SOCIETA

Promuoviamo una cultura nuova sui Diritti Umani

August 21 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Siamo arrivati alla frutta, si trattano gli esseri umani alla stregua dei carichi di merci non deperibili.

Ogni giorno ci troviamo di fronte a notizie di conflitti etnici, pratiche disumane, disordini civili e guerre. Navi con centinaia di profughi prigionieri delle beghe tra schiaramenti politici, pronti a fare cassa di consensi in base all’umore delle masse.
Siamo arrivati alla frutta, come dichiarano i responsabili delle ONLUS impegnate nel soccorso in mare, si trattano gli esseri umani alla stregua dei carichi di merci non deperibili. Si, perché se fossero state deperibili, probabilmente le avrebbero fatte scaricare per evitare di perdere il carico commerciale. Ma senza dover andare tanto lontano dove i conflitti sono palesi, possiamo assistere a violazioni dei diritti anche nelle nostre strade o addirittura tra le mura domestiche.
I media sono pieni di storie di violazioni dei diritti umani - dalla violenza domestica e il bullismo scolastico alla corruzione, alla povertà e alle discriminazioni sanzionate dal governo.
Una grande maggioranza della popolazione mondiale non sa nemmeno quali siano i loro diritti umani.
Amnesty International riporta violazioni dei diritti umani in circa 160 paesi, e non solo nei paesi in via di sviluppo. Decine di migliaia di persone vengono trafficate ogni anno nel paese considerato più “democratico” del mondo, gli Stati Uniti, molte delle quali costrette allo sfruttamento sessuale e lavorativo. Si stimano in 171 milioni in tutto il mondo, i ragazzini di età inferiore ai 15 anni che lavorano in condizioni pericolose. In questo momento storico, ben 28 milioni di persone in tutto il pianeta vivono in condizioni di schiavitù. Uno dei business più redditizi è il traffico di organi ed esseri umani da parte di sfruttatori criminali che considerali “umani” è un’offesa al genere umano.
Nel 1969, L. Ron Hubbard ristampò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e scrisse: "Le Nazioni Unite hanno trovato la risposta. Un'assenza di Diritti Umani ha macchiato le mani dei governi e minacciato le loro regole. Pochissimi governi hanno implementato qualsiasi parte della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Questi governi non hanno capito che la loro stessa sopravvivenza dipende interamente dall'adottare tali riforme e quindi dare ai loro popoli una causa, una civiltà che merita di essere sostenuta, degna del loro patriottismo ".
Ispirato dalle parole di Mr. Hubbard che "i diritti umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico", i volontari di Uniti per i diritti Umani e della Chiesa di Scientology sostengono quella che è diventata la più grande iniziativa di educazione ai Diritti Umani non governativa del mondo operando in oltre 190 nazioni e anche in Sardegna non risparmieranno le energie distribuendo centinaia di libretti contenenti i trenta articoli della Dichiarazione delle Nazioni Unite nelle case e negozi di diversi quartieri di Cagliari, dove i Diritti Umani sono ancora un sogno da raggiungere.



Licenza di distribuzione:
Ignazio Deriu
PUBBLICHE RELAZIONI - Chiesa di Scientology
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere