ECONOMIA e FINANZA

Legge di Bilancio 2020 – Proroga del Bonus Formazione 4.0

January 20 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La Legge di Bilancio 2020 proroga il Bonus Formazione 4.0 per tutto il 2020, con alcune modifiche. La misura prevede una semplificazione delle procedure ed una nuova aliquota agevolativa per la formazione per lavoratori “svantaggiati” o “molto svantaggiati”.

Cos’è il Credito d’imposta Formazione 4.0

Il Bonus Formazione 4.0, misura prevista dalla Legge di Bilancio 2018 e già prorogata nel 2019, si rivolge a tutte le imprese presenti sul territorio nazionale, che investono in attività di formazione per acquisire o consolidare le conoscenze tecnologiche previste dal Piano Nazionale Industria 4.0 (ora Impresa 4.0).

Attività ammesse al Bonus Formazione 4.0

Il credito d’imposta è applicabile sulle spese relative al costo aziendale del personale dipendente impegnato nelle attività di formazione e del personale che svolge attività di docenza.
Il focus sulla Formazione 4.0 coinvolge le attività rilevanti per la trasformazione e l’innovazione tecnologica e digitale delle imprese, come l’applicazione big data e analisi dei dati, cloud e cyber security, robotica avanzata e sistemi di realtà virtuale, IoT, integrazione digitale dei processi aziendali ed altre attività previste dal Piano Industria 4.0.
Sono escluse dalla misura le attività di formazione ordinaria o periodica organizzate per conformarsi alle norme in tema di sicurezza, salute, protezione dell’ambiente e qualsiasi altra tipologia di formazione obbligatoria.

Modifiche introdotte dal Bonus Formazione 4.0 2020

La Legge di Bilancio 2020, pubblicata in Gazzetta Ufficiale, apporta un’importante semplificazione alla procedura del Credito d’imposta Formazione 4.0: il Bonus nel 2020 prevede infatti l’eliminazione dell’obbligo di firmare gli accordi sindacali aziendali o territoriali.

Aliquote agevolative del Bonus Formazione 4.0 nel 2020

Il Bonus Formazione 4.0 consiste in un credito d’imposta in base alla tipologia di intervento, fruibile in compensazione a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in cui si sono sostenute le spese.
Le aliquote già previste dal Bonus Formazione fino al 2019 sono riconfermate per il 2020, con l’aggiunta di un ulteriore incentivo del 60% dedicato alle imprese che svolgono attività formativa alla quale partecipano lavoratori dipendenti “svantaggiati” o “molto svantaggiati” come definiti dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nel Decreto del 17 ottobre 2017.

Riepilogando, il Bonus Formazione 4.0 prevede un credito d’imposta sulle spese ammissibili, in base alle seguenti intensità:

- 30% per le grandi imprese, fino ad un credito massimo di 200.000 €
- 40% per le medie imprese, fino ad un credito massimo di 300.000 €
- 50% per le piccole imprese, fino ad un credito massimo di 300.000 €
- 60% per imprese che svolgono attività formativa alla quale partecipano lavoratori dipendenti “svantaggiati” o “molto svantaggiati”



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Cesira Guida
Marketing & Comunicazione - Gruppo Del Barba Consulting
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere