ARTE E CULTURA

La piattaforma dei documentari al servizio di tutti

June 3 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Altri 8 nuovi film per un totale di 45 film documentari su docacasa.it

LA PIATTAFORMA DEI DOCUMENTARI A SERVIZIO DI TUTTI

Rassegna visibile al tempo di un nemico invisibile:

A che punto siamo con i fiori? Concetto Pozzati - Dialogo per segni e materia;

A Seafish from Africa - Il mio amico Banda; Centoquaranta pecore nere;Falling;

In difesa delle sacre immagini; La prima meta; Libere di restare. Libere di muoversi; Mare Bianco



Ancora otto nuovi film per un totale di 45 documentari d’autore, dal 29 Maggio 2020, su “DOC A CASA”, www.docacasa.it, la piattaforma per la visione gratuita di documentari di autori e opere dell’Emilia Romagna, organizzata dall’associazione DER - Documentaristi dell’Emilia-Romagna (DER).



Grazie agli autori che stanno continuando a rendere disponibile le loro opere, “DOC A CASA” propone anche per questa settima settimana otto nuovi titoli, a conferma della qualità dell'offerta che premia la formula della rassegna online.



Da venerdì 29 maggio sono disponibili in streaming gratuito su www.docacasa.it: A che punto siamo con i fiori? Concetto Pozzati - Dialogo per segni e materia di Carlotta Cicci e Stefano Massari, lavoro inedito composto dalla materia, dai segni e dalla voce del grande maestro artista di punta dell’arte contemporanea, Concetto Pozzati; A Seafish from Africa - Il mio amico Banda di Giulio Filippo Giunti, una storia che fa riflettere su come culture molto diverse tra loro possano cercare di costruire un dialogo grazie all’esperienza di vita che ogni persona porta con sé; Centoquaranta pecore neredi Giovanna Poldi Allai, Filippo Lilloni, Sandro Nardi, il racconto dell'ultima transumanza di Beppe, pastore d'Appennino, nato nel 1927, che fino a ottant’anni ha fatto la transumanza con le sue pecore massesi a piedi; Falling di Gerardo Lamattina, un incredibile documentario tratto dalla storia vera di Laura Rampini prima ed unica paracadutista paraplegica al mondo; In difesa delle sacre immagini di Davide Montecchi, un viaggio, durato due mesi, alla scoperta della scuola pittorica riminese del ‘300; La prima meta di Enza Negroni, film dedicato ai Giallo Dozza, la squadra multietnica di rugby della Casa Circondariale Dozza di Bologna; Libere di restare. Libere di muoversi di Rita Bertoncini, il racconto per immagini della scuola d’Italiano per donne straniere a Bondeno; e Mare Bianco di Alessandro Renda, un “taccuino di appunti” che racconta l'esperienza del Teatro delle Albe a Mazara del Vallo, una delle città italiane che più si protende verso le coste africane e che ancora oggi rivela la sua lunga storia di relazioni tra le due sponde del Mediterraneo.

“DOC A CASA” organizza, inoltre, gratuitamente a richiesta, il “cineforum on line alla presenza dell’autore” per le scuole medie e superiori della Regione. I docenti emiliano-romagnoli potranno infatti proporre alla propria classe la visione di ciascuno dei film proposti, rivolto a una particolare tematica storico-sociale-artistica-letteraria o interessante per l’originale contenuto narrativo.



Infine anche per questa settimana sarà possibile contattare via mail la produzione e/o gli autori di ciascun film-documentario in programma per un incontro on line, sia individuale che per gruppi di interesse. Nella sezione “Dettagli” di ogni film documentario, è possibile trovare la mail dell’autore e della produzione.



“DOC A CASA” vuole essere un servizio ed un punto di riferimento aperto per gli amanti del documentario e i filmmakers dell’Emilia-Romagna ma anche uno stimolo per incontrarsi, riflettere insieme, creare stimoli e intravedere insieme nuove linee e prospettive culturali, nuovi “segni dei tempi” per uscire dalla crisi.



La rassegna è curata da Vincenzo Pergolizzi, con il coordinamento di Enza Negroni e web master Bruno Migliaretti.



Licenza di distribuzione:
Giamcarlo Garoia
CORRISPONDENTE - UFFICIO STAMPA RETERICERCA
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere