SICUREZZA INFORMATICA

Come tutelarsi dalle truffe su Facebook

September 12 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente
CORRELATI:

Facebook è divenuto un fenomeno di massa, che purtroppo non è immune dai malintenzionati. Vediamo come tutelarci dalle truffe su Facebook.

Facebook evolve le sue funzionalità ogni giorno, infatti oggi possiamo fare inserzioni pubblicitarie, proporre offerte sulle pagine e tanto altro. Ma attenzione alle truffe. Il meccanismo più ingannevole che esiste su questo social network sono i Like delle pagine.

C’è chi crea una pagina cercando più Like possibili, magari inventando di tutto e cose estremamente false e improbabili, come “regalo telefono a chi clicca mi piace” ecc. Dopo un po’ di tempo quella pagina cambierà immagine e sarà venduta al miglior offerente.

Ci è mai capitato di trovarci fra i Like di una pagina che non ci interessa minimamente o che danneggi l’etica morale nostra e altri? C’è chi si trova in queste situazioni, magari con un Like inizialmente rivolto ad una pagina di interesse ritrovandosi poi con un Like in una pagina dai contenuti alquanti discutibili. Il danno poi lo possiamo solo immaginare.

Queste situazioni sono truffe nei confronti degli utenti, ovvero si utilizza l’ingenuità delle persone per i propri scopi. Oppure può succedere che l’offerta di un determinato prodotto non sia proprio come viene descritta, e questo si vede spesso nelle pubblicità promozionali.

Altre volte possiamo essere catturati dalla pubblicazione di un link o un video che ci invita a visualizzare i contenuti, andando poi in una pagina che ci prega di aggiornare il software flash, ma in realtà è un programma che ci ruba le nostre credenziali.

Se siamo poi appassionati di applicazioni e ci piace giocare su Facebook è bene fare molta attenzione quando ad un certo punto ci chiederanno denaro. Ma vi sono tanti altri trucchetti sempre più aggiornati perché è evidente che queste persone sono esperti di comunicazione e marketing, studiando nei minimi dettagli le grafiche e le parole.

Ma c’è chi inganna in privato tra gli account fingendosi chi non è e promettendoci ciò che non esiste. Non diamo informazioni personali a nessuno, siamo sempre un po’ esigenti nel conoscere sconosciuti, e facciamo attenzione ai contenuti che vediamo pubblicati e alle pagine, verifichiamo se siano reali o meno.

Avevamo l’illusione di essere sicuri tra i social network, però purtroppo non è così, e questo è solo l’inizio, cosa si inventeranno ancora?



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Alessio Arrigoni
Responsabile pubblicazioni - Alessio Arrigoni
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere