemporanea- durante la Giornata Nazionale del 21 aprile e in corsa per la creazione di un Laboratorio Permanente in grado di mettere in connessione nuove pratiche di lavoro artistico.

Inoltre il nostro piccolo spazio trasteverino invaderà nuovamente la piazza San Cosimato per accompagnare la partenza del
JBEC-Jhonny Biscotto Extraordinary Caravan uno spettacolo di varietà in bilico tra il circo, il teatro, la danza, l’arte di strada e l’impossibilità, per qualsiasi artista oggi, di fare tutto ciò senza il sostegno delle persone e la loro libera partecipazione.

Durante tutto il periodo della rassegna la struttura promuoverà gli spettacoli anche grazie al sostegno dei media-partner
Ecoradio, E-Theatre e Metromorfosi.

Tutto questo ci sembra essere una risposta efficace allo stato di crisi in cui sembra versare il nostro settore, ma che nasconde
-sotto la pelle- tutto il suo fervore e la capacità di fare di uno spazio come l'Argot un teatro, un'importante vetrina ed un luogo d'incontro e di scambio culturale per tutte le generazioni.

La Direzione





LUNEDI 4 – 11 – 18 GIUGNO
Studi per un racconto del presente
Incontri tra la critica e il pubblico
a cura di Teatro&Critica

Tra gli obiettivi principali, l'artista deve costruire lo spettacolo; il critico, soprattutto oggi, ha il dovere di costruire un dibattito intorno all'opera, che rompa gli argini dei modelli di analisi scritta e vada oltre la valutazione puramente estetica e di motivazione. Se in questi tempi di svantaggio economico il sistema teatrale deve inevitabilmente reinventare un modello e ha sempre più forte bisogno del pubblico, la critica da parte sua ha il dovere di raccontare, analizzare e comprendere il presente. È dunque necessario riscoprire proprio lo spettatore come variante necessaria affinché la relazione si possa creare e la comunità, di conseguenza, nutrire.

Ogni lunedì durante Argot Off, insieme alla giuria popolare costituita da alcuni membri dalla Casa delle
Spettatore, affronteremo questa realtà, con o senza quarta parete.

Di che cosa si parla il lunedì
Più che di nuove poetiche, più che di nuove economie, il teatro ha bisogno di un nuovo pubblico a cui raccontare il presente. Un pubblico attento che sappia essere spettatore critico, attivo, partecipativo.

Chi partecipa agli incontri
Il privilegio di una rassegna che dura un mese intero è, tra i tanti, quello di poter consolidare un proprio pubblico. Riscopriamo il piacere di andare a teatro e di discutere il presente, riunendo nella stessa sala gli elementi fondamentali senza i quali il teatro non esiste, non è: gli spettatori.

21 Aprile Gionata nazionale C.Re.S.Co.
Coordinamento Realtà della Scena Contemporanea
Una sintesi_verso un laboratorio permanente delle idee

Da Milano a Catania, da Bologna a Reggio Calabria, da Nord a Sud, in tutta Italia, sabato 21 aprile 2012 si è svolta la prima Giornata Nazionale di CReSCo, manifestazione nazionale attraverso cui il Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea ha agito con azioni differenziate sul significato del contemporaneo.

Tutti assieme, nello stesso giorno, i promotori del Coordinamento Realtà della Scena Contempoanea incontrano il pubblico, gli artisti, i critici, gli operatori, le istituzioni; una giornata nazionale che assume il sapore di un’epifania per raccontare in scena chi sono, in questo momento, i promotori di C.Re.S.Co. Un pensiero, un’azione, una prova aperta, uno spettacolo, un incontro, una festa: un gesto collettivo per mostrare le tante anime poetiche e politiche, culturali e organizzative che compongono e attraversano una parte della scena del presente che si riconosce attorno agli interrogativi sollevati da C.Re.S.Co. Per un confronto e uno scambio delle esperienze con chi ha voglia di osservare e comprendere, dall’esterno e dall’interno, le crescite di C.Re.S.Co.
La prima Giornata nazionale di C.Re.S.Co. si può immaginare come un quaderno per appunti: fogli bianchi da riempire con i contenuti e le firme delle differenti realtà regionali che operano quotidianamente dentro una comunità artistica e sociale che li accoglie, li sostiene, li emargina.
Sfogliando il quaderno, si riuscirà a leggere la vitalità di un movimento nazionale rappresentato dai promotori di C.Re.S.Co. Consapevoli di raffigurare solo dei segmenti di una realtà molto più complessa e stratificata, siamo coscienti però di testimoniare delle esperienze di lavoro – pensieri, pratiche e sogni – importanti e vitali per generare altri e nuovi esercizi da svolgere singolarmente e in gruppo.


LUNEDI’ 28 MAGGIO Ore 11.00
C.Re.S.Co. | Tavolo delle Idee e Argot Off 4
presentano
RACCONTARE IL PRESENTE TRADIMENTI #2_COSì ERA SCRITTO laboratorio permanente per drammaturgie future tavolo di lavoro

La giornata del 21 Aprile è stata un'occasione per aprire un nuovo tavolo di lavoro intitolato TRADIMENTI. Tradimento di un patto, un accordo che Luca De Bei ha definito “sospensione dell'incredulità”, quando cioè uno spettatore cede al gioco teatrale ed è disposto a credere a quello che gli viene raccontato. Un patto stabilito in origine tra il pubblico che entra in una sala teatrale e gli artisti che attraverso una finzione, attraverso una narrazione, una visione, traducono i bisogni e le volontà di chi li sta osservando.
E' stata una sorpresa vedere emergere un interesse diffuso rappresentato sia dall'alto numero di partecipanti sia dall'acceso dibattito che si è sviluppato, testimonianza del fermento presente che ha volontà di permanere al di là delle stesse strutture teatrali. Per questo siamo pronti a rilanciare e aprire un secondo tavolo di lavoro che però prenda le distanze dal semplice incontro/dibattito. In questo secondo step sarà necessario porre l'attenzione sulle questioni emerse durante il precedente: l'urgenza di riconvertire la formazione da una condizione di sopravvivenza per l'artista ad una vocazione, ad un mestiere. Formazione linguistica e di pensiero. Strumenti di conoscenza per ristabilire una grammatica della drammaturgia e per non smettere di parlare al pubblico, ritrovando attraverso lingue sconosciute ma parlate da tutti, come l'esperanto o come l'argot, un senso comune alle nostre storie.

21/22/23 SETTEMBRE FINALE ARGOT OFF
21 Settembre ore 11:00-18:00
Ar.Tè Teatro Stabile di Innovazione c/o Teatro Mancinelli- Orvieto
in collaborazione con C.Re.S.Co. | Tavolo delle Idee
NAUFRAGI E VOCAZIONI TRADIMENTI #3_COSì ERA SCRITTO laboratorio permanente per drammaturgie future incontro pubblico | tavola rotonda

La regia: nuove modalità per una visione del contemporaneo
Una riflessione necessaria sullo stato dell'arte e della drammaturgia contemporanea, vista con gli occhi degli stessi protagonisti e della loro nuova condizione; una condizione mutata così come mutato risulta essere il fruitore pubblico, che è il destinatario del risultato artistico. Oggi il regista non mette più semplicemente “in scena” lo spettacolo, ma offre un punto di vista “forte” rispetto all’opera e soprattutto crea le condizioni per la realizzazione del “progetto”.Quindi avremo una nuova generazione di registi sempre più promotori culturali e coordinatori di soggetti artistici che si occupano di diversi linguaggi. Questa figura inoltre è sempre più spesso chiamata a curare anche gli aspetti economici del progetto imprenditoriale. Il rapporto che stabilisce con i suoi collaboratori appare sempre meno verticistico e sempre più osmotico al fine di creare una produzione integrata e dinamica, per un pubblico sempre più esigente. Il regista è destinato ad essere l’enzima di un percorso creativo e non un semplice esecutore di una partitura scritta (testo) o di una scrittura scenica. Proprio per questo oggi “il regista” ha bisogno di avere più competenze sia sul linguaggio che sulla grammatica fondamentale del lavoro. Lo scopo del tavolo è anche quello di analizzare questi processi e mettere in relazione realtà produttive che operano in questa direzione e che collaborano attraverso queste modalità, oggi divenute centrali e più importanti rispetto agli stessi obiettivi che il gruppo persegue.



PROGRAMMA 2012
dal 29 maggio al 20 giugno 2012


29 | 30 maggio

Teatro dei Venti
SENSO COMUNE
Finalista Premio Scenario per Ustica 2012
regia Stefano Tè
drammaturgia Giulio Costa
con Igino L. Caselgrandi, Daniele De Blasis, Francesca Figini, Antonio Santangelo
musiche Matteo Valenzi e Igino Luigi Caselgrandi

Il Teatro dei Venti, da anni impegnato in progetti in bilico fra teatro e sociale, comincia ora un progetto che mira a confondere i confini fra i due ambiti, per creare un contenitore in cui convivono norma e devianza, finzione e realtà, dentro e fuori. Scampia, quartiere all’estrema periferia Nord di Napoli. L’enorme sottoscala di uno dei tanti palazzoni, raro spazio d’ombra, dove le donne con la spesa si riparano dal caldo rovente rigettato dal cemento. Una zona di buco, al riparo dalle guardie, dove arriva solo l’eco storpiato del neomelodico.


31 maggio | 1 giugno

Semintesta_Teatro OCCHIO PIGRO regia Matteo Davide
con Emanuele Capecelatro, Valerio De Angelis, Mauro Fanoni, Alessandro Magari
pupazzi e costumi Isaura Magari direzione tecnica Igor Renzetti assistente al dramma Mattia Cianflone
responsabile del suono Andrea Illuminati

Occhio pigro è una finta autobiografia, un falso e bugiardissimo testamento.
E’ la favola di un uomo, un aspirante barone probabilmente di nome Arturo. Diciamo probabilmente perché nemmeno il suo nome è cosa certa. Non è facile distinguere il vero in mezzo a tutte le sue invenzioni.
Il protagonista grazie al suo occhio pigro, scopre un mondo soggettivo e inizia a vedere le cose diversamente. Tutto ciò che prima gli appariva “normale” è ora diversa e più interessante da raccontare. Arturo inventa un’isola, un mondo pigro tutto suo. E questo mondo sarà popolato da pupazzi, da immagini sfocate e da personaggi fantastici.


2 | 3 giugno

MatutaTeatro
MACELLUM_ ovvero il valzer dell’Orazio
regia Julia Borretti
con Titta Ceccano
musiche in scena Roberto Caetani
manichini Jessica Fabrizi

Lo spettacolo tratto da L’Orazio di Heiner Müller, un testo del 1968, riflette sul bene e sul male che possono albergare in un solo individuo e sul valore delle parole.
Tre fratelli contro tre fratelli che, estratti a sorte, per non infiacchire le forze di Romani ed Albani di fronte al comune nemico etrusco, si scontrano in rappresentanza di tutti e due gli eserciti in un gioco al massacro in una piana tra Roma ed Albalonga. L'ultimo Orazio dopo aver ucciso l’ultimo Curiazio, rientra a Roma ed uccide anche sua sorella, promessa sposa del Curiazio ucciso, la quale non accetta di aver perduto il suo amore. A questo punto a Roma si apre un dibattito: l'Orazio dovrà essere acclamato come vincitore o punito come assassino.


5 | 6 giugno

Laura Graziosi
PAS D’HOSPITALITé
regia Davide Dolores e Laura Graziosi
di e con Laura Graziosi

Invitare persone a cena, organizzare un menu che soddisfi tutti i palati, attendere l’arrivo degli ospiti, preparare la casa ad accoglierli: tutte queste azioni compongono il rito dell'ospitalità e riempiono il tempo che ne precede l'effettiva realizzazione.
Il rischio è che la sola aspettativa per la buona riuscita della serata appaghi il desiderio nonostante la cattiva riuscita della serata.
Tuttavia non è da escludere che Cléo, la protagonista, non abbia lasciato nulla al caso anzi sia addirittura consapevole che la sua festa potrebbe non avere un lieto fine. E forse preferirebbe che fosse proprio cosi’.


7 | 8 giugno

Livia Castiglioni
3 EPISODI_Indagine – Li hai visti? - Pigiama Party
di Livia Castiglioni
con Elisa Di Eusanio, Roberto Manzi, Gaia Insenga
luci Javier Delle Monache

In INDAGINE, due agenti di polizia si trovano ad interrogare una ragazzina sedicenne riguardo i misteriosi avvenimenti accaduti la notte precedente a una festa di compleanno.

LI HAI VISTI? ci racconta invece il progressivo isolamento che una giovane coppia costruisce attorno alla propria abitazione per il terrore incontrollabile che scatena (soprattutto nella donna) la comparsa di quattro sinistri individui molto eleganti in una macchina altrettanto elegante.

PIGIAMA PARTY si apre con l’atmosfera leggera di una serata tra amici, dove, tra cioccolata calda, biscotti, bigodini e sogni a occhi aperti, aleggiano vecchie leggende metropolitane e storie dell’orrore. E forse basta l’anta di un armadio malmessa per trascinarci in un epilogo ai confini della realtà.


9 | 10 giugno

Indigena teatro
ORLANDO-ORLANDO
Vincitore Premio Off 2011 – Teatro Stabile del Veneto
con Stefano Scandaletti
adattamento teatrale e regia Stefano Pagin
musica Gabriella Zen
cura elementi scenici Lucia Morato e Paolo Bertinato
luci e direzione tecnica Gianfranco Gallo

Nella produzione letteraria di Virginia Woolf, Orlando (1928) è un episodio davvero singolare, uno scherzo, una straordinaria vacanza che la scrittrice si è concessa e ha regalato ai suoi lettori.
Nel primo quadro dell'adattamento teatrale siamo alla fine del ‘500, al tempo di Elisabetta I, e Orlando, giovane ed entusiasta poeta, vive la bellissima e dolorosa storia d’amore con Sasha, una principessa russa.
Nel secondo quadro, agli inizi del ‘600, Orlando, per superare la depressione nella quale è, si fa inviare ambasciatore a Costantinopoli. Dopo l’assedio della città, diventato donna, fugge a seguito di una tribù di zingari e con loro girovaga per gli altipiani della Grecia.


12 | 13 giugno

Baby Gang
NOI NON SIAMO QUI
produzione b a b y g a n g
con il contributo di Être
un progetto di Fondazione Cariplo
testo e regia Carlina De La Calle Casanova
attori Federico Bonaconza, Mario Fedeli, Andrea Pinna, Valentina Scuderi
movimenti scenici a cura di Giorgio Rossi
musiche originale eseguite dal vivo Francesco Arcuri

Noi non siamo qui è il viaggio onirico delle distrazioni finte e vere di quattro uomini chiusi in una stanza. Uno, Due, Tre e Quattro - i loro nomi - sono i protagonisti di una storia assente, incominciata tanto tempo fa, che a volte ripetono situazioni credendo di non averle mai vissute. Senza sosta, immaginano diverse realtà possibili, quasi a cercare di non rimanere nel presente, e vivono una finzione che diventa più vera del resto o quanto meno uguale, se non migliore, della realtà.
Noi non siamo qui cerca disperatamente, nel meccanismo della finzione e rappresentazione, quegli attimi di verità che viviamo, a volte persino rubati al tipo di vita che facciamo; perché se sommassimo insieme quei momenti e facessimo un conto, non vorremmo scoprire di aver vissuto poco o nell’inganno.
Carolina De La Calle Casanova
14 | 15 giugno

La Fabbrica
QUANDO SAREMO GRANDI
Finalista al Premio Scenario 2009 - Vincitore “Teatri Abitati” 2009 - Prima Nazionale al Fringe Festival
2010 del Napoli Teatro Festival
da un’idea di Fabiana Iacozzilli e Linda Dalisi
regia Fabiana Iacozzilli
con Simone Barraco, Matteo Latino, Ramona Nardò
regista assistente Giada Parlanti assistente Emanuela Lumare costumi Cecilia Blixt
disegno luci Davood Kheradmand
trucco Erika Tirella

La campanella è suonata.
Tre piccole sedie al centro della scena.
Tre linee che dalle sedute portano a tre attaccapanni. Sugli attaccapanni tre cartelle di scuola.
Seduti sulle sedie troviamo tre bambini decrepiti che attendono che la mamma li venga a prendere. La attendono con tutta la loro forza, con la speranza e l’innocenza di bambini sicuri che non potranno mai essere abbandonati da colei che li ama sopra ogni cosa.
Tre fratelli che attendono da una vita.
È in ritardo?
Li ha messi in punizione?
O forse più semplicemente li ha dimenticati?
Così come si dimentica un pacco, come si dimentica qualcosa in frigo che poi inizia a puzzare, come si dimentica una persona morta che abbiamo tanto amato… come si dimentica tutto.

16 | 17 giugno


Alessandro Federico
STOP THE “M”
con Valentina Varando, Francesca Porrini, Federica Fabiani, Lorenzo Batoli, Angelica Leo, Alessandra
Guazzini, Gaia Insenga, Paolo Giangrasso

Il Male-inteso è una riscrittura più agile e contemporanea del Malinteso di Camus.
Quanta consapevolezza abbiamo del male che facciamo? Sappiamo definire il male e quando siamo coscienti di compierlo perché lo scegliamo? E' davvero valida universalmente la Legge Morale?



19 | 20 giugno

Collettivo Pirate Jenny
VANITY FAIR’S SNOW WHITE
con il sostegno di nudoecrudoteatro, Mosaico Danza INSIDEOFF (To), Tebaide Web Agency.
Progetto vincitore del bando UP_NEA 2012
Progetto finalista al premio Equilibrio (Roma) e al Premio Prospettiva Danza (Padova) Concept e performance: Elisa Ferrari Davide Manico Sara Catellani
testi Davide Manico
tecnico regia Marco Masello
direzione musicale Dario Congedo
scenografia Carola Talsma e Federica della Bona, Accademia NABA.

Tramandare una storia implica inevitabilmente un nuovo atto di creazione. Vuol dire omettere, sintetizzare, ingigantire, enfatizzare e queste non sono operazioni innocue. Ogni storia ha il suo strascico di vittime.


OUT OFF PROGRAMME

LUNEDI’ 28 MAGGIO Ore 11.00
C.Re.S.Co. | Tavolo delle Idee e Argot Off 4
presentano
RACCONTARE IL PRESENTE
sintesi contemporanea per drammaturgie future
laboratorio|tavola rotonda


LUNEDI’ 11 GIUGNO ORE 21.30
I PICCOLI MELANCONICI di Fabrice Melquiot
a cura di Sandra De Falco

E’ l’ultimo giorno di vita di Piccolo Tom e lui vuole che sia il suo più bel giorno. Da che si riconosce il più bel giorno della propria vita?


LUNEDI’ 18 GIUGNO ORE 21.30
CONVERSAZIONI di Antonio Tarantino
a cura di Sandra De Falco

Le vicende della Baader Meinhof sono consegnate alla Storia. Quello che accade a Carla, Fabizio, Gabriele, Barbara e Sandra è il racconto di una delle mille possibilità che il Teatro ci offre.
Così la pensa il Reverendo Osterreicher.

DOMENICA 17 GIUGNO
ORE 17.00 P.zza S.Cosimato
JOHNNY BISCOTTO EXTRAORDINARY CARAVAN
Festa di partenza del JBEC

É un autobus? È un camper? È una nave pirata? No, è un teatro!
JBEC è uno spettacolo di varietà in bilico tra il circo, il teatro, la danza, l’arte di strada e l’impossibilità, per qualsiasi artista oggi, di fare tutto ciò senza Johnny.

BIGLIETTO UNICO € 9 + € 1 TESSERA SOCI
OFF/TICKETS | PACCHETTI SPECIALI
Punta tutto sulla cultura e scommetti sulle nostre compagnie indipendenti!


TRIS: 3 SPETTACOLI NELLA STESSA SETTIMANA € 21
FULL: 5 SPETTACOLI A SCELTA € 36
ALL-IN: TUTTA LA RASSEGNA € 60

INOLTRE PIU’ SIETE E MENO PAGATE:

TWO PAIR: 4 BIGLIETTI 2 (9 €) + 2 (6 €)
ROYAL FLUSH: 6 BIGLIETTI TUTTI A € 6

CONVENZIONI | BIBLIO CARD 6€

...e quando si dice che l'arte non paga! Argot offre a tutti coloro che si presenteranno in cassa con un biglietto "Teatri di Vetro" l'ingresso a € 6

TUTTE LE SERE ORE 21.00 | PER INFO E PRENOTAZIONI
info@teatroargotstudio.com – Tel. 065898111


Ufficio Stampa Teatro Argot Studio
Rosario Capasso
cel. 393 56 27 004


Link: vai al sito

Autore della pubblicazione:
Rosario Capasso
Ufficio Stampa
Ufficio Stampa Capasso

(Fonte notizia: Guarda il promo!)
Vai alla versione stampabile di questa news - Versione in PDF Crea PDF di questa news
Info su chi ha pubblicato questo testo
Leggi altri testi dello stesso autore
Leggi altre news che trattano lo stesso argomento (SPETTACOLO)
» Clicca per leggere le ultime notizie pubblicate

ID: 169665


RSS Comunicati-Stampa.net, clicca per accedere alla pagina   Copyright © PuntoWeb.Net S.a.s.              Privacy | Regole servizio | Chi siamo | Pubblicità | Per la Stampa | Partners
 
PuntoWeb.Net Sas