SICUREZZA INFORMATICA

Le catene di Sant'Antonio

January 29 2015
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Come nel mondo reale anche nel mondo di internet ci sono le catene di Sant'Antonio con le insidie che ne conseguono. Vediamo come fare a riconoscerla e non cadere nel tranello.

Sappiamo tutti cosa sono le catene di Sant'Antonio nel mondo reale, ma dobbiamo sapere che anche nel mondo di internet esistono.

In particolare le catene di Sant'Antonio non sono altro che mail partite da un mittente, solitamente sotto falsa identità, con intenzioni malevole in cui chiede a chi le riceve di inoltrarle a sua volta a quante più persone possibili.

Quali sono le tipologie di catene di Sant'Antonio?

- Leggende metropolitane: in questa categoria rientrano quelle mail in cui si diffondono notizie mescolando fatti reali con vere e proprie falsità inducendo il ricevente a false convinzioni.
- Bufale: sono mail nel cui contenuto si tenta di imbrogliare il destinatario. Esempi possono essere la diffusione di istruzioni per eliminare file necessari al sistema operativo, con lo scopo di rendere vulnerabile il nostro sistema, oppure delle vere e proprie richieste di denaro.
Un classico esempio sono quelle catene in cui si richiede l’invio di denaro con la promessa di ricevere una percentuale sul denaro inviato dai contatti che a nostra volta abbiamo stabilito. Bene, sappiate che una cosa del genere è del tutto illegale, perché non si può chiedere denaro senza offrire un prodotto o servizio.

Come difendersi?

Non esiste un decalogo per definire le catene di Sant'Antonio, ma ci sono delle accortezze che possiamo tenere quando riceviamo una mail che potrebbero far insorgere dei sospetti:

- Testo pieno di errori ortografici e grammaticali.
- Indicazioni in merito alla rimozione di virus o Trojan non riconosciuti da nessun programma antivirus.
- Eseguire azioni con la promessa di ricevere denaro o regali.
- Mettere una certa fretta nel rilanciare la mail.
- Indicazione di gravissime conseguenze se non facciamo ciò che ci viene indicato nella mail o interrompiamo la catena.

Alcuni link utili

- Symantec Security Response Hoaxes (http://www.symantec.com/avcenter/hoax.html)
- Urban Legends Reference Pages (http://www.snopes.com/)
- McAfee Security Virus Hoaxes (http://vil.mcafee.com/hoax.asp)
- Hoaxbusters (http://hoaxbusters.ciac.org/)
- TruthOrFiction.com (http://www.truthorfiction.com/)
- Urban Legends and Folklore (http://urbanlegends.about.com/)

Con questo spero di avervi dato delle indicazioni utili e che d'ora in avanti abbiate un maggiore occhio di riguardo di fronte a certe mail.

Link:


Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Alessio Arrigoni
Responsabile pubblicazioni - Alessio Arrigoni
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere