ECONOMIA e FINANZA

Macchine per edilizia, numeri da record per il mercato italiano

September 11 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Macchine per edilizia: buone notizie dal mercato italiano, che segna un incremento del 14,5% nel secondo trimestre 2019 rispetto allo stesso periodo 2018.

La situazione relativa alle vendite delle macchine per edilizia e movimento terra in Italia confermano l’ottimo stato di salute di un mercato in forte crescita nell’ultimo anno. I dati forniti dall’Osservatorio vendite macchine e impianti per le costruzioni del CRESME – Centro di ricerche del mercato edilizio – promosso da Cantiermacchine Ascomac, sono tutti all’insegna del più: +14,5% nel secondo trimestre 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018 che, tradotto, significa 4224 macchine vendute o destinate al noleggio.

Un’espansione certificata anche dai dati Istat per quanto concerne il commercio estero: le esportazioni di macchine per le costruzioni in ambito edilizio e lavori stradali segnano un +6,1% rispetto al primo trimestre 2018, con un attivo di 506,4 milioni (+6,8% su base annua); crescono, ma in misura inferiore, le importazioni (+4,7%) nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

I dati dell’Osservatorio si soffermano anche su ogni singola tipologia di macchine. Analizzandoli nel dettaglio, scopriamo che il settore che ha beneficiato di una crescita maggiore nel secondo trimestre 2019 è quello dei sollevatori telescopici, grazie a un +284,6% pari a 50 macchine vendute/noleggiate. Tutte le diverse tipologie di macchine sono in aumento: gli S.Front.<= 6.3 registrano il +187,5%, gli S.Front.10.1-13 il +200%, mentre gli S.Front.60.1-13 addirittura il +475%, portando da 3 a 23 le vendite rispetto al 1° trimestre 2019.
Al secondo posto, in ordine d’incremento percentuale tendenziale, si trovano i rulli, che con 107 macchine vendute o destinate alle flotte noleggio superano le vendite del 2° trimestre 2018 di quasi 20 macchine, pari al +20,2%: rulli monotamburo +35,3% e rulli tandem +18,3%. Nel complesso, bene anche le terne, che tornano a registrare un aumento delle vendite/noleggi, grazie ad un +19,6% su base annua.

Nel novero delle macchine movimento terra tradizionali, che registrano un incremento di mercato pari al 19% rispetto al secondo trimestre 2018, spiccano soprattutto i miniescavatori, la tipologia più venduta all’interno del settore (+12,8% rispetto al secondo trimestre 2018) e gli skid loaders (+15,5% rispetto al secondo trimestre 2018).

Ma quali sono i principali paesi nel mondo ad importare le macchine movimento terra italiane? Tra i primi 30 paesi destinatari dell’export, rappresentativi del 79,5% dell’export italiano, troviamo sempre al primo posto gli USA, seppur in calo del -5,9% rispetto al primo trimestre 2018; segue la Francia con un +10,2% in questo inizio anno; terzo posto per il Regno Unito (+70,6%) che scavalca la Germania, anch’essa comunque in aumento del 9,3%. Sorprende l’Egitto, salito al 7° posto con un incremento di macchine italiane acquistate pari a +256,9% e, in negativo, India e Cina che segnano rispettivamente -34,5% e -60,8%.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Alessandro Farucci
Responsabile pubblicazioni - Deslab.it sas
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere