SALUTE e MEDICINA

Trapianti in calo, sempre più vecchi i donatori

April 22 2011
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

In calo del 9,1% i trapianti nel 2010: 2.874, contro i 3.163: è quanto emerge nel Report dei dati su attività di donazione e trapianto, relativi allo scorso anno, reso noto dal Centro nazionale trapianti. Che indica due cause principali della flessione: “Da un lato si è riscontrato negli ultimi 5 anni un aumento dell’età media dei donatori da 50 a 55 anni, che riduce in modo rilevante il numero degli organi idonei al trapianto, e dall’altro si è registrata la diminuzione del numero dei decessi di pazienti cerebrolesi”.

In calo del 9,1% i trapianti nel 2010: 2.874, contro i 3.163: è quanto emerge nel Report dei dati su attività di donazione e trapianto, relativi allo scorso anno, reso noto dal Centro nazionale trapianti. Che indica due cause principali della flessione: “Da un lato si è riscontrato negli ultimi 5 anni un aumento dell’età media dei donatori da 50 a 55 anni, che riduce in modo rilevante il numero degli organi idonei al trapianto, e dall’altro si è registrata la diminuzione del numero dei decessi di pazienti cerebrolesi”.
Le ragioni di questa riduzione “sono da individuarsi nella diminuzione dei decessi per cause traumatiche (da 1.348 nel 2009 a 1.240 nel 2010, con una riduzione percentuale dell’8%) e in generale i decessi sotto i 40 anni (da 650 nel 2009 a 553 nel 2010, con una riduzione percentuale del 14,9%). Inoltre, riferisce il Cnt, “si è registrata anche una riduzione delle morti dei pazienti di età superiore ai 60 anni (da 3.801 nel 2009 a 3.512 nel 2010, con una riduzione percentuale del 7,6 %), che ha anch’essa avuto un impatto sulla disponibilità di organi”.
Complessivamente, “i potenziali donatori segnalati dai rianimatori, cioè i soggetti sottoposti ad accertamento di morte cerebrale, nel 2010 sono stati 2.289 contro i 2.326 del 2009, con una riduzione percentuale assoluta pari all’1%”, mentre i donatori effettivamente utilizzati nel 2010 “sono 1.095 (contro i 1.167 del 2009), con una diminuzione percentuale assoluta del 6,2%”. Ed è aumentata lievemente la percentuale di opposizioni: lo scorso anno si è attestata sul 31,5%, contro il 30,4% del 2009. Tuttavia si tratta di un “trend sostanzialmente stabile e in linea con gli standard europei”, commenta il Centro nazionale trapianti: infatti “i primi dati disponibili a livello europeo segnalano che la riduzione delle donazioni e dei trapianti non interessa solo l’Italia, ma riguarda la maggior parte dei paesi europei”. Un segnale non proprio positivo per chi è in attesa di trapianto.
Osservando le cifre delle 3 aggregazioni interregionali, emergono alcune differenze: infatti alcuni gruppi di regioni hanno registrato un lieve incremento di donatori, mentre altre un drastico calo. Nell’area N.i.t. – che comprende Lombardia, Veneto, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Provincia Autonoma di Trento e Marche – lo scorso anno ci sono stati 441 donatori utilizzati, 33 in meno rispetto ai 474 nel 2009; invece piccolo balzo in avanti per area A.i.r.t. (Piemonte,Valle D’Aosta, Toscana, Emilia Romagna, Provincia Autonoma di Bolzano e Puglia), con 410 donatori utilizzati contro i 407 nel 2009. Infine, nell’area Ocst (Lazio, Basilicata, Campania, Abruzzo-Molise, Calabria, Umbria, Sicilia e Sardegna) sono stati 244 i donatori utilizzati nel 2010, 42 in meno rispetto ai 286 dell’anno precedente.
Venendo alle liste d’attesa, in Italia il totale dei pazienti che attendono un trapianto nel 2010 era pari a 9.489, con un aumento di 158 pazienti rispetto al 2009. Numeri che “confermano un quadro sostanzialmente stabile, attestato dalla durata media dei tempi di attesa, sostanzialmente identica rispetto al 2010″, riferisce il Cnt. “Dei pazienti iscritti in lista, 7.021 sono in attesa di un trapianto di rene con un tempo medio di attesa in lista pari a 3,01 anni; 1.322 per un trapianto di fegato con un tempo medio di attesa in lista pari a 2,04 anni; 728 per un trapianto di cuore con un tempo medio di attesa in lista pari a 2,36 anni; 260 per un trapianto di pancreas con un tempo medio di attesa pari a 3,25 anni; 345 per un trapianto di polmone con un tempo medio di attesa pari a 1,86 anni”. Inoltre la percentuale di decessi per i pazienti in lista d’attesa è passata per il trapianto di rene dall’1,5% del 2009 all’1,46% del 2010; per il trapianto di fegato dal 5,4% del 2009 al 6,55% del 2010; per il trapianto di cuore dal 10,1% del 2009 all’8,08% del 2010; per il trapianto di polmone dal 14,7% del 2009 all’11,5% del 2010; per il trapianto di pancreas dall’1,2% del 2009 allo 0,3% del 2010″.
Il Cnt ci tiene a precisare che la mortalità “si riferisce ai soli pazienti deceduti in lista d’attesa”.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Mario Bianconi
Responsabile contenuti - Sic - Sanità in Cifre
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere