AZIENDALI

Trento: Patrick Oungre, esperto di open innovation in Italia, Group Head of Innovation di A2A, mi ha incontrato

May 8 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Sono riuscito ad incontrare a Trento Patrick Oungre guru di “tecnologie esponenziali”

Con le giuste precauzioni, in questo periodo di Coronavirus, sono riuscito ad incontrare a Trento Patrick Oungre tra i maggiori esperti di open innovation in Italia e Group Head of Innovation di A2A, multiutility Italiana leader nei servizi ambientali e nel teleriscaldamento e ai vertici nei settori energia, calore, reti e tecnologie per smart city, quali sono i principali cambiamenti che le aziende stanno affrontando per guidare l’innovazione.

Un primo grande tema che accompagna ormai da qualche anno le conversazioni della business community è il concetto di “tecnologie esponenziali”. Proviamo a capire insieme di cosa si tratta e perché è così importante per un’azienda saper cogliere questa opportunità. Il primo aspetto da considerare è che stiamo parlando di un fenomeno esponenziale. Tipicamente vengono utilizzate diverse metafore per spiegare questo concetto, ma una in particolare, mi ha sempre convinto più di altre e credo risulti immediatamente intuitiva: 30 passi lineari corrispondono a circa 30 metri. 30 passi esponenziali corrispondono a circa 1 miliardo di metri il che, tradotto, significa che ci permettono di andare sulla luna, circumnavigarla una ventina di volte, ritornare sulla terra.

Alla luce di questa nuova consapevolezza, è chiaro come le tecnologie esponenziali impongono di riprogrammare il concetto di cambiamento per favorire modelli di innovazione dal potenziale incredibile. Inoltre, diversamente dal progresso lineare, se osserviamo l’evoluzione della tecnologia nel tempo, la sua performance raddoppia con periodicità e così decresce il suo costo. E con l’avvento del Quantum Computing la curva del progresso tecnologico, storicamente espressa con la legge di Moore, potrebbe essere rimessa in discussione in modo profondo.

Perché questa evoluzione tecnologica diventa progressivamente alla portata di tutti… nostra, dei nostri clienti e dei nostri competitors. Il suo costo progressivamente marginale rende la tecnologia ed il progresso integrabili in contesti aziendali creando evidentemente nuove opportunità per le aziende in grado di interpretare questi cambiamenti.

Per le aziende oggi più che mai è essenziale essere in grado di intercettare i fenomeni del momento, tecnologici, sociali economici. E spesso le startup sono un’ottima rappresentazione non solo di trend consolidati ma anche di micro trend che potrebbero diventare rilevanti anche in tempi rapidi. Seppur piccole rispetto a qualsiasi grande corporate, queste piccole organizzazioni possono trovare oggi la strada per diventare minacce anche per grandi gruppi industriali. E Questo vale per qualsiasi industry.

Cristian Nardi



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere