ARTE E CULTURA

Oro in Toscana dagli Etruschi alle Botteghe Orafe del Ponte Vecchio

June 8 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

L' oro in Toscana può vantare una tradizione millenaria, i primi manufatti furono realizzati dagli antichi etruschi che popolavano queste terre e che dimostrarono grande abilità nella lavorazione dell'oro, come testimoniato dagli oggetti in oro ritrovati durante gli scavi archeologici.

L' oro in Toscana può vantare una tradizione millenaria, i primi manufatti furono realizzati dagli antichi etruschi che popolavano queste terre e che dimostrarono grande abilità nella lavorazione dell'oro, come testimoniato dagli oggetti in oro ritrovati durante gli scavi archeologici.
L'oro in Toscana arrivava grazie al commercio con paesi lontano come la Grecia, la Spagna, l'Africa e in parte minore dalle zone dell'Italia settentrionale dove veniva raccolto l'oro fluviale.

Fin dall'epoca degli etruschi la Toscana è stata favorita dalla sua posizione strategica in mezzo alla penisola, questo ha permesso lo sviluppo di un fiorente commercio che ha contribuito all'arrivo dell'oro in Toscana.
Le tecniche di lavorazione dell'oro in Toscana sono il frutto di una lunga esperienza nella quale si possono rilevare le influenze derivanti sia dal mondo orientale che da quello greco, che erano i principali paesi che fornivano il prezioso metallo giallo.

Un metodo di lavorazione dell'oro particolarmente raffinato che è stato tramandato dai maestro orafi etruschi fino ai giorni nostri è quello della granulazione, questa tecnica rappresenta uno dei livelli più alti raggiunti dalle raffinate tecniche orafe etrusche.
La granulazione è un tipo di lavorazione dell'oro che si basa sulla realizzazione di oggetti d'oro che vengono ricoperti e decorati con piccole sfere in oro che poste in un certo ordine regalano a questi oggetti un aspetto particolarmente raffinato.

Queste tecniche raffinate sopravvissero al periodo dell'impero romano che anzi con la sua grande espansione diede continuità al commercio dell'oro che arrivava anche in Toscana dai territori conquistati.
Con la caduta di Roma in italia si diffuse il potere delle singole città, tra queste Firenze ed altre città toscane riuscirono a ritagliarsi un ruolo importante nel commercio con altri paesi lontani.
Questo florido commercio non tardò a dare risultati ed in breve città come Firenze divennero ricche e importanti, fu in questo periodo che molte arti trassero vantaggio da queste condizioni economiche particolarmente favorevoli, tra queste anche la lavorazione dell'oro riprese vigore sostenuta dalle ricche commesse delle importanti famiglie fiorentine.

La ricchezza di alcune famiglie di Firenze raggiunse livelli tali che la città decise la coniazione di una moneta che si sarebbe diffusa in tutto il mondo allora conosciuto, il fiorino d'oro.
Il successo del Fiorino d'oro raggiunse livelli tali in quell'epoca da poter essere paragonato a quello che ha fatto il dollaro in età moderna, furono molti i paesi nel rinascimento che cominciarono a coniare monete d'oro che si ispiravano al Fiorino di Firenze.

Oggi Firenze è ancora un esempio mondiale per la lavorazione dell'oro, questo è testimoniato dalle scuole di oreficeria di Firenze che ogni anno sono frequentate da studenti provenienti da tutto il mondo che ambiscono ad imparare la raffinatezza delle lavorazioni orafe.

Parlando di oro Firenze è impossibile non citare il Ponte Vecchio dove si trovano le tradizionali botteghe orafe artigiane che ancora oggi lavorano l'oro secondo le antiche tecniche.
Sul Ponte Vecchio quotidianamente visitatori provenienti da tutto il mondo possono comprare oro sotto forma di oggetti unici realizzati artigianalmente con grande maestria.

Un altro distretto dell'oro in Toscana famoso in tutto il mondo è Arezzo, questa città toscana è uno dei più importanti in italia e non solo, le attività orafe e della gioielleria aretine sono una delle eccellenze assolute nel mondo per la realizzazione di gioielli d'oro.

I manufatti realizzati sono presenti nei mercati più importanti mondiali per il loro design che rivela grande abilità ed estro che sono capaci di conquistare anche i mercati più esigenti come quello di Dubai.
I gioiellieri aretini e i maestri orafi di Firenze sono molto stimati per la loro capacità di realizzare gioielli e oggetti in oro unici irripetibili realizzati artigianalmente secondo l'antica tradizione orafa toscana.



Licenza di distribuzione:
David Parigi
Responsabile pubblicazioni - Compro oro Toscana
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere