ARTE E CULTURA

Museo Franck Perret a Saint-Pierre in Martinica

November 7 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il museo aiuta a capire cosa è successo alla città di Saint -Pierre prima e dopo l'eruzione vulcanica del 1902, attraverso foto, archivi e documenti.

Museo Franck Perret
(Victor Hugo Street)
97250 Saint-Pierre (Martinica)


Museo di Saint-Pierre in Martinica.
Il Museo Franck Perret è un passaggio essenziale per comprendere la vulcanologia e la storia.
È stato creato nel 1933 da Franck Arnold PERRETun vulcanologo e geologo americano.

il museo aiuta a capire cosa è successo alla città di Saint -Pierre prima e dopo l'eruzione vulcanica del 1902 attraverso foto, archivi e documenti.
Il Museo Frank A. Perret di Saint-Pierre è un monumento commemorativo all'eruzione cataclismica del Monte Pelée l'8 maggio 1902, che ha causato la morte di quasi 30.000 abitanti: solo tre sono sopravvissuti e completamente distrutti, ciò che era all'epoca La capitale della Martinica. Saint-Pierre, che si trova sulla punta nord-occidentale dell'Isola dei Fiori, era il centro culturale ed economico dell'isola, sede del porto principale. Nei Caraibi questa vibrante città era conosciuta come la "piccola Parigi" o la "Piccola Parigi" delle Antille. Naturalmente Saint-Pierre è stata ricostruita ed è ora conosciuta come la "Piccola Pompei". Sebbene abbia perso il suo posto come capitale dell'isola e cuore economico di Fort-de-France, questa incantevole città sul mare è ancora un vivace centro di cultura e in particolare dell'arte contemporanea.


Il museo è stato rinnovato negli esterni e con un importante ampliamento e riorganizzazione delle sue collezioni, riaperto ora porta un secondo nome: Memoriale alla catastrofe del 1902.


L'edificio riprogettato del memoriale vanta un'architettura sobria e contemporanea che ospita una nuova scenografia digitalmente migliorata delle sue collezioni da visualizzare e scoprire con audioguide sia in francese che in inglese. La collezione comprende foto d'epoca e manufatti che raccontano la vita della gente di Saint-Pierre prima, durante e dopo l'eruzione. I visitatori vedranno 432 manufatti, oggetti di ogni giorno e vita religiosa che sono stati recuperati nei decenni successivi e la ricostruzione di Saint-Pierre. La collezione ha anche 28 nuovi oggetti che sono stati scoperti negli ultimi anni a seguito di lavori di costruzione in città o nei dintorni.


A complemento della sua collezione storica, il museo ha ora una nuova sala mobile dedicata alle vittime dell'esplosione. Grazie ai documenti sopravvissuti, le pareti della stanza sono coperte con i nomi di 7045 vittime del disastro del 1902.


"Siamo sempre stati molto orgogliosi di questo museo e delle sue toccanti collezioni", ha affermato Karine Mousseau, commissario turistico alla Martinica. Ha continuato dicendo "e siamo molto orgogliosi e colpiti dal rinnovamento e dall'espansione che è stato realizzato in così poco tempo".


Il rinnovamento del museo e dei monumenti è stato finanziato dalla Culturabam senza scopo di lucro, che è affiliata alla Fondazione Clément. Il museo, fondato nel 1933, è l'idea del vulcanologo e ingegnere americano autodidatta Frank A. Perret , che ha contribuito alla ricostruzione di Saint-Pierre. Quest'uomo appassionato era irremovibile nel raccogliere e preservare oggetti dopo l'eruzione, da rocce vulcaniche e pietre e manufatti fusi che emergevano dai flussi di lava e cenere induriti.



INFO:
Museo Frank A. Perret-Mémorial de la catastrofe 169 rue Victor-Hugo, Saint-Pierre, Martinica - Tel. 05 96 78 15 16

Aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 18:00. Ingresso: adulti: 8 euro, bambini da 7 a 17 anni: 6 euro, bambini sotto i 7 anni: gratuito

INFORMAZIONI SU MARTINIQUE (us.martinique.org)


Il museo è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 17 tranne il 1 gennaio.

tariffe:
Adulti dai 10 anni in su → 3 €
Bambini da 6 a 9 anni → 1 €
Gruppo 15 e oltre → € 2,50.

Info.
Tel: 05 96 78 15 16.

Licenza di distribuzione:
Maura Capanni
Corrispondente settore cultura - RETERICERCA
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere