AZIENDALI

Misha rinnova il proprio showroom milanese

February 23 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Un nuovo allestimento con i rivestimenti murali della collezione Esotismi di Cristina Celestino e gli arredi d'autore firmati dallo Studio 2046

Misha ripensa l'allestimento del proprio showroom milanese di Piazza Gramsci in primo luogo offrendo un esempio di come possono essere interpretati i rivestimenti murali in seta della nuova collezione Esotismi di Cristina Celestino, presentata nel corso del 2020. In mostra i due pattern Cabana e Passiflora che vengono presentati sia nelle composizioni più decorative, arricchite da decori ricamati a mano, sia in quelle più geometriche e razionali, proprio per mostrare la versatilità della collezione.

In occasione del restyling, Misha ha avviato anche una collaborazione con lo Studio 2046 di Daniele Daminelli che espone due pezzi unici, il paravento Faust e il divano Rigoletto entrambi in acciaio anodizzato. Gli arredi, nel loro rigore geometrico e nell'essenzialità del design, ben si sposano con i rivestimenti Misha della collezione China Classic.

STUDIO2046 è uno studio multidisciplinare italiano di architettura, interior e product design basato nella città di Treviglio all’interno di Palazzo Bacchetta. Lo studio nasce nel 2017 da un’idea di Daniele Daminelli a seguito di un’esperienza di otto anni all’interno di Dimorestudio di Emiliano Salci e Britt Moran a Milano. Il desiderio alla base del progetto è stato quello di rifondare la sua passione per il design e per i maestri del design su basi più personali.
STUDIO2046 prende nome dal celebre film di Wong Kar-wai, 2046. Daniele Daminelli, possiede molto chiaramente degli ideali di gusto che spaziano dal cinema asiatico al mondo della moda, fino al barocco europeo.
STUDIO2046 si compone di due soci, Daniele Daminelli e Mauro Ongis la cui storia insieme comincia nella prima sede dello studio, un negozio su strada, uno spazio che era insieme laboratorio, studio e galleria.
Il team oggi collabora con professionisti che operano al suo interno permettendo l’esecuzione precisa dell’insieme dei progetti.
Lo studio segue le orme di grandi progettisti italiani e internazionali come Carlo Mollino, Caccia Dominioni, Renzo Mongiardino, Gio Ponti, Piero Portaluppi, Hans Agne Jakobsson, Charlotte Perriand e Josef Frank...
STUDIO2046 ha l’ambizione di disegnare ambienti romantici del futuro che possano accogliere un pubblico sensibile ai cambiamenti.
Lo studio crede nell’importanza di interpretare e creare sogni nel più grande rispetto possibile delle architetture esistenti. L’approccio dello Studio è quasi sentimentale, racconta un mondo accostando dei colori, dei materiali, delle epoche, fino a creare emozioni.
Ogni spazio creato è sinonimo di passato, presente e futuro. Ogni progetto è unico, viene costruito come una “mise en scène” teatrale, ricercando, studiando ogni elemento che lo compone, dalla selezione rigorosa ed attenta dei pezzi, alle texture, ai suoni fino alla scelta dei profumi. Lo Studio crea con sapienza un filo che congiunge la teoria dell’astratto e il palpabile.
Lo studio opera su diversi livelli, dalla micro alla macro-scala usando le tecnologie ad oggi disponibili per respingere i limiti, innovando, creando un’importante connessione tra l’artigianato, la tecnologia e il fruitore.
La cura, l’attenzione al dettaglio, la professionalità sono la base dello studio che permette di integrare in modo sapiente le varie discipline all’interno di ogni ambito del processo creativo e produttivo.
L’insieme dei progetti ha in comune una sensibilità nell’etica e nella sostenibilità per ridurre il più possibile il loro impatto ambientale in prospettiva con gli obiettivi Europei.

Licenza di distribuzione:
Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere