SALUTE e MEDICINA

Mieloma Multiplo: premiata a Boston l'ematologa Francesca Gay

November 8 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La Dottoressa Francesca Gay, giovane e brillante ematologa presso la Divisione di Ematologia della Città della Salute e della Scienza di Torino e membro di EMN Research Italy e di Fonesa (Fondazione Neoplasie Sangue) è stata insignita del premio Bart Barlogie Young Investigator Award for Therapeutics al 17° International Myeloma Workshop organizzato dall'IMS (International Myeloma Society) nello scorso mese di settembre a Boston (USA). Un premio di grande rilievo internazionale che la dott.ssa Gay si è aggiudicata superando candidati di alto livello provenienti da tutto il mondo. Un riconoscimento del suo ruolo di primo piano nell'ambito della ricerca e delle terapie innovative e un grande successo per EMN Research Italy e per la ricerca italiana sul mieloma multiplo e le neoplasie del sangue.

Il Congresso internazionale IMW – International Myeloma Workshop - che si è svolto dal 12 al 15 settembre 2019 a Boston, nel Massachussetts, è uno degli appuntamenti più importanti a livello mondiale nell'ambito della ricerca sul Mieloma Multiplo e vi hanno preso parte oltre 3.200 delegati da tutto il mondo. Tra gli incontri più seguiti, conferenze di altissimo livello e molti importanti riconoscimenti assegnati a professori e medici affermati e a giovani ricercatori.

In particolare, l'ambito premio intitolato all'ematologo Bart Barlogie, dedicato a un giovane ricercatore con età non superiore a 45 anni che si è distinto particolarmente nelle applicazioni terapeutiche per la cura del Mieloma (il Bart Barlogie Young Investigator Award for Therapeutics) è stato assegnato, quest’anno, alla Dottoressa Francesca Gay, classe 1979, ematologa presso la Divisione di Ematologia della Città della Salute e della Scienza di Torino sotto la direzione del Professor Mario Boccadoro, 92 pubblicazioni scientifiche all'attivo, numerosi abstract presentati ai principali incontri internazionali di oncologia ed ematologia e molteplici partecipazioni in ruoli leader in diversi studi clinici, principalmente sui pazienti definiti giovani (età sotto i 65 anni). Oltre al ruolo ospedaliero, la Dottoressa Gay è coordinatrice di diversi studi clinici, membro del CDA di Fonesa (Fondazione Neoplasie Sangue), è costantemente impegnata nelle attività dell'EMN – European Myeloma Network (unico membro italiano dello Young EMN Board), nonché membro della commissione scientifica del Working Group italiano che si occupa degli studi clinici sui pazienti eleggibili al trapianto. Infine, è Coordinatrice e Responsabile Scientifica del Master di I livello in management del Mieloma promosso da EMN Research Italy a Torino, partecipa all'organizzazione dell'annuale EMN Trialist Forum ed è membro della segreteria scientifica dell'EMN Meeting.

Il riconoscimento alla Dottoressa Gay conferma il ruolo fondamentale nel panorama mondiale della ricerca clinica sul mieloma e la funzione sempre più centrale del network EMN e EMN Research Italy – ha commentato il Professore Mario Boccadoro, Chairman del Working Group italiano e Vice Presidente dell'European Myeloma Network. Si tratta di un team di eccellenze composto da brillanti ricercatori come la Dottoressa Gay e diversi professionisti molto motivati a fare sempre il meglio. Siamo orgogliosi del riconoscimento conferito alla Dottoressa Francesca Gay. A lei vanno i nostri più sinceri complimenti".



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Roberto Beltramolli | Patrizia Tontini
Responsabile pubblicazioni - Anicecommunication
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere