AZIENDALI

ISO 9001 e Halal: mutuo beneficio

February 13 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

ISO 9001:2015 e prodotti alimentari: l'analisi del contesto apre alla certificazione Halal

Tra le novità introdotte dalla nuova edizione dello standard ISO 9001, ora in versione 2015, vi è l'analisi del contesto interno ed esterno ad un'azienda, per individuare le minacce e le opportunità in cui può imbattersi un'azienda .
L'accurata analisi del contesto esterno ad un'azienda alimentare si rivolge alla valutazione dei mercati di piazzamento del prodotto ed al raffronto con i competitors. Quali risorse ha un'azienda alimentare per accrescere il proprio vantaggio competitivo sul mercato, a fronte delle sempre maggiori esigenze dei consumatori?

Il raggiungimento della certificazione "Halal" di un prodotto alimentare può essere una risposta. "Halal" significa "lecito", ciò che secondo il Corano non è dannoso al consumatore. I mercati esteri e la GDO tendono a privilegiare la scelta di prodotti alimentari certificati Halal perché vi sono 2 miliardi di consumatori musulmani che ricercano prodotti certificati pronti a spendere quasi 6 miliardi di dollari l'anno per l'acquisto di questi beni.
Dunque, alla luce di questo contesto, non resta che attrezzasi e verificare lo stato di "Halal" dei propri prodotti e raggiungere la certificazione.

ICB Quality - Halal World conduce un processo di audit rigoroso (coniugando competenze nel settore food/cosmesi/packaging) e nel rispetto dell'etica della certificazione a garanzia dei consumatori di prodotti Halal.



Licenza di distribuzione:
Giovannimaria Crivellaro
Resp. Marketing - ICB QUALITA' SRL
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere