AZIENDALI

Sicurezza e tecniche di lavoro

March 22 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

A seconda delle situazione lavorativa possono essere necessari diversi approcci alla sicurezza con l'utilizzo di Dispositivi di Protezione individuale differenti.

Il datore di lavoro ha l’obbligo di scegliere i Dispositivi di Protezione Individuale più idonei alle esigenze ricercando sul mercato quanto di meglio ci possa essere in funzione delle caratteristiche e dei requisiti necessari per provvedere a un adeguata protezione dei lavoratori.

Vediamo alcune di queste situazioni:

Lavorare su strutture metalliche come tralicci, antenne, ripetitori, ecc.

Quando si lavora in situazioni con elevato rischio per la sicurezza dovuti alla quota, è necessario proteggersi con adeguati sistemi anticaduta.

In questi casi viene utilizzata un imbracatura, meglio se con dei cosciali di sostegno, dotata di cintura di posizionamento, poichè quando si raggiunge la postazione di lavoro è necessario assicurarsi con un adeguato sistema di posizionamento per poter operare in sicurezza con le mani libere.

Normalmente l'operatore si arrampica sulla struttura utilizzando un doppio cordino con assorbitore, che permette di rimanere costantemente collegato alla struttura con almeno un punto di ancoraggio durante la risalita.

Lavorare su coperture o tetti

E' necessario proteggersi con adeguati sistemi anticaduta in quanto vi è il rischio, operando spesso su strutture inclinate, di scivolare e cadere nel vuoto. Inoltre si cammina su strutture fragili che possono sfondarsi con il peso del corpo.

Normalmente è installata una linea vita tetto orizzontale a cui è necessario agganciarsi con i propri sistemi anticaduta per potersi muovere in sicurezza su ampie aree.

A volte invece sono installate adeguate protezioni collettive (parapetti). In questo caso è sufficiente l'impiego di un cordino di posizionamento regolabile agganciato alla linea vita.

Lavorare su scale

E' necessario proteggersi con adeguati sistemi anticaduta per limitare lo spazio di arresto, in quanto si è esposti al rischio di scivolare, o di cadere nel vuoto.

Normalmente sono installate delle linee vita verticali a cui è necessario ancorarsi con i proprio sistemi anticaduta, in quanto l'operatore opera essenzialmente in salita e discesa sulla scala, senza la necessità di muoversi lateralmente.

A volte invece è necessario ancorarsi alla scala in quanto la postazione di lavoro è a ridosso della scala stessa. In questo caso è sufficiente l'impiego di un cordino di posizionamento regolabile agganciato alla cintura di posizionamento.

Lavoro in spazi confinati

E' necessario l'impiego di un adeguato sistema anticaduta in quanto sono ambienti dove l'operatore non può spostarsi e assicurarsi autonomamente e non può sostare per tempi prolungati al loro interno, in quanto sono caratterizzati da ridotti spazi di manovra.

Si utilizza un treppiede con carrucola e un dispositivo di sollevamento per recuperare ed evacuare rapidamente l'operatore nel caso di situazioni di emergenza. All'imbracatura dell'operatore deve essere agganciata una fune di sicurezza con apposito sistema anticaduta o un dispositivo anticaduta a richiamo automatico.

Accesso su fune

E' una tecnica di accesso alla postazione di lavoro tramite funi, da adottare solo nel caso in cui non sia possibile utilizzare altri modi più sicuri, in quanto richiede una adeguata formazione e maggior prestazione fisica.

Viene sempre indossata un imbracatura con cosciali di sostegno, una fune di lavoro lungo la quale muoversi per raggiungere la zona di lavoro a cui viene applicato un apposito discensore e una seconda corda di sicurezza dotata di dispositivo anticaduta.



Licenza di distribuzione:
Cristian Frialdi
Responsabile pubblicazioni - Cristian Frialdi
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere