SOCIETA

Noleggiare un’auto: come funziona

October 13 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente
CORRELATI:

Quali sono le procedure e le pratiche necessarie per noleggiare un’auto, limiti normativi e consigli utili per non sbagliare.

Noleggiare un’auto è diventato molto frequente per chi non possiede una macchina, ed è per questo che attualmente si possono trovare varie agenzie di autonoleggio non solo in aeroporti e stazioni, ma anche presso piccoli paesi o città di piccole dimensioni. Ad esempio, molto frequente l’uso dell’autonoleggio a Lecce, soprattutto se si necessita di andare in aeroporto o in qualche località marina, data l’inefficienza strutturale del servizio pubblico di trasporti locale. Ma come funziona tutto ciò?

È molto importante l’età del guidatore

Il limite minimo è 21 anni mentre il massimo è 65. Tutto ciò varia comunque da agenzia ad agenzia: c’è chi applica un sovrapprezzo a chi ha meno di 25 anni o a chi ne ha più di 70. Tutto dipende anche dal modello di macchina che si intende guidare.

Come si prende l’auto a noleggio?

Si può andare direttamente in agenzia ma si possono effettuare anche delle ricerche online. Soprattutto se si cercano veri e propri sconti su determinate vetture. Ma si può chiamare anche il call center della ditta.


Come si paga?

Si predilige la carta di credito in quanto offre una garanzia sull’avvenuto pagamento. Tuttavia si può utilizzare anche la Postepay, con un vincolo però: l’importo massimo di pagamento è 2000 euro, per cui si ha un limite economico sulla macchina da noleggiare. Se si preferiscono auto con prezzo superiore, sarebbe meglio non utilizzare questo genere di pagamento.

Il chilometraggio è illimitato?

In genere, nel contratto di noleggio, sarebbe meglio scegliere un chilometraggio illimitato, soprattutto se il guidatore predilige mete lontane, ma non sempre è così. Con un chilometraggio limitato, il guidatore è costretto a pagare una cifra supplementare se supera il limite.

E il carburante?

Nel momento in cui si restituisce la macchina, prassi comune vuole che ci sia la stessa quantità di benzina presente al momento della consegna. Se la macchina viene restituita con un livello di carburante inferiore, il cliente è costretto a pagare la differenza.
Non in tutte le agenzie funziona in questo modo: la scelta migliore è comunque quella di restituire la macchina con il pieno, per evitare eventuali problemi.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere