AZIENDALI

La ''voce rosa'' che si è fatta strada da se

November 9 2007
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il suono delle parole degli spot più noti in Italia è quello di Annalisa Corni, l’imprenditrice che del suo DreamStudio ha fatto una realtà di successo.

BOLOGNA − Intraprendente, tenace, entusiasta della vita, innamorata della sua professione: questo il profilo di Annalisa Corni, la speaker bolognese che ha prestato la propria voce alle pubblicità radiotelevisive più popolari del Paese e che ha avviato e consolidato una storia vincente di imprenditoria al femminile. L’importanza del lavoro “rosa” nell’economia e dell’apporto al PIL della cosiddetta “womeneconomics” è oggi un dato di fatto a livello mondiale. A causa però del grave ritardo che si evidenzia in Italia, rispetto al resto d’Europa, nella valorizzazione della donna in quanto risorsa sia in termini di servizi che di strumenti normativi, oggi la donna italiana per raggiungere l’affermazione economica e sociale deve combattere con le sole armi delle proprie capacità. E così ha fatto Annalisa Corni, vincendo la sfida. Fondatrice nel 1995 di DreamStudio, il centro di produzione servizi audio per spot, jingles, e cori discografici, Annalisa è una donna dotata di grande forza di volontà, di tutta la forza necessaria per costruire dal nulla la sua carriera e per allacciare numerose partnership di livello internazionale. Comet, Mc Donald’s Svizzera, Benetton Bellinzona, Conad, Despar, Krea, Coop, Poltronesofà e Cesare Ragazzi Company sono soltanto alcuni tra i nomi delle grandi aziende che l’hanno scelta direttamente o tramite le loro agenzie per le produzioni audio pubblicitarie. Per non parlare dell’ambito radiofonico, nel quale Annalisa si è affermata con importanti collaborazioni con Radio Lattemiele, Gammaradio, Radio Margherita, Radio Cuore e One&One Network. Considerata la stagnazione nel quale versa il mercato pubblicitario negli ultimi anni, che ha comportato la chiusura di molte imprese di piccole dimensioni nel settore, DreamStudio ha compiuto un autentico miracolo: non solo ha mantenuto la prestigiosa posizione acquisita negli anni, ma ha addirittura chiuso il 2006 con un bilancio in continua crescita rispetto all’ultimo triennio. Il merito di questo successo è dell’ideatrice che ha saputo fornire ai propri clienti servizi immancabilmente di alta qualità, frutto di una professionalità maturata con l’esperienza pluridecennale nel settore. Sin da bambina Annalisa ha seguito corsi di recitazione, dizione, danza e canto con insegnanti come Alda Scaglioni (già maestra di Gianni Morandi e Gloria Guida), Teo Ciavarella e Geden Capellari (maestri di jazz) e Tania Bellanca, per poi maturare un numero sempre crescente di competenze in tanti anni di lavoro in radio e in sala registrazione. Tra le altre esperienze di primo piano, spicca la sua partecipazione a numerosi cori tra i quali quello di Lucio Dalla nell’album “Cambio”, di Neffa, dei Ratz, di Gaetano Pellino dei Fandango e di Vincenzo Incenzo, autore di canzoni per Renato Zero e Michele Zarillo. In questo modo Annalisa Corni ha capito “come diventare il cuore e la mente degli spot”: DreamStudio infatti offre anche servizi di ideazione e produzione pubblicitaria. Dopo tanti traguardi raggiunti, l’instancabile Annalisa ha in cantiere altri nuovi obiettivi da centrare: «Intendo espandere ulteriormente DreamStudio. Oltre ai servizi di spot, jingles, station break, song, shout, messaggi per le segreterie telefoniche che già offriamo, intendiamo affiancare quello di registrazione voci per i videogiochi che credo si rivelerà molto divertente. Punteremo anche sull’audio per internet e per le attese telefoniche delle centraline aziendali, creando veri e propri spot. Penseremo inoltre a chi vorrebbe seguire le nostre orme, organizzando dei corsi musicali, di dizione e di speakeraggio per insegnare l’arte della parola a 360 gradi. Insomma, DreamStudio garantirà a chi ama questo mondo di viverlo dall’interno, oltre che sognarlo».

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere