TURISMO

Monte San Vigilio: un’estate nella natura

May 20 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Grandi spazi, natura e relax, con l’obiettivo di ritrovare serenità e tranquillità

Nel cuore dell’Alto Adige, nei pressi della città di Merano, più precisamente sopra il comune di Lana, si staglia una montagna, che da sempre rappresenta un luogo ameno ed idilliaco, un paradiso esclusivo dove immergersi in una natura incontaminata: Monte San Vigilio.

È un posto unico anche perché è raggiungibile solo attraverso la funivia a valle, che parte da Lana e in meno di 8 minuti raggiunge i 1.500 metri; su Monte San Vigilio non esistono traffico di veicoli a motore, inquinamento né tantomeno affollamento e il flusso di persone in visita viene automaticamente regolamentato dalle corse della funivia, che nel periodo estivo sono solitamente ogni 30 minuti. Una volta raggiunta la stazione a monte, i visitatori intraprendono la loro passeggiata disperdendosi poi nella vastità del paesaggio.

Dalla stazione a monte della funivia partono una serie di sentieri panoramici di difficoltà medio-bassa che attraversano boschi profumati di larici, con ristoranti e malghe, luoghi di culto e di interesse naturalistico. Alcuni sentieri sono percorribili anche con i passeggini.

A piedi si raggiunge anche la cima, oppure un impianto di seggiovia monoposto dalla stazione a monte della funivia porta ad un’altitudine di 1.814 metri. Gli affascinanti itinerari di Monte San Vigilio hanno successo anche per gli appassionati di mountain bike, grazie a trail alpini per tutti e a magnifici dislivelli di oltre 2.000 metri per i ciclisti più impavidi.

Monte San Vigilio è la meta ideale per trascorrere una giornata lontano dal mondo, ma per chi intende trattenersi più a lungo, per una rigenerazione più profonda, c’è il “vigilius mountain resort”, sognato, ideato e realizzato proprio sul Monte San Vigilio per volontà di Ulrich Ladurner, il proprietario della struttura, che ha sempre associato questo luogo alla sensazione di pace, di serenità e di comunione intensa con la natura. Trascorrere un soggiorno al vigilius significa intraprendere un viaggio verso la riappropriazione dei bioritmi, la rivalutazione in positivo della semplicità e della quiete e la consapevolezza del significato dell’espressione “stare bene”.

Il vigilius mountain resort, compatibilmente con l’andamento della situazione provocata dal virus Covid-19, riaprirà il 5 giugno 2020 e lo farà nel pieno rispetto delle disposizioni governative per assicurare ai propri ospiti un soggiorno senza preoccupazioni e all’insegna del relax.
Il vigilius mountain resort dispone di 41 camere, ma, al momento della riapertura, ne saranno utilizzate solo 20, alternando ad una camera occupata una non occupata, per rispettare il distanziamento tra gli ospiti, anche nelle parti comuni come il Ristorante 1500 e la Stube Ida.

Gli ospiti avranno la possibilità di consumare la colazione à la carte, anche nella propria camera se lo desiderano e per loro saranno organizzati servizi speciali che sfrutteranno soprattutto gli spazi esterni del vigilius, come pic nic con cestini pieni di prelibatezze, cene romantiche apparecchiate sul “tavolo nel bosco” e momenti in compagnia della fitness coach Barbara Egger che per la prossima estate proporrà un ricco e vario programma di allenamento fisico e mentale, sempre nel rispetto del distanziamento sociale.

La natura che abbraccia il vigilius, fatta di boschi, prati e malghe, infatti, rappresenta lo spazio ideale in cui muoversi, ma anche la palestra in cui nutrire la mente e l’anima per ritrovare le proprie origini.
Corsa, mountain bike, nordic walking, ma anche training mentale, esercizi di gestione dello stress attraverso il corpo e respirazione consapevole sono solo alcune delle proposte di Barbara.

Il personale del vigilius sarà dotato di mascherina protettiva e di guanti in cotone lavabili a 90° e per sanificare gli ambienti sono stati acquistati appositamente dei disinfettanti a base di alcool, ma meno aggressivi per la pelle. Oltre all’arrivo in funivia, che sarà regolamentato consentendo l’accesso alla cabina ad un numero di massimo 16 persone a corsa, sarà possibile recarsi al vigilius mountain resort attraverso un servizio navetta da Lana messo a disposizione degli ospiti, lungo una strada il cui transito è consentito ai solo addetti al servizio.

“In questo periodo, oltre alla normale manutenzione e agli abbellimenti che hanno sempre anticipato l’apertura, siamo molto impegnati ad organizzarci per garantire ai nostri ospiti un soggiorno non solo rigenerante e a contatto con la natura, come è nella nostra filosofia, ma anche “rassicurante”, nel pieno rispetto delle ordinanze governative a difesa della salute di ognuno di noi”, spiega Claudia Tessaro, direttrice del vigilius mountain resort.

Per informazioni sul vigilius mountain resort: vigilius.it.

Per informazioni sul territorio di Lana e dintorni: visitlana.com.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere