ECONOMIA e FINANZA

Incentivi per le imprese culturali, turistiche e creative della Puglia

October 21 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il bando”Radici e Ali” è la misura della Regione Puglia a sostegno alle imprese delle filiere culturali, turistiche, creative e dello spettacolo. L’intervento POR Puglia 2014-2020, Azione 3.4 favorisce la creazione di contenuti innovativi e servizi complementari connessi alla valorizzazione e ad una migliore fruizione degli attrattori culturali e naturali.

Saranno promossi interventi riguardanti la riqualificazione, la realizzazione ed il miglioramento delle sale cinematografiche, dei teatri, dei luoghi da destinare allo spettacolo dal vivo, dei luoghi d’arte, delle sale da concerto, delle cineteche, dei laboratori, delle arts factory, dei teatri di posa, dei centri per la promozione e la diffusione della cultura dal punto di vista storico, artistico, figurativo e letterario.

Beneficiari degli incentivi per le imprese culturali e creative della Puglia

Il Bando della Regione Puglia è dedicato alle micro, piccole e medie imprese, in forma singola o associata, del settore turistico, creativo, culturale e dello spettacolo. Ovvero, le imprese individuali o società, fondazioni, associazioni che agiscono in regime di impresa appartenenti ai seguenti codici Ateco:
- 59.14.00 “Attività di proiezione cinematografica” (Misura A)
- 90.04.00 “Gestione di teatri, sale da concerto ed altre strutture artistiche” (Misura B)
- 90 “Attività creative, artistiche e di intrattenimento”, ad esclusione della categoria 90.03.01- attività di giornalisti indipendenti (Misura C)
Possono accedere all’agevolazione imprese in possesso (proprietà o affitto) di uno o più immobili identificati come attrattori naturali e culturali (beni culturali, istituti di luoghi di cultura, sale cinematografiche storiche, teatri, spazi di pubblico spettacolo aperti al pubblico, beni riconosciuti da apposite Leggi Regionali).

Tipologie di attività ammesse al Bando per le imprese culturali e creative della Puglia

L’incentivo della Regione Puglia si suddivide in 3 Misure, in base alla tipologia di intervento: la Misura A è finalizzata al recupero di sale cinematografiche funzionanti o attualmente dismesse o chiuse; la Misura B incentiva il recupero fisico e/o funzionale di teatri o luoghi dello spettacolo dal vivo in esercizio o attualmente dismessi; la Misura C mira alla realizzazione, miglioramento e riqualificazione di luoghi d’arte per la produzione culturale e creativa (da adibire a cineteche, biblio-mediateche, laboratori, ecc…).
Le spese ammissibili, sostenute dopo la presentazione della domanda, riguardano:
- Spese tecniche di progettazione, studi e analisi, rilievi, direzione lavori e collaudi connessi agli interventi, altri costi generali imputabili al progetto
- Spese per esecuzione di lavori
- Acquisto di terreni non edificati (entro il limite del 10%)
- Acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, finiture, arredi e dotazioni informatiche
- Software e licenze d’uso, siti internet e prodotti multimediali
- Costi relativi ad attività complementari (es: produzione e diffusione di opere artistiche e culturali, programmi di promo-commercializzazione dei servizi)
- Autoveicoli “per uso speciale”
L’importo minimo di spesa per la Misura A è di 400.000 €, la spesa minima per la Misura B e la Misure C deve essere pari ad almeno 250.000 € per ciascuna tipologia.

Agevolazione per le imprese della Puglia

La misura prevede un contributo a fondo perduto pari all’80% delle spese, fino ad un massimo di 2.000.000 €.

Come accedere agli incentivi per le imprese culturali e creative della Puglia

Sarà possibile accedere al bando, presentando domanda entro il 31 dicembre 2021.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Cesira Guida
Marketing & Comunicazione - Gruppo Del Barba Consulting
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere