TURISMO

Ostuni: una perla di Puglia unica nel suo genere

October 21 2016
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La chiamano la città bianca per via delle sue pareti lattee ma Ostuni è molto di più. Centro di arte, paesaggi, storia e fascinazioni uniche.

Il turismo pugliese del Salento e del Gargano vive la sua fase più intensa nel periodo estivo, vincolato alle attrattive della costa e dal funzionamento delle strutture balneari. La Puglia è una terra ricca di risorse, monumenti di altissima rilevanza artistico-culturale, una gastronomia d’eccellenza e un clima amichevole per dodici mesi l’anno, eppure non riesce a sviluppare un sistema di accoglienza dei visitatori in grado di funzionare a pieno regime per tutto l’anno. Poi ci sono le eccezioni, le realtà che hanno saputo svincolarsi dalla dipendenza diretta dal mare e che hanno saputo dare valore a quegli aspetti più di nicchia e che oggi alimentano un approccio più globale verso il turista.

Hotel e b&b Ostuni lavorano in tutte le stagioni e, sebbene i numeri estivi non possano essere paragonati a quelli delle stagioni fredde, la città ha saputo dare continuità a un progetto turistico a 360 gradi. Il borgo, uno dei più particolari della Puglia e non solo, seduce perché proietta in una dimensione sui generis, propone arte religiosa e civile secolare che attraversa per intero la storia del posto e si distingue da tutto grazie alla caratterizzazione cromatica del suo borgo.

La città bianca

Ostuni è conosciuta come la città bianca. Gran parte degli edifici del centro sono ricoperti da calce, che nelle zone limitrofe si concede in grande abbondanza e che, fin dal Medioevo, ha rappresentato una risorsa importantissima. La calce veniva utilizzata per imbiancare i prospetti, in modo da dare luce e un borgo stretto, fatto di viuzze strette in cui i raggi del sole faticano ad accedere.

Da lontano, Ostuni appare come un presepe color latte, una macchia candida che si staglia su uno sfondo collinare e il Mare Adriatico a fare da cornice alle sue pendici. Le suggestioni naturali sono impagabili, il colpo d’occhio non ha eguali, la città ribolle di un fascino ancestrale mai contaminato, nonostante oggi il centro si sia lasciato ‘sporcare’ da colorazioni differenti e abbia perso parte della sua integrità bianca. Ostuni è una perla da scoprire per tutto l’anno, e il mare è solo parte dell’offerta, non cannibalizza le attenzioni, non fagocita tutto ciò che è degno di essere conosciuto e ammirato.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere