ARTE E CULTURA

'L'Anima e la Musica': quel Romanticismo che rivoluzionò la sensibilità e il gusto di un'epoca

March 22 2011
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente
CORRELATI:

All'interno del Complesso Museale di Santa Maria della Scala a Siena, la mostra evento "L'Anima e la Musica": un tributo al Romanticismo e ai suoi protagonisti, in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia.

A Siena, all'interno del Complesso Museale di Santa Maria della Scala, dal 12 marzo al 19 giugno 2011 si terrà la mostra evento “L'Anima e la Musica”: musica, documenti e dipinti dell'Ottocento europeo saranno messi in risalto da una serie di elaborazioni multimediali, che riserveranno ai visitatori un'incredibile spaccato della realtà storica e culturale di quel periodo.

Il Romanticismo è stato un movimento artistico, letterario, musicale e culturale sviluppatosi in Germania sul finire del XVIII secolo e diffusosi poi in tutta Europa durante il corso del secolo successivo; le tematiche del movimento pre-romantico dello Sturm und Drang diedero vita a un fenomeno complesso, che assunse connotazioni differenti a seconda delle nazioni in cui si sviluppò

Géricault, Delacroix, Friedrich, Turner, Goya, Keats, Byron, Shelley, Novalis, Wagner e Verdi, questi furono soltanto alcuni tra i grandi personaggi della cultura romantica... Nell'esposizione senese, la rilettura del Romanticismo avviene attraverso i multiformi generi musicali propri di quel periodo e il loro intreccio con i temi appartenenti alla cultura e alla sensibilità romantica (il contrasto tra classico e moderno, ingenuo e sentimentale, il ruolo del sogno, il gusto per il grottesco e il sublime, il senso della patria, la spinta rivoluzionaria e solidaristica, l'amore trasformato in modo definitivo pretendendo passione e sentimento al contempo, il perdersi nell'altro, intimità e complicità, la trasgressione individuale e la vita familiare).
La pittura, la musica e la letteratura si intrecceranno attraverso una narrazione multimediale, insieme alle opere esposte (tra le quali spiccano quelle di Füssli, Ingres, Blechen, Friedrich, Constable e Vernet) scorreranno su schermi al plasma alcune opere virtuali, in un connubio multisensoriale, tra arti e nuove tecnologie.

La mostra è promossa dal Comune di Siena e dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena, che in occasione dei festeggiamenti per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia hanno voluto narrare l'esperienza romantica e l'epoca del Risorgimento.
Il Risorgimento italiano ha infatti un debito culturale, e politico nei confronti del Romanticismo: la presenza di Verdi a Milano all’indomani delle Cinque giornate è un momento che viene soltanto dopo il lungo soggiorno di Shelley e di Byron in Italia e il coinvolgimento di quest'ultimo nei moti carbonari, prima di andarsene a morire per l’indipendenza della Grecia.

Il contesto dell'esposizione saranno le sale di un'abitazione ottocentesca e la mostra rimarrà aperta tutti i giorni dalle 10:30 alla 19:30 festivi compresi.
Uno tra quegli eventi in Toscana al quale non potete davvero mancare.

Caterina Pomini



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere