SOCIETA

Le ferie? me le faccio in giardino

April 24 2012
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente
CORRELATI:

A Tuttocasa, nel complesso fieristico di Carrara, dal 21 aprile al 1° maggio. Sempre più persone sono obbligate a rinunciare alle ferie. Uno studio della Società Italiana di Psicologia. Alla grande kermesse di Marina di Carrara proposte, materiali e attrezzature per trasformare una rinuncia in un fattore positivo.

Ricordate quei film di molti anni fa, nei quali intere famiglie si asserragliavano in casa, con rifornimenti di viveri per 15 giorni, nascondendosi alla vista di vicini, parenti e amici, perché non potevano permettersi le ferie al mare? Simulavano le vacanze standosene in penombra e parlando sottovoce, mentre creavano le storie da raccontare al “ritorno”.

Ebbene, quella satira vagamente kafkiana, raffigurava comportamenti reali, tuttora esistenti, che però stanno passando fortunatamente di moda.
Anche al giorno d’oggi la sempre nominata crisi (che pare lontana dal risolversi), obbliga intere famiglie a trascorrere le “ferie” a casa.
Ci sono commercianti e imprenditori che avrebbero la disponibilità economica per l’agognata vacanza ai tropici o sulla Riviera Apuana, ma devono badare agli affari: non possono lasciare l’attività neppure per pochi giorni.
Ci sono quelli che potrebbero, ma pensano bene di risparmiare in previsione di tempi duri.
E ci sono purtroppo, sempre di più, coloro che non possono proprio permettersele, le ferie.

Per tutti questi e altri simili casi, è scattata la “moda” della vacanza in casa e, per i più fortunati, in giardino. Il periodo tradizionalmente riservato alle ferie diventa un momento da occupare con la manutenzione dell’abitazione, con il bricolage, con la tinteggiatura della cucina. Per i “giardinodotati” c’è anche la floricoltura, la manutenzione del verde e magari la piscina gonfiabile, che senza murature e con poche centinaia o addirittura decine di euro permette di rilassarsi al fresco.

Tuttocasa riesce a intercettare queste richieste presentando molte aziende che propongono tutto il necessario per dedicarsi con profitto ad attività casalinghe…in senso lato.
Attrezzi manuali ed elettrici, vernici, motoseghe, tagliaerba (anche robotizzati, ma allora gran parte del divertimento e dello scopo se ne vanno…), motocoltivatori e tutto quanto serve per la manutenzione di case e giardini grandi e piccoli si trovano in numerosi stand, di tutti i tipi e prezzi.
I vari settori sono ben rappresentati: si trovano articoli artigianali a livello di forbici e coltellini per potature e innesti, per arrivare ai prodotti industriali, come i grandi rasaerba con i quali si può compiere questa doverosa operazione standovi comodamente seduti sopra.
E non dimentichiamoci che, con spese alla portata di tutte le tasche, nelle aree all’aperto della fiera si trovano fiori, piante e arredo da esterni.
Non ci sono più scuse, bisogna solo rimboccarsi le maniche.

Il risultato? Nessuna vergogna nel farsi vedere dai vicini, grande risparmio su materiali e mano d’opera, ginnastica senza palestra ( e senza i relativi costi).
Non tutto il male viene per nuocere, quindi? Sarebbe davvero una bella cosa, se così fosse, perché, secondo una studio condotto dalla Società Italiana di Psicologia, sono sempre di più gli italiani che simulano le vacanze nascondendosi: la vera notizia è che oggi non sono più le famiglie povere ad adottare questa strategia, ma fasce medie e medio alte di popolazione che non vogliono sembrare impoverite. Sempre secondo la stessa ricerca, questo fenomeno interessa ormai, a vari livelli di simulazione, una percentuale che oscilla addirittura tra il 10 e il 15% degli italiani.

Meditate, gente, meditate, recitava una pubblicità di qualche anno addietro.

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere