GASTRONOMIA

La storia della pizza Margherita

November 3 2014
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La pizza Margherita, soprattutto nel nostro paese, è un’istituzione. E’ il principio e la fine di uno dei piatti più amati al mondo, la base su cui ci si può sbizzarrire per inventare nuove pizze. Quali sono le sue origini?

Da un incrocio fra storia e leggenda, come spesso avviene, si è appreso che il padre della pizza Margherita è Raffaele Esposito, pizzaiolo di Napoli. Quest’ultimo, nel 1889, la presentò come novità assoluta in onore della regina d’Italia Margherita di Savoia, in visita nel capoluogo campano insieme al marito Umberto I.

I colori della bandiera italiana

Incaricato di deliziare il palato reale con il “piatto forte” cittadino, Esposito preparò una classica focaccia (strutto, formaggio e basilico), la già nota marinara (aglio, pomodoro e origano) e l’innovativa pizza con basilico, mozzarella e pomodoro: verde, bianco e rosso, i colori della bandiera italiana. Infine, come ulteriore omaggio ai reali, la chiamò come la regina Margherita.

Un successo senza fine

Da allora fu solo una strada in discesa per il piatto campano: la pizza Margherita si diffuse a macchia d’olio in tutto il mondo, divenendo uno dei piatti più noti della tradizione italiana insieme alla pasta. Come ben sapete, anche nel menu più innovativo di qualsiasi pizzeria, non può mancare la classica Margherita.

Una curiosità

La pizza, dal 4 febbraio 2010, è stata nominata “Specialità tradizionale garantita dall’Unione Europea”. Non possiamo che esserne orgogliosi, siete d’accordo?



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Tonya Puleo
SEO specialist e Webmarketer - DadoNet snc
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere