ARTE E CULTURA

Intervista - Grande successo di pubblico per la personale di Graziano Ciacchini

November 13 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il poliedrico artista Graziano Ciacchini è stato intervistato a seguito del successo riscosso dalla sua ultima mostra personale dal titolo "Suburbio" tenutasi in Toscana ad Ottobre 2018.

Il poliedrico artista Graziano Ciacchini è stato intervistato a seguito del successo riscosso dalla sua ultima mostra personale dal titolo "Suburbio" tenutasi in Toscana ad Ottobre 2018.

D: Un tuo commento di valutazione sull'ultima tua recente mostra; sei rimasto compiaciuto in generale?
R: La mia ultima personale si è svolta a Ponsacco, in provincia di Pisa, luogo dove vivo, dal 12 al 15 Ottobre scorso. Pensata ed organizzata nei giorni della festa del patrono che richiama tantissime persone anche dalle città vicine, ed ubicata in uno spazio posto sul corso principale, ha avuto un grande successo di pubblico. La soddisfazione maggiore è stata quella di scoprire molta curiosità e molto interesse verso i temi che affronto miei miei lavori, con molte persone mi sono soffermato a parlare ed a confrontarsi sul messaggio trasmesso e sulle emozioni recepite.

D: Ti senti affine nello stile pittorico alla formula espressiva del paesaggismo?
R: Sono appassionato di quel tipo di pittura e molto attratto dalle rappresentazioni sia del paesaggio agricolo che di quello urbano, fatte dai maggiori esponenti del '900 in Toscana. Sono poi irrimediabilmente affascinato dal paesaggio marino e collinare della zona in cui sono nato e nella quale vivo. Credo che queste parti del vissuto e dell'immaginario tornino nei miei lavori, non come una riproduzione reale dell'intono, ma come elementi di un canone personale più votato al tentativo di rappresentare emozioni.

D: Nei tuoi dipinti manca spesso la figura umana; da cosa deriva questa scelta certamente non casuale ma ben mirata?
R: Preferisco incontrare luoghi del mio immaginario e rappresentarli per quello che sono, espressioni del mio pensiero e del vissuto. C'è un rapporto profondo e molto personale con i miei lavori, come se fossero una continua ricerca votata all'emersione. Nemmeno la presenza dei personaggi velati che io chiamo confidenzialmente "animilli", colma la lacuna dell'assenza di umani, loro sono la rappresentazione del pensiero che ha pensato l'immagine, inserito dentro l'immagine. La guardano la osservano silenziosi con il privilegio di abitarla.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere