VARIE

Passeggeri in gommone: chi paga se si fanno male?

October 17 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Nel caso di caduta nel gommone va accertato, ai fini della responsabilità, cosa ha fatto il conducente per evitare il danno, non potendosi semplicemente dare la colpa ad un’onda anomala.

Gommoni, motoscafi e natanti a motore devono avere l’assicurazione obbligatoria a copertura dei danni procurati a terzi o agli stessi passeggeri, trasportati a titolo di amicizia, sull’imbarcazione.
Secondo la Cassazione, l’assicurazione è tenuta a risarcire i “terzi trasportati”, ossia i passeggeri, anche quando tale eventualità non sia prevista dalla polizza nella configurazione minima stabilita per legge (Cass. sent. n. 25902/2013)

A seguito di una serie di interventi, la Cassazione è arrivata a formulare il seguente principio: quando si tratta di un trasporto dietro compenso (navigazione mercantile), vige il principio sancito dal codice della navigazione (Art. 414 cod. navigazione.) secondo cui la responsabilità del vettore scatta solo in caso di dolo (malafede) o colpa grave del conducente o dei suoi dipendenti. Viceversa, nei casi in cui il trasporto avvenga a titolo di amicizia, quindi senza compenso, com’è tipico nel caso di ospiti a bordo di un gommone, vige la generale responsabilità del conducente per qualsiasi danno procurato a terzi. Il che amplia notevolmente la possibilità di chiedere il risarcimento.

Vigono, quindi, gli stessi principi della responsabilità in tema di assicurazione stradale e di tutela del danneggiato, sia esso un “terzo” o un “ospite” a bordo dell’imbarcazione. Quest’ultimo, in particolare, avrà sempre diritto al risarcimento da parte dell’assicurazione se si fa male nel corso di un’escursione in barca. E ciò a prescindere dal soggetto a cui è imputabile la responsabilità del sinistro: sia esso il conducente sulla cui barca è trasportato o quello di un’altra barca.

Possiamo sintetizzare quanto detto sinora con il seguente principio: il conducente di natanti e imbarcazioni da diporto è responsabile dei danni verso terzi se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitarli.

Sintesi estrapolata da un articolo pubblicato sul sito laleggepertutti.it



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Leonardo Breccolenti
Social Media manager - Studio Legale Polenzani-Brizzi
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere