ECONOMIA e FINANZA

Perché diventare un’azienda sostenibile?

September 25 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Un’organizzazione odierna per essere definita tale, deve ampliare i propri obbiettivi non solo inerenti ai mercati ed al fatturato ma impegnarsi nel diventare azienda sostenibile per le tematiche ambientali e sociali.

ità a lungo termine....Un’organizzazione odierna per essere definita tale, deve ampliare i propri obbiettivi non solo inerenti ai mercati ed al fatturato ma impegnarsi nel diventare azienda sostenibile per le tematiche ambientali e sociali.

La sostenibilità non è da considerarsi una moda passeggera come molte. Ma diventare un’azienda sostenibili apporterà all’organizzazione molteplici vantaggi di varia natura.

Diventare un’azienda sostenibile non significa però raggiungere solamente taluni obbiettivi. Ma l’organizzazione dovrà mutare la propria mission, la propria politica ed anche il contesto. In quanto le tematiche della sostenibilità andranno ben oltre ai requisiti applicabili.

Grandi gruppi hanno implementato da anni nelle loro strategie politiche ed attività a favore della sostenibilità aziendale. Ed oltre ai vantaggi ambientali e sociali, implementano principi per la sostenibilità nei processi decisionali in modo, oltre che trarre benefici economici, attirare interesse da parte di terze parti, investitori, clienti, che è una chiave per la redditività a lungo termine.

I 5 vantaggi che ha un’azienda sostenibile
Miglioramento della propria immagine sui mercati. I consumatori, e le catene di fornitura, inseriscono nei propri requisiti di selezione degli acquisti i risultati delle politiche relative ad un’azienda sostenibile. La sostenibilità, non solo quindi favorirà le scelte di questi ultimi ma darà un’immagine di organizzazione attenta alle tematiche ambientali in tutto il mercato accrescendone la propria reputazione.
Riduzione dei costi. Definire delle politiche della sostenibilità permette di analizzare tutti i processi sotto altre ottiche. Ottimizzando ogni fase di processo e gestendo anche la possibilità di ricicli e rilavorazione degli scarti. Una chiara valutazione su quelli che possono essere gli impatti ambientali ed una definizione di azioni atte al miglioramento di queste performante a favore della sostenibilità ambientale e del risparmio delle risorse economiche, naturali, energetiche, materiali ed umane.

Miglioramento dell’ambiente di lavoro. Un’organizzazione che punta ad essere un’azienda sostenibile adotterà anche delle politiche di benessere, competenza e consapevolezza dei dipendenti e collaboratori. Così da accrescere la loro sensibilità sulle tematiche della sostenibilità e sui requisiti obbligatori. Questo aiuterà notevolmente al raggiungimento degli obbiettivi prefissati. Di conseguenza può anche essere considerata un’azienda virtuosa per quelle risorse che stanno cercando una nuova occupazione.
Miglioramento della gestione aziendale. Una gestione ambientale sistemica volta alla sostenibilità ambientale aiuterà ad individuare quelli che sono i requisiti obbligatori aziendali da rispettare. favorendone il miglioramento delle performance grazie alle azioni di mitigazione scaturite dalla valutazione dei rischi. Questo aiuterà a prevenire possibili emergenze ambientali e o la tempestiva risoluzione delle stesse. Prevenire possibili sanzioni e fermi impianto. Portare avanti iniziative credibili come azienda sostenibile nei confronti degli stakeholder.

Il primo passo: la certificazione Iso 14001
Il primo passo per poter gettare le basi di azienda sostenibile è quello di implementare un sistema di gestione ambiente secondo la norma di certificazione Iso 14001. In questo modo l’organizzazione dimostrerà il proprio impegno sulle tematiche ambientali e non solo sui propri profitti.

Il sistema di gestione ambiente secondo la norma di certificazione Iso 14001 è sempre più richiesto sui mercati, integrato alla norma per i sistemi qualità Iso 9001 e salute e sicurezza sul lavoro Iso 45001. Grazie alle medesime strutture.

I concetti di sostenibilità ambientale ovviamente, a seconda del contesto possono andare ben oltre, inserendo requisiti sull’energia, grazie alla norma Iso 50001, all’impronta ambientale, lca, carbon foot print e water foot print o per taluni prodotti il marchio ecologico europeo ecolabel.

Tutte queste norme e standard sono riconosciuti a livello internazionale e vengono inseriti molto spesso nei capitolati di fornitura della grande distribuzione e o nelle grandi catene di fornitura. Essere attestati di questi titoli da veramente una spinta in più ad ‘una organizzazione che voglia affermassi sui mercati e fare del bene all’ambiente che la circonda ricevendo notevoli vantaggi.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere