TURISMO

Ritiro Spirituale Yoga: destinazioni e consigli

January 10 2022
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Capita a tutti di sentire una voce dentro che spinge a staccare la spina, a lasciare andare. Per alcuni è una vocina flebile, per altri un campanello assordante. In tutti i casi è il richiamo del silenzio a farsi strada, quel silenzio necessario e vitale non solo per calmare lo stress e le pressioni del quotidiano, ma anche per generare il risveglio dell’anima, dimensione oggigiorno troppo spesso trascurata. Ecco allora che partecipare a un ritiro spirituale yoga può rivelarsi un’ottima occasione per ascoltarsi e riappropriarsi di sé praticando yoga e meditazione. In questo articolo vediamo le principali destinazioni per un ritiro spirituale in Italia, insieme a consigli e indicazioni. Buona lettura!

Cosa è un ritiro spirituale?
Come dicono le parole stesse, un “ritiro spirituale” è un periodo di tempo lontano dall’ambiente in cui si trascorre la quotidianità dove si coltiva lo spirito. Può avere un’accezione religiosa – in tutte le fedi si praticano ritiri spirituali – o un’accezione laica. In questi ultimi, che accolgono persone di tutte le fedi religiose, si dà spazio alla propria dimensione spirituale mediante la pratica del silenzio, della meditazione e, in alcuni casi, anche dello yoga.

In un ritiro spirituale si vive molto a contatto con il luogo ospitante, assorbendone l’atmosfera. Pur essendo in gruppo, inoltre, si dà largo spazio all’essere di ciascuno, nel rispetto dei tempi di ogni partecipante. Qui di seguito focalizziamo l’attenzione sul ritiro spirituale yoga, durante il quale la pratica yoga aiuta a raggiungere la consapevolezza di sé, ad accettare i prorio limiti e a conoscere le proprie potenzialità. Ad avvertire ciò che c’è dentro di noi mediante la mente e il corpo.

Gli otto passi dello yoga
Ricordiamo, a tal proposito, che il saggio Patanjali nei suoi Yoga sutra identifica otto passi dello yoga, in grado di accendere la luce che accompagna il praticante nel cammino sconosciuto dello Yoga, la sadhana (pratica) personale.

Gli otto passi dello Yoga sono linee guida per una vita vissuta con proposito e dedizione. Patanjali ha creato il modello da seguire. Sono la struttura portante della pratica di Yoga, un cammino dove ogni elemento è importante per arrivare alla connessione con se stessi e il divino.

Come andare in un ritiro spirituale yoga?
Non c’è una risposta univoca. Ognuno deve seguire il suo sentire. Unico consiglio che ci sentiamo di darti è quello di avvicinarsi a un ritiro spirituale yoga con il cuore aperto alla scoperta e scevro di preconcetti. Non è semplice, siamo abituati a farci un’idea in base alle mille informazioni che riceviamo senza però affrontare un percorso di conoscenza profondo. Se si affronta invece un’esperienza di questo tipo con le braccia spalancate a ciò che sarà, permettiamo di accogliere e cogliere l’essenza del ritiro e di farla nostra.

Dove si fanno i ritiri spirituali yoga?
Come abbiamo scritto anche nell’articolo Vacanze Meditazione e Yoga: scopri dove andare, in realtà ogni meta può trasformarsi in luogo di ritiro spirituale yoga. Di certo, la condizione da cui non si può prescindere è il silenzio. Coltivare la propria dimensione spirituale in un luogo chiassoso – ca va sans dire – non aiuta a mettersi in connessione con sé stessi.

Aggiungiamo inoltre che un luogo immerso nella natura – che sia mare, montagna o campagna – rappresenta senz’altro un viatico importante per conoscere il risveglio: l’ambiente naturale, in ogni stagione, permette di raggiungere un maggiore benessere.

Poi se la destinazione scelta ha anche una storia intrisa di spiritualità, si è maggiormente predisposti a percorrere un interessante cammino dentro sé stessi in un luogo che, prima di noi, ha accolto altre persone in cerca di consapevolezza e armonia.

Dove meditare in Italia?
Al di là della destinazione geografica in sé, ci sono luoghi dedicati proprio al ritiro spirituale yoga e che quindi permettono a chiunque di meditare e praticare il silenzio, anche a chi non lo ha mai fatto prima.

Eccole ricapitolate qui:

strutture yoga, ossia luoghi con spazi dedicati e particolari attenzioni pensate proprio per ospiti dediti alla meditazione e a uno stile di vita yoga;
centri yoga, alcuni di essi organizzano ritiri spirituali;
centri religiosi, come per esempio alcuni monasteri, che sempre di puù aprono i propri spazi ai praticanti;
viaggi yoga, durante i quali non mancano pratiche di meditazione;
viaggi meditazione, finalizzati esclusivamente a meditare;
weekend di meditazione e yoga, soggiorni brevi durante i quali si sperimentano entrambe le pratiche;
ritiri e vacanze meditazione e yoga, soggiorni in cui si ha del tempo per praticare e del tempo per fare altre attività legate al territorio.
Le principali destinazioni e strutture per un ritiro yoga spirituale in Italia
Tra le destinazioni ideali per un ritiro spirituale yoga non possiamo non citare l’Umbria e la Toscana, che con la loro natura selvaggia e autentiche oasi di silenzio, sono le regioni della spiritualità per eccellenza.

Ritiro spirituale yoga in Umbria
L’Umbria è di certo tra le regioni italiane più ricche di spiritualità, basti citare Assisi che ha dato i natali a San Francesco.

Immersa nel suo verde si trova una struttura che già dal nome fa pensare al luogo perfetto per organizzare un ritiro spirituale yoga: L’Eremito, un eremo laico contemporaneo costruito secondo i principi della sostenibilità con pietre originali del 300. Il luogo perfetto dove trovare sintonia tra mente, corpo e spirito, dove trascorrere il tuo tempo praticando yoga, mangiando vegetariano, rilassandoti con un buon libro, camminando in mezzo alla natura.
Una volta giunto a destinazione ti sembrerà di essere lontano anni luce dai rumori della tua vita. Lavorare su te stesso in quest’atmosfera sarà molto più semplice!

Scopri ritiri e vacanze in programma su Eventiyoga.it



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere