EDITORIA

“Nel caos del bugigattolo” di Davide Sereni

September 23 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Una raccolta di 43 poesie tormentate ma che lasciano una porta aperta alla speranza

Autore di questa raccolta è un giovane cantautore e scrittore, Davide Sereni.
Nonostante la sua giovane età ha ricevuto vari meriti.
Nella terza edizione del concorso nazionale “Salvatore
Quasimodo” riceve una segnalazione di merito, segnalazione che si è ripetuta anche al concorso letterario pisano “Versi per l’anima 2017”.
Nel 2017 con la canzone “Verrò da te” si aggiudica il primo posto del “Memorial Mario Fiori”.
Nel 2018 compone il brano “La nemesi di Pinocchio”, colonna sonora finale per lo spettacolo “Pinocchio Game”.

“Nel caos del bugigattolo” è una raccolta di poesie dove prevalgono i sentimenti di malinconia, tristezza e solitudine. Viene rappresentata la vita ripetitiva e abitudinaria che tutti noi ogni giorno affrontiamo. Tuttavia in questa raccolta si ha la sensazione che l’autore voglia dare una speranza, la speranza in una vita migliore, in un cambiamento, in una salvezza.

Nelle prime pagine di questa raccolta si può notare una illustrazione davvero particolare, opera di un caro amico dell’autore, Dario Belli. Questa grafica vuole richiamare a sé tutte le poesie raccolte nel libro e ciò non è un’impresa da poco, per cui è degno di nota. La spiegazione di questa illustrazione si trova nelle pagine successive e vi esorto a leggerla perché è davvero interessante e racchiude in sé tutti i temi trattati dall’autore e ciò che per lui è il bugigattolo, un caos nel caos.

Vi lascio una poesia che per me è la più significativa.

Il bugigattolo
Nel bugigattolo si soffoca, le pareti
strozzano la vista e le pulsazioni
rimbombano, sfondano i timpani.
Quando entrerai, mi troverai rannicchiato
tra me e me, con le ginocchia
contro il mento e le mani ancora tremanti.
Le labbra sono fredde, il sangue
fluisce d’inerzia fiacca fino alla mente.
Giungerai qui senza benvenuto.
Tu procedi pure come se niente fosse:
forse hai forzato la serratura
o forse la porta mai fu chiusa davvero.
Ospite e padrone al contempo,
anello di catena tra la prigionia
e la libertà sottesa; altro non mi resta
che racimolare presenti sconosciuti.

Pamela Segnalini
(Ufficio stampa della WritersEditor)



Licenza di distribuzione:
Cristian Segnalini
fondatore, direttore, editore - WritersEditor
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere