MUSICA

Musicastrada Festival 2017 | 18 anni

June 19 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente
CORRELATI:

Il Musicastrada Festival, l'unica rassegna itinerante della Toscana e tra i più importanti festival di World Music in Italia, taglia il traguardo della 18° edizione e diventa maggiorenne. Fino al 2 settembre 2017 un cast internazionale suddiviso in venti appuntamenti, tutti a ingresso gratuito, girerà per i più bei borghi della Toscana

Un'intuizione e un'invenzione di diciotto anni fa, il Musicastrada Festival, un lungo viaggio nel cuore della Toscana alla scoperta di luoghi dal fascino unico. Una manifestazione che continua a portare musicisti provenienti da tutto il mondo nelle piazze, nelle pievi, nei cortili, davanti alle chiese e ai monumenti storici più importanti dei comuni che ospitano gli eventi.

Da sempre Musicastrada utilizza le scenografie naturali mozzafiato che i Comuni mettono a disposizione e per la scelta del cast artistico si affida a una ricerca musicale non scontata, capace di pescare nomi di spicco nel panorama internazionale spaziando dalla musica popolare contemporanea alla (tanta) world music, passando attraverso il blues e il jazz. Gruppi che Davide Mancini, il patron di Musicastrada, va a conoscere in fiere internazionali di primo piano come il Babel Med di Marsiglia, il World Music Expo (Womex), l'Atlantic Music Expo di Capo Verde, il Mercat de Música Viva de Vic di Barcellona ed altri ancora.

La piazza, sia del piccolo paese che del capoluogo più grande, diventa per una sera il palcoscenico naturale di un evento dalla portata internazionale che possiede la bellissima forza di aggregare l'intera comunità dove si svolge e di rendere tutto così naturale anche grazie allo stretto contatto che si crea con i musicisti che vivono appieno della “magia” della Toscana.

Grazie ad una nuova collaborazione con OndaSuOnda Music Festival, quest'anno Musicastrada Festival bagna i suoi piedi nel mare. Sono quattordici in totale i Comuni toccati dal Festival tra le province di Livorno e Pisa: Bientina, Calcinaia, Casale Marittimo, Cascina, Castelnuovo Val di Cecina, Castelfranco di Sotto, Chianni, Monteverdi Marittimo, Pisa all'Arno Vivo, Pomarance, Pontedera, Santa Maria a Monte e Vicopisano.
Gli artisti provengono da tredici paesi: Algeria, Argentina, Benin, Capo Verde, Colombia, Francia, Inghilterra, Italia, Macedonia, Niger, Portogallo, Stati Uniti, Tunisia.

Nella serata inaugurale, il 10 giugno a San Vincenzo, comune della costa livornese nuovo arrivato insieme all'OndaSuOnda Festival, tagliano il nastro della diciottesima edizione gli Eyo'nlé Brass Band, dal Benin, un viaggio unico e autentico tra ritmi, danze e canti della terra d'Africa.

Tra i tanti appuntamenti da segnalare, particolare evidenza va data a quello in programma il 21 agosto all'anfiteatro del Porto di San Vincenzo con i Terrakota, dal Portogallo, una sorta di spazio multiculturale a base di ritmi afrocubani, soukous, samba, musica araba, funk, reggae, chimurenga e musica indiana, senza dubbio uno dei gruppi simbolo e più amati della world music globale degli ultimi 15 anni.

E poi ancora tra gli appuntamenti del festival si segnalano:
- il 22 giugno a San Vincenzo e il 3 agosto a Montecastelli Pisano con il doppio appuntamento con Tommaso Novi e Francesco Bottai (i due “Gatti Mèzzi”) che presentano i rispettivi dischi solisti;
- venerdì 21 luglio alla stupenda “Pieve dei Santi Ippolito e Cassiano”, a San Casciano di Cascina in provincia di Pisa, con la trascinate e divertente miscela di funk/soul di “Smoove & Turrell”, un combo di sei elementi proveniente dal nord-est dell'Inghilterra;
- domenica 23 luglio, in località Montecalvoli a Santa Maria a Monte, sempre in provincia di Pisa, con King Naat Veliov & The Original Kočani Orkestar, l'incredibile e celeberrima fanfara macedone che ha saputo tradurre in uno spettacolo pirotecnico le melodie tradizionali dei Balcani;
- il 26 luglio con EZZA, potentissimo power trio con sonorità rock e trance e beat africani sulla scia di quello che viene definito Desert blues o Tuareg rock, con musicisti provenienti da Nigeria, Francia e Tunisia;
- il 27 luglio nella fantastica Villa Pacini a Bencina con Ilaria Graziano e Francesco Forni, la versatile ed eclettica coppia del nuovo alt-folk italiano;
- venerdì 28 luglio in Piazza della Pieve a Vicopisano da Capo Verde Elida Almeida, una voce calda e canzoni d'amore e ribellione;
- il 31 luglio in Piazza Trieste a Pontedera, con gli XIXA dagli Stati Uniti, gruppo simbolo dello psych-cumbia rock:
- e nell'anfiteatro del porto di San Vincenzo il 2 agosto la band culto della cumbia colombiana, i Puerto Candelaria, la più innovativa, controversa e audace proposta musicale della scena latino-americana;
- l'11 agosto all'Arno Vivo di Lungarno Buozzi a Pisa con Fanfara Station, fanfara balcanica in festa rafforzata da una sezione ritmica nordafricana e da beats contemporanei marcatamente electro-dance;

Sarà attivo per ogni sera del festival il progetto “Aperistrada”, nato in collaborazione con la Camera di Commercio di Pisa e il Progetto Vetrina Toscana, che consiste nella possibilità di arrivare prima al concerto per incontrare gli artisti, visitare il luogo fino al tramonto e riservare la cena in uno dei ristoranti convenzionati vicini alla zona palco con la garanzia di prodotti gastronomici e vini tipici locali, a prezzi assolutamente vantaggiosi. Il costo è solo quello della cena perché i concerti, come da tradizione, sono tutti ad ingresso gratuito.

Anche un paio di spazio extra musical riservati alla fotografia, da sempre compagna di strada di Musicastrada Festival: il 7 luglio a San Vincenzo per la presentazione di “SEDICI”, libro di fotografie scattate durante il Musicastrada Festival 2016 (autore Gabriele Bientinesi, sviluppo e post produzione di Fabio Bacci) che racconta il festival con gli occhi di chi l'ha vissuto per molti anni e il 22 luglio a San Vincenzo il workshop di fotografia e reportage “La musica e la strada” tenuto sempre dal fotografo Gabriele Bientinesi.
Per il quattordicesimo anno si terrà anche il concorso fotografico, unico nel suo genere nel panorama nazionale, “Fotografando la Musica”, sponsorizzato da “Il Fotoamatore”. Oggetto del concorso le fotografie che girano intorno alla musica, comunque e dovunque siano state scattate. Non soltanto il musicista o la classica foto di scena, ma anche il pubblico, l’ascoltatore, il balletto, il liutaio, il particolare di uno strumento, l’allestimento di uno spettacolo musicale o un'immagine che “ha” suono o “esprime” ritmo.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Davide Mancini
Direttore generale - Associazione Culturale Musicastrada
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere