SPETTACOLO

“Sediamoci a teatro”, al via la rassegna della Libera Accademia

June 6 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La Libera Accademia del Teatro apre il sipario di “Sediamoci a teatro”. La rassegna di saggi della scuola aretina si svilupperà per tutto il mese di giugno e prenderà il via con sei serate che, dal 9 giugno, vedranno impegnati prevalentemente gli allievi dei corsi Junior delle scuole medie e superiori che metteranno in scena le opere su cui hanno lavorato in quasi un anno di prove e lezioni. Tutti gli spettacoli saranno ospitati dal teatro “Pietro Aretino” e saranno proposti in doppia replica alle 19.00 e alle 21.30. A rompere il ghiaccio sarà domenica 9 e lunedì 10 giugno un doppio omaggio a due grandi classici, con “Gli uccelli” di Aristofane e “Shakespeare swing pop and drama” tratto da Shakespeare, entrambi curati dalla regia di Andrea Biagiotti.

La Libera Accademia del Teatro apre il sipario di “Sediamoci a teatro”. La rassegna di saggi della scuola aretina si svilupperà per tutto il mese di giugno e prenderà il via con sei serate che, dal 9 giugno, vedranno impegnati prevalentemente gli allievi dei corsi Junior delle scuole medie e superiori che metteranno in scena le opere su cui hanno lavorato in quasi un anno di prove e lezioni. Tutti gli spettacoli saranno ospitati dal teatro “Pietro Aretino” di via Bicchieraia e saranno proposti in doppia replica alle 19.00 e alle 21.30, per offrire una più vasta scelta al pubblico e per permettere agli attori la possibilità di vivere per ben due volte l’esperienza e le emozioni di salire sul palcoscenico.

A rompere il ghiaccio di “Sediamoci a teatro” sarà domenica 9 e lunedì 10 giugno un doppio omaggio a due grandi classici, con “Gli uccelli” di Aristofane e “Shakespeare swing pop and drama” tratto da Shakespeare, entrambi curati dalla regia di Andrea Biagiotti. Il primo è una rivisitazione della nota commedia dell’autore greco che narra della fondazione di una città nel cielo compiuta da due ateniesi insieme agli uccelli, mentre il secondo proporrà un omaggio ai difficili amori giovanili raccontanti dal drammaturgo inglese con un percorso tra alcune delle sue più note opere che avrà come filo conduttore la musica swing. Martedì 11 e mercoledì 12 giugno, in entrambi i casi alle 21.30, sarà la volta dei ragazzi di Uberto Kovacevich che si metteranno alla prova ne “La vera storia di Cenerentola” in una parodia della celebre fiaba popolare caratterizzata da una divertente reinterpretazione dei suoi protagonisti. Nei due giorni successivi di giovedì 13 e venerdì 14 giugno a salire sul palco saranno i giovani allievi di Francesca Barbagli con la commedia “Non aprite quel castello” che proporrà un’incalzante giostra di rapide battute, personaggi anomali e situazioni assurde, con gli attori che dovranno essere bravi a tenere il giusto ritmo necessario per regalare risate. Le stesse due serate saranno all’insegna della leggerezza e vedranno per la prima volta impegnati nella rassegna della Libera Accademia del Teatro anche un gruppo di adulti del corso avanzato degli “Ostinati” di Samuele Boncompagni che, in “La squola dell’obbligo - Promossi o bocciati”, indosseranno le vesti di un corpo-docenti alle prese con lo scrutinio finale di un anno scolastico. «A rompere il ghiaccio di questa edizione dei saggi-spettacolo - commenta Amina Kovacevich, presidente della Libera Accademia del Teatro, - saranno i ragazzi dei corsi Junior che fremono per vivere le emozioni del palco, per calarsi nella parte dei vari personaggi e per mostrare le opere su cui si sono messi in gioco e si sono impegnati negli ultimi mesi. I tanti appassionati di teatro presenti nella nostra città sono invitati al “Pietro Aretino” per un avvio di rassegna che, nei primi giorni, sarà caratterizzato prevalentemente da commedie all’insegna della risata e della leggerezza».

Licenza di distribuzione:
Marco Cavini
Responsabile pubblicazioni - Uffici Stampa Egv di Cavini Marco
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere