INTERNET

Pheed il nuovo Social Network sul Web

March 12 2013
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Pheed, il nuovo social network prende piede.

Il mondo della social communication non si ferma mai e nuovi sviluppatori sfidano i big 4: Facebook, Twitter, Linkedin e Pinterest nelle quote di mercato.
Oggi vogliamo parlarvi del nuovo Pheed, social network per adolescenti.
Hai già inviato il tuo primo “Pheed” ? Lanciato alla fine dell’anno scorso, Pheed è una nuova piattaforma di social media che consente di condividere testi, foto, video e audio. Con un target riservato agli adolescenti Pheed stà scalando le posizioni di Apple Store dalla fine di febbraio.
Secondo gli sviluppatori questo social è destinato a tutti ma secondo uno studio di Mashable la base degli utenti, oltre l’81% è tra i 14 e i 25 anni. La popolarità in questa nicchia di mercato è stata sancita dal alcuni adolescenti molto attivi su Twitter come Acacia Brinley, seguito da Pia Mia, Garrett Backstorm e Colin Ford che avendo già migliaia di followers hanno, in breve tempo creato viralità sul web per la piattaforma.
L’applicazione mobile di Pheed è attualmente disponibile gratuitamente on-line e tramite l’App Store mentre non ancora disponibile per devices Android. L’iscrizione è permessa usando le Api di Facebook o Twitter, si utilizzano gli hashtag per inviare messaggi e tutti i contenuti sono condivisibili sui più famosi social network. Funzione sicuramente molto virale la possibilità di “settare” in automatico le condivisioni creando un vero e proprio tam tam nella rete.
Per i Pheed maggiormente apprezzati c’è la possibilità, come su Facebook, di apprezzarli attraverso un “I love it”; i membri possono postare un testo, delle immagini dal proprio computer o direttamente dalla telecamera dello smartphone o registrare un video e condividerlo con le stesse modalità. Interessante e innovativo anche l’audio Pheed registrando una voce o un suono direttamente dallo smartphone.
Altra funzione interessante quella dedicata al copyright di contenuti. Una volta caricati sul devices è possibile, direttamente dall’applicazione, aggiungere il proprio copyright.
Completa la piattaforma la possibilità di monetizzare i propri contenuti chiedendo un abbonamento mensile a chi ci segue sul social.
Sicuramente un social ispirato ai “big 4” ma complimenti agli sviluppatori per aver introdotto qualche funzione ancora non presente o non utilizzata in modo massivo sulle altre piattaforme.

Fonte: Seo Blog di Buzz Marketing



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Raffaele Visintin
Responsabile pubblicazioni - Raffaele Visintin
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere