INTERNET

La convenienza supera la preoccupazione: il 31% dei consumatori fa acquisti sui social media, secondo la nuova ricerca MarkMonitor

September 19 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La maggior parte dei consumatori ritiene che ci sia bisogno di più protezione online.

Più del 90% dei consumatori ha rivelato di avere timore a effettuare acquisti su social media, ciononostante, secondo la ricerca, quasi un terzo li utilizza come piattaforma di acquisto.

Il report di MarkMonitor, società del gruppo Clarivate Analytics, specializzata nella protezione del brand aziendale, ha rivelato che le maggiori preoccupazioni riguardano la sicurezza dei pagamenti (59%), la qualità dei prodotti (56%), la sicurezza dei dati personali (55%) e l’acquisto di un prodotto falso (47%).

I timori riguardo agli acquisti sui social media sembrano giustificati: il 31% dei consumatori sostiene di aver involontariamente comprato prodotti contraffatti e, tra questi, il 23% ha effettuato l’acquisto sui social.
Inoltre, il 63% dei consumatori crede che i brand, i marketplace online e le piattaforme di social media non facciano abbastanza per proteggerli dai contraffattori, dalle frodi e dai criminali informatici.

I dati emersi sono particolarmente significativi quando si analizza la decisione di acquisto sui social media. Il fattore che influenza maggiormente la decisione di acquisto è la reputazione del brand (55%), seguita dalle valutazioni di altri utenti (48%) e dal livello di gradimento di amici e familiari (34%). Per quasi un quarto degli intervistati (23%) gioca un ruolo importante anche il suggerimento da parte di celebrità e influencer.

“Sempre più persone utilizzano i social media e li percepiscono sempre di più come un canale di acquisto” ha affermato Chrissie Jamieson, Vicepresidente Marketing di MarkMonitor. “Di conseguenza è probabile che il numero di transazioni effettuate su queste piattaforme aumenti . La ricerca evidenzia che, indipendentemente da dove decidano di fare acquisti online, i consumatori rimangono il principale bersaglio dei contraffattori e si aspettano dai brand e dalle piattaforme social una maggiore attenzione verso la sicurezza”.

"Le aziende devono includere anche le piattaforme di social media nelle loro strategie di protezione del brand online per salvaguardare gli acquirenti e la propria reputazione. Molte piattaforme social si sono già attivate per difendersi dalla vendita di prodotti contraffatti e stanno costantemente migliorando le proprie strategie per rilevare e denunciare i falsi, ma i consumatori ritengono che tutte le parti interessate debbano fare di più in futuro”

La ricerca ha rivelato inoltre che i consumatori si fidano di alcuni aspetti dello shopping sui social media. Due terzi (66%) degli acquirenti non dubita delle informazioni mostrate dai siti di shopping sui social media, mentre il 30% non ha problemi a utilizzare la propria carta di credito per effettuare un acquisto. Gli intervistati hanno dichiarato che i prodotti comprati più frequentemente sui social media sono abbigliamento, accessori elettronici e per la casa, mentre non comprerebbero mai altre categorie di beni o servizi come gioielli (27%), prenotazione delle vacanze (27%), prodotti per la salute (26%) e biglietti per eventi (24%).
La ricerca è stata commissionata da MarkMonitor e condotta dalla società di sondaggi indipendente Vitreous World. È stato esaminato un campione di 2.603 consumatori di cinque paesi: Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti per valutare le loro esperienze e opinioni sullo shopping online, la sicurezza e il ruolo dei brand. Le interviste sono state condotte online ad agosto 2019.

Il report completo è disponibile qui: www.markmonitor.com/socialmediareport

---
© 2019 MarkMonitor. MarkMonitor e il rispettivo logo, come anche tutti gli altri marchi utilizzati in questo documento sono marchi registrati dei loro rispettivi proprietari e usati sotto licenza.

MarkMonitor
MarkMonitor, azienda parte di Clarivate Analytics, e leader globale nel settore della brand protection, fornisce la tecnologia avanzata e l'esperienza necessaria al fine di protegge i ricavi e la reputazione dei brand leader a livello mondiale. Nel mondo digitale, i brand devono affrontare nuovi rischi dovuti all’anonimato del web, alla portata globale e al cambiamento dei modelli di consumo per i contenuti digitali, beni e servizi. I clienti scelgono MarkMonitor per la sua combinazione unica di tecnologia avanzata, protezione completa ed estese relazioni industriali per affrontare i rischi di violazione del brand e preservare i loro investimenti di marketing, i ricavi e la fiducia dei clienti. Per ulteriori informazioni, visitare il sito markmonitor.com.
Clarivate Analytics
Clarivate Analytics è leader globale nel fornire approfondimenti e analisi affidabili per accelerare il ritmo dell'innovazione. Basandoci su un patrimonio che risale a più di un secolo e mezzo, abbiamo costruito alcuni dei brand più affidabili attraverso il ciclo di vita dell'innovazione, tra cui Web of Science, Cortellis, Derwent, CompuMark, MarkMonitor e Techstreet. Oggi, Clarivate Analytics è una società nuova e indipendente con una coraggiosa missione imprenditoriale, per aiutare i clienti a ridurre radicalmente il tempo dalle nuove idee alle innovazioni che cambiano la vita. Per ulteriori informazioni, visitare clarivate.com.
Forward-Looking Statements
Questo comunicato stampa e dichiarazioni verbali rese in relazione alle informazioni contenute in questo comunicato possono contenere dichiarazioni previsionali riguardanti Clarivate Analytics. Le dichiarazioni lungimiranti forniscono le attuali aspettative o previsioni di eventi futuri di Clarivate Analytics e possono includere dichiarazioni relative a sinergie anticipate e aspettative future. Queste dichiarazioni implicano rischi e incertezze, inclusi fattori al di fuori del controllo di Clarivate Analytics che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente. Clarivate Analytics non si assume alcun obbligo di aggiornare o rivedere le dichiarazioni contenute nel presente documento, sia come risultato di nuove informazioni, eventi futuri o altro.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Simona Labianca
Responsabile pubblicazioni - Shin Communication
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere