PRODOTTI

Scopriamo insieme i migliori Tagliasigari! Taglio a ghigliottina o a punto?

September 10 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Uno sguardo al mondo dei tagliasigari, per gli appassionati del settore e non solo, insieme scopriamo le differenze tra le diverse realtà del mondo dei Tagliasigari.

Quest’articolo è dedicato a tutti gli appassionati di nel noto attrezzo meccanico pensato pe tagliare la parte finale del sigaro noto appunto come tagliasigari. Negli anni, si è sempre cercato di migliorare l’esperienza di chi dedito a fumare il sigaro. Anche se può sembrare una cosa banale per neofiti che da poco si avvicinano al mondo dei sigari, il taglio della parte finale del sigaro non è affatto una cosa da poco.
Fumare il sigaro, soprattutto se questo è di un certo tipo, per molti è una vera e propria esperienza sensoriale che può essere certamente rovinata da un taglio imperfetto, che oltre a danneggiare lo stesso sigaro, provocando una perdita di tabacco, rischia di rovinare il momento spesso di relax lungamente atteso durante il giorno.
Le diverse tipologie di tagliasigari, nascono proprio al fine di facilitare al massimo un taglio netto e preciso, senza intoppi. Se pure una buona parte di appassionati, continua a preferire il coltello come strumento per il taglio del sigaro, una mano non esperta, potrebbe facilmente danneggiare la parte finale dello stesso impedendone il corretto uso.
Tra i tipi di tagliasigari, sicuramente il più noto e diffuso è il tagliasigari a ghigliottina o a doppia lama, facile da usare ed estremamente affilato garantisce un taglio netto e dritto grazie alle due lame estremamente affilate, riducendo al minimo il rischio di lesioni della foglia di tabacco e la contestuale perdita dello stesso. Negli anni questo è diventato rapidamente uno degli oggetti più diffusi tra gli appassionati, grazie alla sua praticità, realizzato in diverse forme e materiali, oggi è spesso oggetto di rivisitazioni stravaganti pensate dai diversi designer dei brand più noti dediti alla vendita di quest’oggetto come Xikar, Palio o il noto tagliasigari Dupont.
Seppure molte di queste case, realizzano anche coltelli per il taglio del sigaro, come la Xikar, il tagliasigari a ghigliottina rimane probabilmente lo strumento più diffuso e apprezzato.
Simile al tagliasigari a ghigliottina è il tagliasigari a V, noto anche taglio inglese, caratteristico proprio per via dalla forma a V che viene data alla parte finale del sigaro dopo il taglio. Questo tagliasigari, nelle forme similare ad un tagliasigari a ghigliottina, si differenzia appunto per la tipologia di taglio che va più in profondità rispetto al tagliasigari a ghigliottina, ma mantenendo comunque intatte le foglie di tabacco principali. Questa sua caratteristica lo rende molto apprezzato dai fumatori di sigari cubani, che grazie a questo particolare taglio, riescono ad andare più in profondità, senza rovinare il sigaro stesso.
In fine, arriviamo al noto tagliasigari a punto, o come viene comunemente chiamato bucasigari. Noto per la particolarità del taglio che viene a formarsi sul sigaro, che ricorda un foro di proiettile. Meno diffuso rispetto al tagliasigari a ghigliottina, per una serie di motivi che poi ne hanno influenzato le successive produzioni. In primo luogo infatti quest’articolo, quanto meno nelle sue prime versioni, si apriva con facilità anche quando non era in uso, facendo fuoriuscire la sua lama anche in tasca o in borsa. Oggi questo problema è in parte risolto dato che la gran parte dei nuovi modelli viene realizzato e venduto con un bottone di sicurezza per evitare l’apertura accidentale.
Da un punto di vista puramente pratico invece, il tagliasigari a punto è nasce a seguito dell’esigenza di realizzare un foro di dimensioni ridotte alla fine del sigaro, così da ridurre al minimo la fuoriuscita di tabacco. Allo stesso modo però, la misura ridotta del foro, impedisce, se non con difficoltà che grandi quantità di fumo possano affluire alla bocca riducendo pertanto l’esperienza. Chiaramente quest’ultima osservazione è puramente soggettiva, ma indubbiamente può aggiungersi a quell’insieme di cause che hanno reso il tagliasigari a punto meno noto rispetto al classico tagliasigari a ghigliottina, decisamente più diffuso.
Tra i Marchi di fascia alta più diffusi, si ricordano in particolare i tagliasigari Xikar, che ad oggi rappresentano il miglior rapporto qualità prezzo, grazie all’elevata qualità dei materiali e la straordinaria fattura Made in U.s.a., mentre di levatura leggermente più bassa, quasi da potersi inserire tra i tagliasigari più economici, il Brand Palio.



Licenza di distribuzione:
Diego Quattrone
Amministratore - Knife Park di Diego Quattrone
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere