ARTE E CULTURA

Rimini, Cinema Fulgor e al Cinema Settebello

May 17 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Programmazione dal 16 al 22 Maggio 2019


RIMINI.

PROGRAMMAZIONE CINEMA SETTEBELLO DAL 16 AL 22 MAGGIO



IL REGISTA SCEGLIE LA STRADA DELLA COMMEDIA FRIZZANTE PER RACCONTARE LE DIFFICOLTÀ DI DIALOGO TRA I DUE POPOLI. NON UNA LEGGEREZZA MA UN SEGNALE DI CONSAPEVOLEZZA.VINCITORE AL FESTIVAL DI VENEZIA COME MIGLIOR ATTORE NELLA SEZIONE NUOVI ORIZZONTI
Ridere di noi stessi aiuta a sopprimere la rabbia e pone nella giusta prospettiva per trovare una soluzione alla frustrazione.Il fatto che il regista e sceneggiatore Sameh Zoabi abbia optato per la commedia per raccontare la vita al tempo di uno dei più dolorosi e insolubili conflitti della storia contemporanea non deve essere letto come una dichiarazione di leggerezza, ma come segnale di una consapevolezza.




LA STORIA VERA DI PHAIM(REGISTA ITALIANO DI ORIGINE BENGALESE), 50% BANGLA, 50% ITALIA E 100% TORPIGNATTARA.LEGGEREZZA E SORRISI PER AVVICINARE MONDI E VITE.
Il regista Phaim Bhuyian, al suo esordio nel lungometraggio dietro e davanti alla macchina da presa nonché come co-sceneggiatore, offre un'opera prima frizzante, divertente e al contempo interessante e profonda.La potenza della commedia che puo' far riflettere e avvicinare con il sorriso e la leggerezza che aiuta a conoscere ed avvicinare mondi e vite con lievità.




UNA STORIA D'AMORE E DI ONORE LUNGA 17 ANNI, IN CUI IL REGISTA JIA ZHANG-KE RIVISITA TEMPI E LUOGHI DEL PROPRIO CINEMA.
Un'opera complessa e ricca di riferimenti interni alla propria poetica, che conferma la statura di un autore capace di leggere i mutamenti della contemporaneità in un Paese che procede a una velocità pari a quella dei suoi treni, quando attraversano senza ritorno le lande desertiche dello Xinjiang.
Intensa e bravissima Zhao Tao(Al di la'delle montagne)



UN BIOPIC CHE DIVERTE E RIEMPIE DI NOSTALGIA. UNO STRAORDINARIO RITORNO DI STANLIO E OLLIO, IN PERFETTO PARALLELISMO COL RACCONTO DEL FILM.
Steve Coogan nei panni di Laurel e John C. Reilly in quelli di Hardy riescono nell'impresa di far rivivere una delle coppie comiche più grandi della storia del cinema e della televisione in un biopic che fa divertire e riempie di nostalgia allo stesso tempo.
Il punto di partenza è il libro di A.J. Marriot sul tour inglese dei due vecchi artisti, sul quale grava, come un conto alla rovescia per la fine del rullo, l'ombra della fragile salute di Oliver, ma che è anche il momento ideale per vederli sotto un'altra luce che non sia quella dei riflettori e scoprire i modi della loro quotidianità e le dinamiche del loro lavoro.
Stanlio & Ollio, con ritmo e competenza, racconta il retroscena del più grande trucco del cinema (e di quella stagione della commedia in particolare) e cioè, per dirla con Buster Keaton, il fatto che "realizzare film comici è un lavoro serio", ragion per cui Stan Laurel, che era la mente creativa del duo, non smetteva mai di scrivere e di provare, e persino di coltivare l'illusione di un film, un "Robbin' good" che, come ai vecchi tempi, avrebbe posto al compagno qualche difficoltà fisica ma lo avrebbe anche riempito di gioia.

PROGRAMMAZIONE CINEMA FULGOR DAL 16 AL 22 MAGGIO

DA VENERDI' 17 MAGGIO,IN CONTEMPORANEA CON CANNES,STESSA SERATA DI PROIEZIONE
L'ULTIMO FILM DI ALMODOVAR CON ANTONIO BANDERAS, PENELOPE CRUZ, LA SUA VALENCIA,LE TRE MUSE DI ALMODOVAR.
.
Atteso al prossimo Festival di Cannes dopo aver convinto a fine marzo il pubblico spagnolo, Dolor y Gloria è il nuovo film di Pedro Almodóvar. Tornato al cinema a tre anni da Julieta, il regista spagnolo ha riunito sul set per l'occasione tre delle sue muse: Penelope Cruz, Antonio Banderas e la provincia di Valencia. Per Dolor y Gloria, tra i film più autobiografici del regista, Almodovar ha scelto ancora una volta di rispecchiarsi nel "suo" Antonio: "Nessuno avrebbe potuto interpretare quel ruolo come lui - ha detto - Molte delle cose che racconto Antonio le ha vissute al mio fianco.Almodovar ha saputo trovare il perfetto bilanciamento fra intensità emotiva e riflessione su se stesso e il proprio cinema. La consueta padronanza della cinepresa ha fatto il resto.La proiezione a Cannes è prevista per il 17 maggio, stesso giorno dell'uscita in Italia.


Adattamento del romanzo omonimo di Patrick deWitt, The Red Joan, tratto dal romanzo di Jennie Rooney La ragazza del KGB, ispirato a sua volta alla storia vera di Melita.
Il film, interpretato da un’inossidabile Judy Dench,ha uno stile classico, anche nella costruzione, che alterna l'interrogatorio poliziesco nel presente con il ricordo del passato cronologicamente ordinato, il film di Trevor Nunn trova un buon equilibro tra pieni e vuoti, amplificazioni e riduzioni.Judi Dench offre un'altra delle sue performance, recitando soltanto con gli occhi e con l'ausilio di un abito opportunamente dimesso e di una gamba malferma. Nel frattempo, il film nel film dei ricordi di Joan descrive e romanza il suo ruolo nella Storia, facendone l'inventrice della guerra fredda e la fautrice di quella distensione che ha assicurato all'Occidente un lungo dopoguerra di pace


Parte La seconda stagione di ARTE e CINEMA presentata dallo storico dell'arte Alessandro Giovanardi.
Un modo unico per assaporare i grandi capolavori dell'arte al cinema.

Tutti i martedì dalle 20:30

PROGRAMMA

20:30 Aperitivo / Buffet
21:00 Alessandro Giovanardi introduce Degas
21:30 FILM DOCUMENTARIO SULL'ARTE

12 FEBBRAIO
Degas - Passione e perfezione

12 MARZO
Tintoretto - Un ribelle a Venezia

09 APRILE
Gaugin a Tahiti - Il paradiso perduto

30 APRILE
Il Museo Del Prado - La corte delle meraviglie

21 MAGGIO
Il giovane Picasso

11 GIUGNO
Dentro Caravaggio

I biglietti potranno essere acquistati direttamente presso la biglietteria del Cinema Fulgor negli orari di apertura dalle 16:30 fino alle 21,00 tranne lunedì dalle 20:00 alle 22:00.
Non si accettano prenotazioni.

Parte La seconda stagione di ARTE e CINEMA presentata dallo storico dell'arte Alessandro Giovanardi.
Un modo unico per assaporare i grandi capolavori dell'arte al cinema.

Martedi' 21 Maggio L'arte al Cinema Fulgor

IL GIOVANE PICASSO(dist. NexoDigital)

PROGRAMMA

20:30 Aperitivo / Buffet
21:00 Alessandro Giovanardi introduce Il giovane Picasso
21:30 IL GIOVANE PICASSO

IL GIOVANE PICASSO (dist. NexoDigital).

Pablo Ruiz y Picasso nasce a Malaga nell'ottobre 1881. Quando si legge questo nome - Picasso - pare già di conoscere tutto su di lui. Ma, come per altri personaggi straordinari che hanno fatto storie e rivoluzioni, non è mai così. C'è sempre qualcosa da scoprire e da imparare. Per questo "Il giovane Picasso" è un film anomalo: un prodotto ben realizzato, appassionato e con degli inediti interessanti. Il percorso inizia dal racconto sulla famiglia del giovane artista: padre pittore e madre attenta, dal cognome italiano. Quel "Picasso" che Pablo sceglierà come firma definitiva nel 1900, una volta imboccata, da giovanissimo a diciannove anni, la via di Parigi: una consacrazione faticosa, sperimentale, ma ideale per essere un artista contemporaneo. A Malaga Pablo crea però la sua prima opera ben realizzata: un piccolo olio con una barca abbozzata, ma dalle linee raffinate e decise, un tramonto e il mare. Una micro-tela impressionista. Aveva sette anni e il talento c'era.

I biglietti potranno essere acquistati direttamente presso la biglietteria del Cinema Fulgor negli orari di apertura dalle 16:30 fino alle 21,00 tranne lunedì dalle 20:00 alle 22:00.
Non si accettano prenotazioni.




JOHN MCENROE - L'IMPERO DELLA PERFEZIONE. (Distr. WANTED)

Lunedì 20 e martedì 21 ore 21:00

Gil de Kermadec è stato un cineasta appassionato di tennis che aveva creato un metodo di osservazione delle posture dei tennisti con finalità didattiche. A un certo punto però decise di rinunciare alle riprese finalizzate allo scopo per seguire invece dal vero ciò che un campione faceva nel corso di una gara. Il soggetto prescelto fu John McEnroe.
La citazione in apertura ha lo scopo di metterci in guardia. Recita: "Il cinema mente. Lo sport no". È firmata Jean-Luc Godard ed è, come di solito per il regista, apodittica.

Versione originale sottotitolata in italiano

Licenza di distribuzione:
Maura Capanni
Corrispondente settore cultura - RETERICERCA
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere