AZIENDALI

Ricerca Ricoh: cosa si aspettano i dipendenti europei dalle tecnologie digitali?

July 31 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Secondo una nuova ricerca Ricoh-Censuswide, i dipendenti europei sono a favore della Digital Transformation e guardano alle tecnologie con ottimismo. Le aziende devono però colmare il gap delle competenze.

L’innovazione tecnologica sta trasformando il modo di lavorare e offre nuove opportunità d’interazione. I dipendenti ne sono consapevoli, guardano con ottimismo ai cambiamenti in atto e vorrebbero che la propria azienda traesse il massimo vantaggio dall’IT. Questo è quando emerge dalla ricerca Ricoh “Empowering Digital Workplace” che ha coinvolto 3.600 dipendenti di aziende europee. La quasi totalità del campione (98%) è infatti entusiasta o fiduciosa all’idea che nella propria azienda vengano introdotte nuove tecnologie. Anche in Italia l’atteggiamento verso la digitalizzazione è generalmente ottimista: i dipendenti si definiscono a riguardo entusiasti (65% del campione) e fiduciosi (38%) e solo una minoranza è dubbiosa (4%) e preoccupata (10%).

Tra le tecnologie che, a detta dei dipendenti europei, verranno a breve introdotte nelle aziende vi sono:
•Automazione: processi che funzionano senza il bisogno del controllo o dell'intervento umano
•Intelligenza artificiale: computer e macchine "intelligenti", in grado di riprodurre le interazioni umane, di risolvere problemi e di ragionare
•Realtà virtuale: computer e sistemi audio in grado di creare ambienti realistici e immersivi
•Robotica: robot che possono sostituire gli esseri umani

La tecnologia da sola non basta per lavorare meglio. Sebbene i lavoratori europei vogliano utilizzare negli uffici tecnologie digitali più innovative, il 40% di essi ammette di non avere le competenze necessarie per poterlo fare. Allo stesso tempo, il 67% desidera che i datori di lavoro diano maggiore importanza alla formazione, così che essi possano sfruttare al massimo i nuovi strumenti e servizi digitali che hanno a disposizione.

Licenza di distribuzione:
Marta Oldani
Editor and Media Relations - Ricoh Italia
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere