ECONOMIA e FINANZA

Total Reward: il modello che rende felici i lavoratori

January 23 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il sistema di Total Reward rappresenta l’insieme di sistemi di retribuzione adottati dall’impresa con il fine di attrarre e trattenere le persone, motivandole e orientandone comportamenti e atteggiamenti verso quelli che sono i risultati professionali attesi.

La retribuzione che gratifica

Attraverso il capitale umano, che costituisce sicuramente il bene più prezioso all’interno di un’azienda, è possibile assicurarsi un certo vantaggio in termini di competitività rispetto alle altre imprese presenti all’interno del mercato imprenditoriale. Per questo motivo è necessario che, attraverso attività di formazione e valorizzazione indirizzate al singolo individuo, un’azienda provi a stimolare e incentivare competenze e abilità di ogni dipendente all’interno della realtà aziendale, con l’intento principale di non lasciarsi scappare quelli che sono o potrebbero diventare dei veri e propri talenti.
A tal proposito, un approccio sempre più diffuso nel mondo imprenditoriale è quello del Total Reward

Total Reward System: che cos’è

Il sistema di Total Reward rappresenta l’insieme di sistemi di retribuzione adottati dall’impresa con il fine di attrarre e trattenere le persone, motivandole e orientandone comportamenti e atteggiamenti verso quelli che sono i risultati professionali attesi.

Il sistema di Total Reward si compone quindi di elementi monetari e non che, insieme, definiscono la politica di remunerazione dell’impresa, entrando così a pieno titolo tra gli strumenti di Welfare aziendale dal momento che contribuisce a garantiree ad accrescere il benessere individuale e familiare dei lavoratori.
Nello specifico, il sistema di Total Reward ideale viene a comporsi di 4 macro-elementi che, se combinato, configurano la retribuzione globale percepita da ogni lavoratore:

1. Retribuzione fissa, che a sua volta comprende minimo contrattuale, scatti di anzianità, contingenza e super-minimo;
2. Retribuzione variabile, che si compone di straordinario, bonus saltuari e incentivi di breve e lungo termine;
3. Benefits, come per esempio previdenza integrativa, assicurazioni, coperture mediche, pasti, auto, telefono cellulare, pc portatile, alloggio e carte di credito;
4. Ambiente di lavoro, nel senso di opportunità di apprendimento, formazione, carriera, riconoscimenti formali, stabilità dell’impiego, natura del lavoro, stili di leadership, coaching e mentoring, job posting, ergonomia del lavoro.

Un breve focus sui benefits. Una serie di studi e di ricerche hanno sottolineato come, in linea di massima, un lavoratore apprezzi in misura maggiore benefits che interessano non solo la sua persona, quant’anche la sua cerchia familiare. Si pensi per esempio a borse di studio per finanziare gli studi dei propri figli o ad una parziale copertura delle spese sanitarie da sostenere per la propria famiglia.
Proprio per questa ragione, per questa “preferenza”, al giorno d’oggi le aziende prevedono una serie di benefits a più ampio respiro, che non hanno a che vedere solo ed esclusivamente con la gratificazione economica del proprio dipendente.
Sempre più radicato nel mondo delle imprese italiane, il sistema di Total Reward sembra rispondere al meglio a quella esigenza, tutta interna alle aziende, di trattenere “i migliori”, in una logica di talent management che possa apportare vantaggi in termini di competitività e crescita rispetto ai propri competitor.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere