NUOVI ACCORDI

Maria Concetta Cossa è il nuovo direttore di ISIA Faenza per il triennio 2020-2023

January 5 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

E' stato eletto il nuovo Direttore dell'Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Faenza per il triennio 2020-2023. Con 33 voti a favore su un numero complessivo di 36 votanti, il ruolo è stato assegnato a Maria Concetta Cossa, docente di "Disegno e rilievo" e "Geometria Descrittiva" al Triennio di primo livello dell'istituto faentino, che al proprio percorso professionale di architetto ha affiancato impegni di tipo istituzionale nell’ambito della promozione culturale e artistica, come assessore alla cultura del Comune di Faenza dal 1994 al 1998 e presidente dell’Ente Ceramica Faenza dal 1998 al 2006, progettando e organizzando numerosi eventi espositivi e manifestazioni a carattere culturale/artistico e ambientale.

"In questi anni molte cose hanno portato l’ISIA di Faenza ad assumere un ruolo di rilievo e visibilità a livello nazionale. – ha dichiarato il neo Direttore di ISIA Faenza Maria Concetta Cossa – Ciò è frutto di un paziente lavoro di costruzione di rapporti con realtà operanti nel mondo della Cultura, dell’Arte, del Design e delle imprese. Per i risultati fin qui ottenuti ringrazio i colleghi, gli organi di governo e tutto lo staff. Da architetto libero professionista ho apprezzato, sempre più nel tempo, il fatto di far parte di questa realtà come docente, senza abbassare il livello di passione verso l'uno o l'altro impegno. Ora raccolgo l'importante testimone dalle mani di Marinella Paderni, che ha brillantemente svolto il proprio ruolo alla Direzione dell'ISIA ampliando e rafforzando quella rete di relazioni così importante per il mondo della cultura e dell'alta formazione di livello universitario. La ringrazio in particolar modo per essere riuscita a stimolare maggiore spirito di collaborazione fra docenti, così positivo per riuscire ad essere più creativi, superare le difficoltà ed essere in grado di aiutare al meglio i nostri giovani progettisti di domani. Ringrazio anche Giovanna Cassese che alla Presidenza dell'Istituto ha affiancato sempre solidalmente Marinella Paderni nel proprio operato, sostenendo, parallelamente, il valore di questa Istituzione e dell'intero sistema ISIA italiano rafforzandone la peculiare identità. In sintonia con Giovanna Cassese continuerò nel grande e impegnativo lavoro futuro per sviluppare ulteriormente quanto di prezioso è stato fatto fino ad ora con Marinella Paderni".

"A proposito dI identità, – prosegue Maria Concetta Cossa – mi sento di mettere in evidenza l’importante tradizione ceramica faentina e il rinato interesse verso tale settore, che indica all'ISIA di Faenza una strada per la quale divenire il referente promotore/attore di rinnovamento progettuale e produttivo; per questa ragione si sta ipotizzando di mettere a punto specifici percorsi formativi che possano favorire l'ideazione di nuovi profili aziendali rivolti anche a utenti esterni all’istituto. Grazie alle peculiarità che caratterizzano questa realtà formativa sono assolutamente convinta che si abbiano tutte le carte in regola per porsi a un livello d'eccellenza a livello nazionale. Lavorare in rete con il territorio e in continuo confronto e collaborazione con gli altri istituti di alta formazione artistica italiani può rafforzare questo sistema. Si può guardare avanti insieme alle istituzioni locali per divenire un buon motore culturale fatto di innovazioni eticamente ed ecologicamente sostenibili. Consolidare la rete di relazioni territoriali e rafforzare l'Identità dell'ISIA nel panorama nazionale richiede un'attenzione e un atteggiamento progettuale a 360° che non può prescindere dalla ricerca e dall'innovazione anche nel settore della ceramica. Ciò comporterà garantire le specificità e i livelli di qualità della formazione, delle professionalità e del lavoro di chi vi insegna; sarà indispensabile favorire la nascita di un nucleo interno di riferimento per la ricerca e l'ulteriore sviluppo di progetti e rapporti internazionali. Qualificare la sede e gli spazi aperti dell'istituzione per una migliore fruizione a vantaggio degli studenti ISIA e di tutta la collettività è uno, e non l'ultimo, degli impegni che mi propongo di portare avanti".

La Presidente di ISIA Faenza Giovanna Cassese ha aggiunto: "Formulo i migliori auguri al neo direttore Maria Concetta Cossa e sono certa che in sintonia si continuerà ulteriormente a rafforzare il ruolo determinante dell’ISIA di Faenza in ambito nazionale e internazionale grazie al grande patrimonio di know how della nostra istituzione e al suo stretto legame con il genius loci. Ringrazio Marinella Paderni per tutto il percorso di condivisione di politica culturale che ha permesso il radicale cambiamento dell’istituzione negli ultimi anni e il grande ampliamento del suo raggio d’azione. L’ISIA di Faenza è la punta di diamante nell’ambito della didattica, della ricerca e della produzione nel campo del design e abbiamo grandi e lungimiranti progetti per il futuro".

Maria Concetta Cossa si laurea in Architettura all'Università degli Studi di Firenze dopo il conseguimento del diploma di Maturità artistica presso l'Istituto Statale d'Arte per la Ceramica “Gaetano Ballardini” a Faenza (RA). Fonda il proprio studio a Faenza dove svolge l'attività di progettista d'interni, designer e allestimento espositivo grazie a un'esperienza maturata presso diversi studi di architettura operanti nei settori del Restauro architettonico, del Disegno Urbano, dell'Arte dei Giardini e della Progettazione Territoriale. Dall'A.A. 1991/1992 inizia l'attività di docenza presso l'ISIA di Faenza per insegnamenti quali “Disegno Industriale”, “Disegno e Rilievo” e “Geometria descrittiva e proiettiva”. Presso il medesimo istituto riceve l'incarico di coordinamento del Triennio di 1° Livello per gli anni accademici 2017/2018, 2018/2019 e 2019/2020. Dal 1991 ha avuto incarichi istituzionali in ambito tecnico-professionale e artistico-culturale, ricoprendo il ruolo di Assessore alla Cultura, Pubblica Istruzione e Turismo per il Comune di Faenza dal 1994 al 1998. Dal 1993 è relatrice in convegni e seminari, in Italia e all'estero, dedicati ai temi dell'architettura, del design e dell'artigianato artistico, ma anche a temi volti alla valorizzazione dei beni culturali e alla ottimizzazione delle relative forme di gestione. Nel 1997 è Socio fondatore di “FEDERCULTURE - Federazione Servizi Pubblici, Cultura, Turismo, Tempo libero”, aderente alla CISPEL nazionale - Confederazione Italiana Servizi Pubblici Locali - con sede a Roma, in rappresentanza del Comune di Faenza. L'interesse per la ceramica è il “filo rosso” che lega tante delle sue esperienze: da quella formativa a quella di progettista, da quella di amministratore pubblico della propria città a quella di Presidente dell'Ente Ceramica Faenza dal 1998 al 2006. Dal 1999 al 2006 è componente del Comitato disciplinare per l'applicazione del marchio D.O.C. alla ceramica artistica tradizionale, previsto dalla Legge 188/'90. Dal 1996 al 2004 è componente del comitato tecnico della rivista “Artigianato - tra arte e design” (Amilcare Pizzi Editore) diretta dall’architetto Ugo La Pietra. Ha curato e scritto testi per diverse pubblicazioni riguardanti architettura, arte, design e artigianato e dal 2005 fa parte del Comitato Scientifico di direzione delle riviste “D'A, Design e Artigianato, Arti Applicate e Decorative” e “La Ceramica Moderna & Antica”.
Testo alternativo

Biblioteca di design “Bruno Munari”, ISIA Design & Comunicazione, Palazzo Mazzolani, Faenza. Courtesy ISIA Faenza Design & Comunicazione. Photo © Marco Piffari.

ISIA Faenza Design & Comunicazione è un’istituzione di primo piano nel mondo della creatività e della progettazione contemporanei che, fin dalla sua fondazione, opera nell’ambito dell’alta formazione del design, sviluppando un dialogo sempre più serrato tra formazione, ricerca, produzione e valorizzazione della cultura del design.

Licenza di distribuzione:
Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere