SALUTE e MEDICINA

Sclerosi multipla - I nuovi dati di MS PATHS presentati a ECTRIMS 2021 confermano che le terapie modificanti il decorso di malattia di Biogen non riducono la risposta anticorpale al vaccino anti COVID-19 nelle persone con sclerosi multipla

October 14 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

· I dati di MS Paths indicano che il 100% dei pazienti con SM trattati con natalizumab, interferoni o fumarati ha ottenuto una risposta anticorpale in seguito alla vaccinazione anti-COVID-19 · In aggiunta, i dati dell’analisi suggeriscono che circa il 40% delle persone con SM trattate con terapie modificanti il decorso della malattia (TMD) anti-CD20 e S1P sviluppa una risposta anticorpale al vaccino anti COVID-19 · La rete collaborativa di MS PATHS ha permesso un'acquisizione rapida dei dati pertinenti al COVID-19

Biogen ha annunciato oggi i risultati di una nuova analisi sulla risposta immunitaria al vaccino anti COVID-19 nelle persone affette da sclerosi multipla (SM). I risultati confermano che i pazienti trattati con le terapie di Biogen per la SM sviluppano una risposta anticorpale efficace alla vaccinazione contro il COVID-19. Questi dati sono stati presentati in occasione del 37º Congresso del Comitato Europeo per il Trattamento e la Ricerca nella Sclerosi Multipla (ECTRIMS), che si terrà in modalità virtuale dal 13 al 15 ottobre.

Attraverso i dati della rete MS PATHS acquisiti negli Stati Uniti, in Germania e in Spagna, i ricercatori hanno valutato i campioni di sangue prelevati da 322 partecipanti a 28-90 giorni di distanza dall’ultima dose di vaccino anti COVID-19. I risultati preliminari suggeriscono che le terapie anti-CD20 e gli inibitori della sfingosina 1-fosfato possano ridurre la risposta anticorpale alla vaccinazione contro il COVID-19. Per tutte le altre classi valutate nell'analisi, inclusa la vasta gamma di terapie per la SM offerte da Biogen, la risposta anticorpale alla vaccinazione è coerente con la risposta dei pazienti non trattati con una terapia modificante il decorso di malattia (TMD) per la SM.

“I risultati dimostrano che le TMD per la SM incidono sulla vaccinazione anti COVID-19 in modi diversi, pertanto comprendere queste differenze è fondamentale. - ha dichiarato Jeffrey Cohen, M.D. presso la Cleveland Clinic e consulente per Biogen - Queste informazioni sono importanti affinché gli operatori sanitari e i pazienti possano gestire insieme la SM, cercando nel contempo di proteggere i pazienti dal COVID-19 attraverso la vaccinazione".

Circa il 92% dei partecipanti all'analisi aveva ricevuto un vaccino a mRNA. La risposta immunitaria è stata misurata mediante test delle immunoglobuline G (IgG). I tassi specifici di IgG (indice IgG >1) considerando i test iniziali post-vaccinazione (28-90 giorni dall’ultima dose) sono stati del 40% (32/80) per gli anti-CD20 (ocrelizumab, rituximab e ofatumumab), del 41% (16/39) per le terapie S1P (fingolimod, ozanimod e siponimod) e del 100% (175/175) per tutte le altre TMD (fumarati - dimetilfumarato e diroximel fumarato, glatiramer acetato, interferoni - IFN beta-1a Intarmuscolari, IFN beta-1a pegilato e IFN beta-1b, natalizumab, teriflunomide e alemtuzumab).

“Abbiamo davvero a cuore le persone colpite da SM e il nostro desiderio era che i pazienti e il personale medico avessero informazioni aggiornate per poter affrontare le scelte più importanti riguardo al COVID-19. - ha dichiarato Maha Radhakrishnan, M.D., Chief Medical Officer di Biogen - Grazie all’eccezionale rete MS PATHS, siamo riusciti a ottenere rapidamente i dati sull’impatto delle diverse TMD per la SM sulla risposta anticorpale al vaccino anti COVID-19. Questi risultati fanno parte di un progetto diretto a comprendere i meccanismi di attivazione delle cellule B e T nel contesto della vaccinazione anti COVID-19 per le persone colpite da SM e trattate con TMD e si aggiungerà all’importante lavoro dei ricercatori per raggiungere questo obiettivo”.

Altre presentazioni di dati al Congresso ECTRIMS

Biogen presenterà un totale di 38 abstract legati al suo portafoglio per la SM, in linea con il suo costante impegno per arrivare a una comprensione sempre più approfondita della malattia e allo sviluppo di terapie innovative e maggiormente efficaci. Le presentazioni a ECTRIMS includono:

Immune Response to SARS-CoV-2 Vaccination in People Living With Multiple Sclerosis Within MS PATHS (Risposta immunitaria alla vaccinazione anti SARS-CoV-2 nelle persone affette da sclerosi multipla in MS PATHS - P652)
Flushing and Flushing-Related Adverse Events With Diroximel Fumarate in Patients With Relapsing-Remitting Multiple Sclerosis: Results from the Phase 3 EVOLVE-MS-2 Study (Vampate di calore ed eventi avversi di natura simile associati al diroximel fumarato nei pazienti con sclerosi multipla remittente-recidivante: risultati dello studio di Fase III EVOLVE-MS-2 - P673)
Early Data Suggest Diroximel Fumarate Has High Rates of Real-World Adherence and Persistence (I primi dati suggeriscono che il diroximel fumarato presenta tassi real-world elevati di aderenza e persistenza - P850)
Diroximel Fumarate in Patients With Relapsing-Remitting Multiple Sclerosis: Interim Safety and Efficacy Results from the Phase 3 EVOLVE-MS-1 Study (Diroximel fumarato nei pazienti con sclerosi multipla remittente recidivante: risultati intermedi di sicurezza ed efficacia dallo studio di Fase III EVOLVE-MS-1 P739)
Comparison of Time to Clinically Meaningful Improvement in Patients Treated With Natalizumab Versus Ocrelizumab (Confronto in termini di tempi al miglioramento clinicamente significativo della Neuro-QoL nei pazienti trattati con natalizumab rispetto a ocrelizumab - P252)
Comparison of Pharmacokinetic Profiles and Safety Outcomes with Peginterferon Beta-1a Administration in Black/African American and White Participants (Confronto tra i profili farmacocinetici e i risultati di sicurezza della somministrazione di peginterferone beta-1a in partecipanti caucasici e afroamericani - P663)
Efficacy and Safety of Opicinumab in Participants With Relapsing Multiple Sclerosis: A Randomized, Placebo-Controlled, Phase 2 Trial (AFFINITY Part 1) (Efficacia e sicurezza di Opicinumab nei partecipanti con sclerosi multipla recidivante: uno studio di Fase II randomizzato e controllato con placebo AFFINITY Parte 1 - P147)

Informazioni su MS PATHS

Biogen ha sponsorizzato la rete MS PATHS (Partners Advancing Technology and Health Solutions) per promuovere la collaborazione tra i principali centri specializzati nella SM negli Stati Uniti e in Europa, con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo di terapie risolutive attraverso la generazione di dati real-world standardizzati da una popolazione di pazienti diversificata. MS PATHS può vantare un set esclusivo di dati clinici, di imaging e biologici acquisiti da tutti i pazienti in tempo reale direttamente presso i centri sanitari. In questo modo si può comprendere meglio la malattia e, in ultima analisi, migliorare la vita di chi convive con la SM.

Informazioni su Biogen

La nostra missione è chiara: siamo pionieri nel campo delle neuroscienze. Biogen ricerca, sviluppa e rende disponibili terapie innovative destinate alle persone che in tutto il mondo vivono con gravi patologie neurologiche e neurodegenerative, svolgendo la sua attività anche in aree terapeutiche contigue. Fondata nel 1978 da Charles Weissmann, Heinz Schaller, Kenneth Murray e dai Premi Nobel Walter Gilbert e Phillip Sharp, Biogen è una delle prime aziende globali nel campo delle biotecnologie. Oggi Biogen vanta il portfolio di farmaci più ampio e diversificato al mondo nell’ambito delle terapie per la sclerosi multipla, ha introdotto il primo e unico trattamento per l’atrofia muscolare spinale, rende disponibili biosimilari dei farmaci biologici avanzati, per malattie infiammatorie croniche immunomediate, quali artrite reumatoide, colite ulcerosa, malattia di Crohn e psoriasi, ed è all’avanguardia nella ricerca su sclerosi multipla e neuroimmunologia, Alzheimer e demenza, disturbi neuromuscolari, disturbi del movimento, oftalmologia, neuropsichiatria, immunologia, neurologia acuta e dolore neuropatico.

Biogen pubblica regolarmente informazioni di potenziale interesse per gli investitori sul sito Web www.biogen.com.

Seguici sui social Twitter, LinkedIn, Facebook, YouTube.

Biogen - Dichiarazione Cautelativa

Il presente comunicato contiene dichiarazioni a carattere previsionale, incluse le dichiarazioni ai sensi della legge statunitense Private Securities Litigation Reform Act del 1995, in merito ai risultati che emergono da determinati dati acquisiti nel mondo reale; al riconoscimento e al trattamento della SM e all’effetto delle nostre terapie in relazione alla vaccinazione anti COVID-19; e al nostro programma di ricerca e sviluppo per il trattamento della SM. Tali dichiarazioni possono essere identificate da termini come “mirare”, “attendere”, “credere”, “potrebbe”, “stimare”, “aspettarsi”, “prevedere”, “obiettivo,” “intendere”, “può”, “programmare”, “possibile”, “eventuale”, “sarà”, “sarebbe” e termini ed espressioni dal significato analogo. Lo sviluppo e la commercializzazione dei farmaci comportano rischi molto elevati e solo un esiguo numero di programmi di ricerca e sviluppo sfociano nella commercializzazione di un prodotto. I risultati degli studi clinici nelle fasi iniziali possono non essere indicativi dei risultati completi o dei risultati ottenuti nelle fasi successive o al completamento degli studi clinici condotti su una scala più grande e non garantiscono l'approvazione normativa. Non è opportuno fare indebito affidamento su queste affermazioni o sui dati scientifici menzionati.

Le dichiarazioni previsionali sono soggette a rischi e incertezze che potrebbero determinare divergenze sostanziali tra i risultati effettivi e il contenuto delle affermazioni stesse, che includono, a titolo indicativo e non limitativo: l’insorgere di eventi avversi e/o di preoccupazioni inattese che possono risultare da dati o analisi aggiuntivi; i rischi legati a costi o ritardi inattesi; l’incapacità di proteggere e far rispettare i dati, la proprietà intellettuale e gli altri diritti di proprietà, come pure le incertezze legate alle controversie e alle problematiche sulla proprietà intellettuale; l’assunzione di responsabilità sui prodotti; i rischi legati alla collaborazione con terze parti e le conseguenze dirette e indirette dell’attuale pandemia da COVID-19 sulla nostra attività, sulla situazione finanziaria e patrimoniale. Quanto riportato esemplifica molti, ma non tutti, dei fattori che potrebbero causare una discrepanza tra i risultati concreti e le nostre aspettative espresse nelle dichiarazioni previsionali. Gli investitori dovrebbero tenere in considerazione la presente dichiarazione cautelativa, nonché i fattori di rischio identificati nel report annuale o trimestrale redatto più di recente da Biogen o nelle altre relazioni da noi depositate presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti. Queste dichiarazioni sono valide solo alla data del presente comunicato e sono motivate dalle nostre opinioni e aspettative attuali. Non ci assumiamo alcun obbligo di aggiornare qualsiasi dichiarazione previsionale in seguito all'acquisizione di nuove informazioni, sviluppi futuri o quant'altro.



Licenza di distribuzione:
Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere