GASTRONOMIA

Mercato Centrale Roma: lo chef piemontese Davide Scabin apre il nuovo ristorante

November 13 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Si chiama Scabeat il nuovo ristorante al primo piano del Mercato Centrale Roma porta la firma di Davide Scabin, uno degli chef più innovativi nel panorama culinario italiano, che ama la sperimentazione e non ha mai paura di osare

Ha aperto al pubblico lunedì 11 novembre con un format che vuole provocare e stupire. Nel nome il riferimento alla Beat Generation quale momento di rottura con il passato, di crisi dei modelli costituiti e la volontà di affrontare la tradizione gastronomica in modo divertito, senza però dimenticare le radici della cucina.
“Il futuro è ciò che ci siamo dimenticati”, parola di Scabin. Se gli ingredienti e le conoscenze finiscono nelle mani dello chef piemontese, genio e tecnica riescono a ricreare il perfetto connubio tra la tradizione tramandata dal passato e la cucina contemporanea. La tradizione viene recuperata, ma la tecnica è innovativa. Per capirci: la ricetta è quella della nonna ma la ceramica del forno è quella della NASA.

Il nuovo ristorante di Mercato Centrale Roma rappresenta l’ennesima sfida per uno degli chef più geniali d’Italia che non si limita a riproporre a Roma la propria cucina. Allo Scabeat il Piemonte incontra il Lazio (e non solo), i piatti si reinventano, l’incontro è costruttivo e il risultato innovativo. Il menu dello Scabeat è un mash-up culinario, che mescola e reinventa i piatti della tradizione del Piemonte adattandoli alla romanità. Una combinazione che lo chef stellato, preparandosi ad arrivare per la prima volta nella capitale, scherzosamente ama definire “piemontesca”.
“Vorrei portare unpò di Piemonte a Roma ma allo stesso tempo riuscire a interpretare bene la cucina romana, mettermi alla prova, reinventando piatti e sperimentando nuove ricette ricche di genialità e creatività” – commenta Scabin, che aggiunge: “Ho in mente una cucina contemporanea, al passo con i tempi, dove ci saranno sicuramente i piatti della tradizione ma cotti sulla brace in pentole di ghisa utilizzando il Big Green già sperimentato al Mercato Centrale Torino: un modo di cucinare atavico che richiede conoscenza e grande pazienza”. Continua lo chef: “All’inizio saremo aperti solo a pranzo e cena ma vorrei puntare sulle prime colazioni, proporre uova alla Benedict ai manager e imprenditori che scelgono proprio il mattino per incontrarsi al Mercato Centrale e chiudere affari prima di salire sul treno successivo”.

“Prima di tutto Davide è un caro amico ma anche un eccezionale interlocutore per il Mercato” racconta Umberto Montano, Presidente e Fondatore di Mercato Centrale. “Sono entusiasta per la nascita di questo progetto poichè, con un’offerta stellata ma alla portata di tutti, Scabeat rappresenta tutto quello che il Mercato vuole offrire ai suoi clienti”.
Il menu viaggia sulla direttrice Piemonte-Lazio con incursioni nelle varie cucine regionali che diventano protagoniste di alcuni piatti, come per la Tagliatella all’uovo al Ragù tipico Emiliano, la mozzarella di bufala che incontra la frisella o come per il polpo alla Luciana. Il resto della carta è un bilanciamento tra cultura gastronomica locale, ricette piemontesi e una contaminazione tra le due tradizioni: ai più classici piemontesi come Vitello Tonnato alla maniera antica (la ricetta è del Giovanni Vialardi, capo cuoco alla corte dei Savoia), Agnolotti del plin al sugo d’arrosto, Risotto alla Cavour, Bollito al musetto di Fassona e Carne cruda di razza Piemontese servita in purezza, rispondono i piatti della cucina romana come il Falso saltinbocca, lo Scamone d’agnello brodettato e le Uova affogate con la “Polenta Sconcia” (con pecorino, cicorie e guanciale). Il Piemonte incontra il Lazio in piatti come Gallina con stracciatella e Faglioli con le cotiche... ma alla piemontese.
Il fil rouge del viaggio sull’asse nord-sud continua nei dolci tra il Bonet torinese e il Babà napoletano (ma con “l’aria di Scabeat”).
Lo Scabeat è aperto tutti i giorni a pranzo dalle 12:00 alle 15:00 e a cena dalle 19:00 a mezzanotte. La prenotazione del tavolo è online su mercatocentrale.it/roma.

Il Mercato Centrale nasce come un nuovo modo di comunicare, sentire e vivere il cibo. Gli artigiani con le loro botteghe sono il cuore del progetto: nessuno sa raccontare meglio ogni singolo prodotto e ne conosce alla perfezione le qualità e i punti di forza.
Il progetto ha saputo generare dall’aprile 2014 a Firenze nello storico mercato coperto di San Lorenzo, da ottobre 2016 a Roma nella suggestiva Cappa Mazzoniana e dall’aprile 2019 a Torino all’interno del Centro Palatino di Porta Palazzo un nuovo linguaggio che fa della semplicità il suo punto di forza. Nel 2017 Mercato Centrale studia un format appositamente creato per i centri commerciali e a giugno apre ai Banchi del Mercato Centrale presso il Centro Commerciale I Gigli. È così che il Mercato torna a essere contenitore e promotore del saper fare e della bontà a tutto tondo, diventando non solo un luogo per fare la spesa, ma un centro di aggregazione in cui cibo e cultura si fondono in maniera naturale e spontanea.



Licenza di distribuzione:
Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere