ECONOMIA e FINANZA

Treviso: eletto il nuovo Consiglio dell'Ordine dei dottori agronomi e forestali

November 20 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Paolo Pietrobon, forestale, confermato alla presidenza; lo affianca il vicepresidente Alessandro Calliman, agronomo.

Si è insediato il Consiglio dell'Ordine dei dottori agronomi e forestali della provincia di Treviso, a seguito delle elezioni tenutesi a fine settembre. Il presidente, riconfermato, è Paolo Pietrobon dottore forestale esperto di verde urbano; vicepresidente Alessandro Calliman, agronomo attivo nel settore zootecnico. A ricoprire il ruolo di segretario è stato chiamato Francesco Renaldin, anch'egli agronomo operativo nel settore della consulenza aziendale, mentre Giuseppe Berto, agronomo esperto di viticoltura, ha assunto la carica di tesoriere. Gli altri componenti del Consiglio sono gli agronomi Giulia di Thiene, Ornella Santantonio (già vicepresidente) e Daniele Vaccari, oltre a Roberto Rasera, dottore forestale, e Davide Genovese, agronomo iunior.

Nel ripartire con le attività, il Consiglio sta definendo in queste settimane le aree tematiche su cui si concentrerà il lavoro delle commissioni permanenti per il quadriennio 2017-2021. "Il rinnovo anche generazionale del direttivo, con abbassamento dell'età media da 55 a 46 anni, - commenta Pietrobon - risponde alla necessità di affrontare con efficacia le sfide della professione moderna. Ringrazio tutti i colleghi che con la loro partecipazione al voto hanno garantito un'ampia legittimazione del nuovo Consiglio, e ribadisco l'impegno mio personale e quello di tutti gli eletti al servizio dei colleghi".

Gli agronomi trevigiani sono 170, mentre i dottori forestali 51. 5 sono gli iscritti alla Sezione B, che comprende agronomi e forestali iunior. Le donne rappresentano il 16% degli iscritti all'Albo. Gli ambiti di lavoro dei professionisti operativi nella nostra provincia spaziano dall'assistenza alle aziende agricole, zootecniche, viticole e forestali, senza dimenticare la consulenza nella trasformazione e valorizzazione dei loro prodotti. Si tratta di una professione molto variegata, dato che agronomi e forestali gestiscono gli aspetti ecologici ed economici legati all’ambiente, al verde urbano, al paesaggio ed ai boschi, intervenendo anche nella pianificazione. L’Ordine è l’istituzione di autogoverno di una professione riconosciuta dalla legge a cui lo Stato, sulla base del principio di sussidiarietà, ha affidato un delicato ruolo di garanzia. "I dottori agronomi e forestali sono professionisti al servizio dei cittadini e degli Enti per uno sviluppo sostenibile ed il miglioramento della qualità della vita; l'iscrizione all'Ordine comporta una precisa responsabilità etica e deontologica a tutela della collettività".



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Federica Florian
Responsabile pubblicazioni - Federica Florian
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere