SOCIETA

Part-time - Cassazione Lavoro: il diritto del lavoratore di svolgere un’altra attività

June 19 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il datore di lavoro non può disporre della facoltà del proprio dipendente di reperire un’occupazione diversa in orario compatibile con la prestazione di lavoro parziale.

Nemmeno il carattere assoluto del divieto può escludere una valutazione in concreto della incompatibilità da parte del datore di lavoro.

Si rende dunque necessaria una valutazione in concreto e caso per caso dei fatti che sarebbero contrari agli interessi datoriali o incidenti sul corretto svolgimento della prestazione lavorativa piuttosto che sull’affidabilità del dipendente; ciò risulta indispensabile per poter formulare circostanziati addebiti di responsabilità al lavoratore (attività concorrenziale, sviamento di clientela, assenze da lavoro per svolgimento di altra attività lavorativa…).

Difatti, secondo la sentenza della Cassazione: “sarebbe nulla una previsione regolamentare che riconoscesse ad datore di lavoro un potere incondizionato di incidere unilateralmente sul diritto del lavoratore in regime di part-time di svolgere un’altra attività lavorativa”.

Inoltre, continuano i giudici, “ammettere che il datore di lavoro abbia una facoltà incondizionata di negare l’autorizzazione o di sanzionare in sede disciplinare il fatto in sé dell’esercizio di un’altra attività lavorativa al di fuori dell’orario di lavoro sarebbe in contrasto con il principio del controllo giudiziale di tutti i poteri che il contratto di lavoro attribuisce al datore di lavoro”.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Leonardo Breccolenti
Social Media manager - Studio Legale Polenzani-Brizzi
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere