SOCIETA

Inghilterra. Gli autisti di Uber sono dei dipendenti

February 23 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La Corte Suprema inglese ha stabilito che gli autisti di Uber sono dei dipendenti confermando, così, la sentenza del tribunale del lavoro.

Storica sentenza in Gran Bretagna secondo cui gli autisti di Uber sono dei dipendenti. I sette giudici della Corte Suprema hanno respinto all'unanimità l'appello di Uber contro la sentenza del Tribunale del lavoro secondo cui due autisti Uber erano "lavoratori" ai sensi della legge britannica.

Così ora gli autisti Uber in Gran Bretagna hanno diritto a vantaggi come ferie pagate e salario minimo. La decisione che minaccia il modello di business dell'azienda e ha ampie implicazioni per la gig economy. Secondo gli esperti, potrebbe, infatti, ispirare azioni legali simili contro altre società che fanno affidamento su gig worker, nonché tribunali di altri paesi alle prese con il problema, hanno detto gli esperti.


Il caso

Il caso è stato portato in tribunale nel 2016 su iniziativa dei due piloti Yaseen Aslam e James Farrar. La decisione è stata confermata in due cicli di ricorso prima che arrivasse alla Corte Suprema. Uber, con sede a San Francisco, che ha 65.000 conducenti attivi e 5 milioni di utenti regolari nel Regno Unito, aveva sostenuto che Aslam e Farrar fossero appaltatori indipendenti.

La sentenza ha chiarito che i conducenti sono considerati attivi sul posto di lavoro quando hanno effettuato l'accesso all'app di Uber e sono pronti e disponibili ad accettare corse. Queste potrebbero essere utilizzate per calcolare il salario minimo e le ferie. Uber, invece, affermava che i conducenti erano sul lavoro solo quando facevano un viaggio con un passeggero pagante.

La società ha affermato di aver rispettato la decisione del tribunale, che si è concentrata su un piccolo numero di conducenti che hanno utilizzato l'app Uber nel 2016.
"Da allora abbiamo apportato alcuni cambiamenti significativi alla nostra attività, guidati dai conducenti in ogni fase del percorso". Così ha affermato in una nota Jamie Heywood, direttore generale regionale di Uber per l'Europa settentrionale e orientale.
"Questi includono dare ancora più controllo su come guadagnano e fornire nuove protezioni come l'assicurazione gratuita in caso di malattia o infortunio".
Heywood ha detto che la società si consulterà con i suoi conducenti britannici per capire i cambiamenti che vogliono.


"I conducenti sono in una posizione di subordinazione e dipendenza da Uber"


Prima di arrivare a stabilire che gli autisti di Uber sono dei dipendenti, i giudici britannici hanno citato una serie di fattori.

Secondo la Corte Suprema, Uber stabilisce tariffe e termini contrattuali e limita la scelta dei conducenti se rifiutare o annullare le corse. Utilizza anche le valutazioni dei passeggeri per controllare i conducenti. Riduce al minimo le comunicazioni tra conducenti e passeggeri, il che si traduce nel servizio "definito e controllato molto strettamente da Uber".
"I conducenti sono in una posizione di subordinazione e dipendenza da Uber", con poca capacità di migliorare la loro posizione economica. L'unico modo per aumentare i loro guadagni è "lavorare più ore rispettando costantemente le misurazioni delle prestazioni di Uber". Così ha affermato il giudice George Leggatt, mentre leggeva un riassunto della sentenza in un live streaming del tribunale.

La sentenza ha chiarito che i conducenti sono considerati sul posto di lavoro quando hanno effettuato l'accesso all'app Uber nel loro territorio e sono pronti e disposti ad accettare corse, che potrebbero essere utilizzate per calcolare il salario minimo e le ferie. Uber aveva affermato che i conducenti lavoravano solo quando facevano un viaggio con un passeggero pagante.
Il caso dovrebbe ora tornare al tribunale del lavoro per le decisioni sul risarcimento per la perdita di retribuzione per circa due dozzine di conducenti coinvolti nella domanda originale.

Uber ha affermato che alcune caratteristiche citate nella sentenza non esistono più. Ha sottolineato che dal 2017 i conducenti non hanno ripercussioni per aver rifiutato più viaggi consecutivi.


Le conseguenze nella Gig Economy

Gli esperti hanno affermato che la sentenza non ha un grande impatto immediato su altre società. I giudici hanno, infatti, citato pratiche commerciali specifiche di Uber, che nel Regno Unito deve operare in base a normative specifiche che disciplinano i minicab.
"Detto questo, anche se non farà automaticamente in modo che tutti i lavoratori della gig economy abbiano quei diritti, ovviamente renderà le persone consapevoli del potenziale per portare quelle affermazioni" in tribunale, ha detto Joe Aiston, un socio senior dello studio legale Taylor Wessing .


Non solo UK

Sempre più nazioni e pubbliche amministrazioni in contrasto con Uber. La sentenza inglese che stabilisce che gli autisti di Uber sono dei dipendenti non è infatti il primo caso contro cui il gigante statunitense si è trovato a lottare. Celebre fu 2019 l'AB5 con cui lo stato della California ha stabilito una serie di regole che avrebbero potuto cambiare lo status dei conducenti da indipendenti a dipendenti.

Il caso allora fece particolarmente notizia in quanto era la California stessa culla delle start up della sharing economy americane a stabilire dei paletti all'operato di Uber.

Uber già fortemente colpita dalla crisi del Covid a oggi si trova a fronteggiare una serie din problematiche nel mondo relative proprio al suo rapporto coi drivers.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere