ARTE E CULTURA

Prigionieri austro-ungarici in Calabria

March 13 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

I prigionieri austro-ungarici a Reggio Calabria erano alloggiati nelle strutture in legno ubicate nell'area del castello aragonese e venivano utilizzati per lavori di opere civili.

Nuovi documenti, frutto di pazienti ricerche archivistiche da parte di Gianni Aiello, saranno oggetto di analisi della conversazione culturale sul tema „I prigionieri austro-ungarici in Calabria” che fa parte del programma quadriennale (2014-2018) denominato"Centenario della Grande Guerra", contenitore di una serie di incontri, che, per i contenuti e la valenza dei temi trattati ha ricevuto l'Alto Patrocinio dell'Ambasciata d'Austria, della Repubblica Ceca, della Repubblica Slovacca, dell'Ambasciata di Ungheria. Ritornando al tema dell'incontro, organizzato dal sodalizio culturale reggino, saranno riportati i risultati di nuovi documenti cartacei ed anche reperti di archeologia industriale ed altre tracce relative alla presenza sul territorio calabrese dei soldati austro-ungarici. Tali scoperte hanno il merito di variare le geografie conoscitive a riguardo il tema dei prigionieri di guerra austro-ungarici durante la prima guerra mondiale (1914-1918) sul territorio italiano.

Licenza di distribuzione:
Giovanni Aiello
Presidente Circolo Culturale L'Agorà - RC - Circolo Culturale L'Agorà - Reggio Calabria
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere