SALUTE e MEDICINA

Quinta edizione a Firenze del seminario “Il cardiopatico ‘complesso’ post acuto e cronico: chi è, come si valuta, come si cura”.

February 12 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Si è svolta a Firenze, ieri venerdì 9 febbraio, presso l’Hilton Garden Inn, la quinta edizione de “Il cardiopatico "complesso" post acuto e cronico: chi è, come si valuta, come si cura.”

Un seminario rivolto ai medici che intervengono nella cura del cardiopatico “complesso”, per condividere la scelta degli strumenti di valutazione più idonei ed orientare i trattamenti su obiettivi terapeutici appropriati in ottica multiprofessionale ed interdisciplinare.

Un cardiopatico può essere definito “complesso” per le conseguenze della malattia, la coesistenza di più condizioni morbose, la comparsa di complicanze, gli effetti specifici e collaterali dei trattamenti, oltre che per la riduzione delle funzioni di organo e di apparato dovute all’invecchiamento.

Il Seminario ha affrontato alcuni aspetti dibattuti e controversi di importanti snodi decisionali mettendo a confronto esperienze ed idee, selezionando modalità di valutazione e di cura adeguati.

“Il tema della complessità in cardiologia – ha spiegato il Prof. Francesco Fattirolli – è uno dei temi più attuali in relazione alla nuova epidemiologia, ormai consolidata, che ci dimostra come gli ammalati sono quasi tutti di età avanzata e come coloro che sono più giovani sono gravati da molte malattie.

I problemi che noi dobbiamo affrontare sono strettamente interconnessi tra loro, di difficile soluzione e spesso privi degli elementi che ci servono come guida per le scelte di diagnostica e di terapia.

Abbiamo affrontato questo argomento con esperti provenienti da tutta Italia che hanno proposto una serie di letture su temi incentrati sulla complessità. Un’opportunità di riflessione sia per i cardiologi ma anche per altri professionisti di medicina generale, interna, geriatria e per altre professioni sanitarie presenti come infermieri, fisioterapisti, psicologi, dietisti, che rappresentano quel mondo multiprofessionale che è la forza della medicina.

Un contributo aggiuntivo alle conoscenze e alle capacità di interpretare la realtà che abbiamo nella clinica di tutti i giorni”.

Licenza di distribuzione:
Camilla Mencarelli
Socia - Edizioni Europee Gutenberg S.r.l.
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere