SALUTE e MEDICINA

Lavorare seduti, i rischi per la salute. E gli accorgimenti per ritrovare il benessere

April 11 2013
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Mal di testa, problemi agli occhi, stanchezza fisica, difficoltà di concentrazione, mal di schiena, dolori al collo, problematiche posturali, accumulo di liquidi. Questi sono solo alcuni dei disturbi che la maggior parte delle persone sperimentano se passano diverse ore al computer.

In un mondo perfetto, faremmo tutti lunghe passeggiate, tanta attività fisica e frequenti pause dal lavoro. E potremmo scongiurare i pericoli della sedentarietà.

Una ricerca condotta per 20 anni su 17.013 canadesi dai 18 ai 60 anni ha dimostrato che stare troppo tempo seduti porta mal di schiena, mal di testa cronici, dolori al collo, problemi posturali, dolore agli occhi, accumulo di liquidi e (soprattutto) un alto rischio di infarto. Inoltre, rende molto più difficile la concentrazione e l'essere creativi e produttivi, sul lavoro o nello studio.

Stare “troppo tempo” seduto non vuol dire passare tutto il giorno dietro una scrivania o davanti a un computer. Basta stare seduti più di tre ore al giorno – al computer, a lavoro, alla guida, davanti alla TV, a tavola – per danneggiare gravemente la salute ed a lungo andare fare danni irreparabili al corpo.

Secondo la ricerca canadese, fare molta attività fisica ed usare una sedia ergonomica di ultima generazione non sono le soluzioni. La buona notizia è che bastano pochi semplici accorgimenti per evitare i rischi e stare bene.

E’ proprio di questo che parla un nuovo interessante video di Massimo Mondini, esperto di benessere psico-fisico e fondatore del Movimento Arcaico.

Dura oltre mezz’ora e mostra non solo i risultati dello studio canadese, ma propone semplici soluzioni da applicare subito.

Chi sta seduto più di tre ore al giorno potrà trovare utile guardare il video, per ricevere un aiuto ad avere una schiena in salute, maggiore benessere, concentrazione e produttività.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere