MOTORI RICERCA

Le tecniche seo stanno cambiando?

September 15 /2011
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

L'evoluzione degli algoritmi dei motori di ricerca portano gli esperti a modificare l'approccio per posizionare i siti su Google e sugli altri principali motori di ricerca.

Tutte le aziende hanno come obiettivo quello di posizionare il sito internet aziendale nei primi posti dei motori di ricerca.
La competizione è sempre più ferrata.
Le aziende hanno capito che presentarsi in prima pagina sui motori, significa ottenere maggiore visibilità e quindi nuove possibilità di business.

In realtà il solo posizionamento non è sufficiente per acquisire clienti.
E' meglio avere 1000 visitatori al proprio sito e 2 che ci contattano per un contratto oppure averne 100 e 10 che diventano clienti?
La risposta è ovvia. Più che il numero di visite, conta la qualità dei visitatori che entrano nel nostro sito.

Dietro questo concetto semplice esiste una strategia chiara su come intercettare visitatori di qualità per il proprio sito.
Accanto a questo discorso che non voglio trattare ora, rimane comunque intatto il valore delle tecniche seo.

E' vero però che ci dev'essere un'azione congiunta tra seo e strategie generali di webmarketing.

Un buon SEOTEST per verificare se si stanno seguendo le tecniche giuste per il posizionamento del sito è presente a questo indirizzo:
http://www.freedomworld.it/seotest/


Ma le tecniche seo stanno cambiando?
La tendenza è quella di dare sempre più importanza, anche per il discorso seo, ai social network (facebook in testa) . Google sembra voglia premiare sempre più i siti che acquistano credenziali di autorevolezza in modo naturale; pertanto, Google assegnerà in futuro maggior valore alle relazioni sociali che si hanno intorno ad un sito.
Il peso quindi dei link lasciati sui social media avrà sempre più importanza. Per lo meno questo è quello che ha affermato Matt Cutts
già nel dicembre 2010.
Video a questo indirizzo:
http://www.youtube.com/user/GoogleWebmasterHelp#p/a/u/2/ofhwPC-5Ub4

Ma questo non potrebbe portare ad un uso improprio dei link anche sui social media?
Si pensa che Google terrà comunque presente l'autorevolezza delle pagine dove si troveranno questi link, l'argomento trattato etc.
Del resto già ora il peso dei backlink è molto diverso in base all'autorevolezza del sito da cui arrivano. Già attualmente non conta tanto il numero di backlink quanto l'importanza degli stessi. Meglio pochi backlink autorevoli che un'infinità di backlink di scarso valore.

Tecniche invece che oggi hanno un notevole valore, come creare un dominio con un nome significativo (contenente keywords) o usare parole chiave come anchor text, in futuro conteranno un po' meno.
Lo stesso Matt Cutts lo dice nel video presente a questo link: http://www.youtube.com/watch?v=rAWFv43qubI&feature=player_embedded

dove spiega come il peso, in termini seo, del nome di dominio calerà di importanza.

Link:

Licenza di distribuzione:
Roberto Cordano
Titolare - Freedomworld di Cordano Roberto
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere