ARTE E CULTURA

Set amò if? (Sei ancora vivo?)

September 23 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Artisti di Bergamo e Brescia: segni e segnali di presenza, dalla Valcamonica e dintorni a Milano sul Naviglio Grande

Approda a Milano il progetto Set amò if?
Artisti di Brescia e Bergamo: segni e segnali di presenza

Dopo il successo di pubblico e critica riscosso in Valcamonica e dintorni, arriva a Milano, alla Vi.P. Gallery in Alzaia Naviglio Grande,4 con il decimo allestimento la rassegna "SET AMÒ IF?" (Sei ancora vivo?) dopo essere stato allestito e presentato, dal 15 agosto ad oggi, alla Vi.P. Gallery Valcamonica, al Museo di Nadro di Ceto (BS), al Parco archeologico del Teatro e dell’Anfiteatro di Cividate Camuno e in altre sei locations non convenzionali (un arboreto alpino, un lido sul lago d’Iseo, pub, ristoranti, ecc.)

In mostra alla Vi.P. Gallery Milano tutti e 15 gli artisti visivi selezionati con una o due opere ciascuno. Sul sito www.zamenhofart.it tutti i dettagli dell'intera rassegna
Qui di seguito “cast” e presentazione della rassegna.
Set amò if? (Sei ancora vivo?)
Artisti di Brescia e Bergamo: segni e segnali di presenza
Rassegna d’arte, musica e spettacolo, diffusa e “a puntate”, dal 15 agosto al 27 settembre 2020, in Valcamonica e oltre.

Dal 15 agosto negli spazi della Vi.P. Gallery di Niardo, dell'Upupa di Breno, del Caffè del Corso di Cividate (e piazzetta antistante), del Lido Mad Hops di Marone e dell'Osteria Concarena di Cerveno.
Dal 23 agosto all’Arboreto Alpino Gleno a Vilminore di Scalve e alla Pizza dello Zio Sem a Darfo Boario Terme.
Dal 29 agosto al Museo di Nadro (Ceto).
Dal 18 settembre nel Parco del teatro e dell’Anfiteatro di Cividate Camuno (BS)
15 artisti in mostra nelle dieci locations con oltre 150 opere tra quadri, fotografie, sculture e installazioni:
Arturo Belfiore Mondoni, Alessandra Cantamessa, Pier Giorgio Capitanio, Pierluigi Cattaneo, Giovanni Faini, Graziano Filippini, Max Gasparini, Gaetano Fiore, Lisa Gosio, Virgilio Patarini, Fabrizio Pedrali, Flavio Pellegrini, Daniele Piemontese, Edoardo Stramacchia, Marta Vezzoli.
Organizzazione Vi.P. Gallery Valcamonica-Associazione Culturale Zamenhof Art. Con la collaborazione della Associazione Culturale L’Ontano Verde, della Riserva naturale Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo, del Parco del Teatro e dell’Anfiteatro di Cividate Camuno.
Direzione artistica e organizzativa: Virgilio Patarini. Con l’amichevole collaborazione e la preziosa consulenza di Arturo Belfiore Mondoni, Giulia Mazzolani, Alessandro “Sandropiteco” Ducoli, Luca “Zeus” Morzenti, Giovanni Pessognelli, Marcello Piemontese, Gabriella Hidigan e Moira Troncatti.
Tra gli eventi in programma si segnalano quelli finali all’Anfiteatro di Cividate il 26 e 27 settembre, dalle h17, tra teatro e musica, con gli attori Domitilla Colombo, Alessandro Baito, Sergio Scorzillo e con i cantautori Alessandro Ducoli (in trio) e Enrico Cipollini. Ingresso libero.

SET AMÒ IF? PRESENTAZIONE generale del progetto
La rassegna vuole rappresentare, in maniera plastica e diffusa, un forte segnale di ripresa e rinascita dopo i mesi di chiusura e le difficoltà e i timori tuttora persistenti, valorizzando il grande potenziale e la “vitalità” di artisti bresciani e bergamaschi, tra autori affermati a livello internazionale e giovani promesse, in un contesto ricco di storia, cultura e bellezza paesaggistica come il territorio della Valcamonica, e consiste nell’esposizione di opere d’arte non solo nelle grandi sale della Vi.P. Gallery, del Museo di Nadro e dell’Anfiteatro di Cividate, ma anche e soprattutto in alcuni luoghi non convenzionali quali bar, spiagge, aree verdi attrezzate, e attività commerciali in genere, ovvero quei luoghi che fanno parte della quotidianità di ognuno, in vacanza e non.
Con l’obiettivo di creare un percorso inverso rispetto a quello abituale, che vede il pubblico recarsi in una galleria o in un museo per ammirare una mostra: qui invece è l’arte che va direttamente alla gente, inserendo le opere in un contesto tanto inusuale quanto comune e quotidiano.
Nella medesima ottica di coinvolgimento del territorio rientrano gli eventi come performance, spettacoli, concerti che non si svolgeranno solo in luoghi deputati ma anche in posti meno convenzionali, come ad esempio la messa in scena del Diario di un pazzo, una riscrittura del Diario di un pazzo di Nikolaj Gogol’, breve atto unico, ideale per un allestimento «itinerante», che avrà luogo nello scenario suggestivo dell'Arboreto Alpino in Val di Scalve, creando un coinvolgimento diretto del pubblico in un luogo “non deputato” ma dal grande potenziale evocativo anche in funzione di scenario teatrale.
Il tutto, ovviamente, nel pieno rispetto delle modalità di fruizione post-Covid 19
In allegato foto di alcune opere in mostra
Dettagli sugli eventi e foto di tutti gli allestimenti sul sito www.zamenhofart.it



Licenza di distribuzione:
Virgilio Patarini
Responsabile pubblicazioni - Zamnhof Art
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere