HI-TECH

Un recente studio conferma che l'integrazione degli strumenti consente agli MSP di risparmiare circa 250.000 $ e cinque ore di lavoro per ogni risposta agli incidenti informatici

October 26 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La nuova ricerca di Acronis e ChannelPro Network evidenzia i problemi critici a cui devono far fronte gli MSP, tra cui gli attacchi alla Cyber Security, la proliferazione dei vendor, il telelavoro e la gestione degli strumenti SaaS

Acronis, leader globale nella Cyber Protection, ha presentato oggi una nuova ricerca condotta da VansonBourne dalla quale emerge che il consolidamento e l'integrazione dei servizi di Cyber Security, backup e disaster recovery possono generare un risparmio medio di 229.159 $ e ridurre a cinque ore il tempo medio necessario al ripristino dopo un evento di violazione o perdita dei dati.


Realizzata insieme al media sponsor The ChannelPro Network, la nuova indagine dal titolo: "L'opinione degli MSP su Cyber Security e sul loro ruolo futuro", è stata condotta su 400 provider di servizi gestiti a livello globale, con l'intento di approfondire le principali sfide e opportunità che affrontano oggi gli MSP nel fornire i propri servizi di Cyber Security, backup e disaster recovery. Disponibile gratuitamente, il report si incentra sui problemi più diffusi quali gli attacchi alla Cyber Security, la proliferazione dei vendor, gli ambienti per il lavoro a distanza e l'uso di strumenti SaaS da parte dei clienti.


Gli MSP percepiscono la propria vulnerabilità e la sfiducia abbonda

I dati dello studio sottolineano i motivi che portano gli MSP a diventare più efficienti consolidando i vendor, primo tra i quali è il pericoloso panorama odierno delle minacce. Il recente incremento di attacchi alla supply chain registrato nel settore degli MSP è causa di preoccupazione per il 96% degli intervistati, che temono di subire una violazione della Cyber Security nei prossimi 12 mesi. Questo senso di vulnerabilità è amplificato da una mancanza di fiducia in due direzioni: il 49% degli MSP ha risposto che i propri clienti non hanno piena fiducia nella sicurezza dei servizi forniti dalle loro organizzazioni, mentre il 53% non ha piena fiducia nei vendor di cui si avvale per fornire i servizi di Cyber Security.


Per contrastare questo senso di vulnerabilità, molti MSP hanno aggiunto altri strumenti al proprio stack di tecnologie. Per fornire i servizi di Cyber Security, backup e/o disaster recovery, gli MSP si avvalgono in media di 4 vendor; il 30% riferisce di utilizzarne più di 5.


Il ruolo della gestione SaaS

Gli MSP affermano che i propri clienti utilizzano in media 14 strumenti SaaS, un risultato coerente con la recente ricerca condotta da Acronis sugli utenti finali. Gli MSP riferiscono anche di gestire solo una media del 58% degli strumenti SaaS dei propri clienti e solo il 3% afferma di gestirne la totalità (100%). Questa discrepanza causa una maggiore vulnerabilità dei clienti, perché i dati SaaS non sono protetti in modo adeguato e gli MSP hanno una visibilità limitata su questi ambienti. È tuttavia elevato il potenziale di crescita per i Service Provider capaci di mostrare ai propri clienti i vantaggi che derivano da una gestione unificata delle licenze, dell'onboarding, della sicurezza e delle prestazioni delle applicazioni SaaS in uso. Gli MSP riferiscono che i principali ostacoli alla gestione di un maggior numero degli strumenti SaaS dei propri clienti sono la mancanza di relazioni idonee con i responsabili decisionali della line of business (44%), la carenza di strumenti idonei (41%) e la mancanza di fiducia (39%).


Più strumenti, più problemi

Purtroppo non è implementando un maggior numero di strumenti tecnologici che si risolve il problema. Al contrario, la proliferazione degli strumenti può causare - e di fatto crea - una nuova serie di ostacoli. I risultati dell'indagine lo sottolineano: le due difficoltà più diffuse sono l'integrazione delle offerte di sicurezza con i sistemi IT e aziendali esistenti (40%), il flusso di lavoro della sicurezza, la creazione dei processi e gli aggiornamenti (37%).


Oltre alle difficoltà di integrazione, formazione, documentazione e flussi di lavoro generate dalla presenza di numerosi strumenti, c'è anche un evidente problema di costi. Negli ultimi due anni, il costo medio della fornitura di servizi di Cyber Security, backup e/o disaster recovery è aumentato del 19%. Il 71% degli MSP riferisce tuttavia di incontrare difficoltà nel giustificare ai propri clienti questi aumenti di costo, il che crea un serio dilemma e pone pressione sui margini di profitto.



Tendenze e vantaggi del consolidamento e dell'integrazione

Considerata la proliferazione degli strumenti e i conseguenti problemi di integrazione, flussi di lavoro e costi, non sorprende che il 92% degli MSP riferisca di aver consolidato i fornitori e che il 70% pianifichi un ulteriore consolidamento, visti i sostanziali risparmi realizzati riducendo i costi delle licenze, i costi di formazione, i costi di documentazione dei dipendenti e le ore di tempo risparmiate durante le attività di ripristino successive agli incidenti. È senz'altro possibile realizzare risparmi aggiuntivi in termini di tempo e denaro, perché il 41% degli MSP indica di voler integrare ulteriormente l'automazione delle attività di backup e ripristino nei servizi di Cyber Security, per affrontare in modo più adeguato la minaccia costante e dilagante del ransomware.


"Proteggere le PMI dalle redditizie attività dei criminali informatici non è mai stato così difficile, e di conseguenza i professionisti del canale puntano a erogare i servizi di sicurezza in modo più rapido ed efficiente", ha affermato Rich Freeman, responsabile editoriale di ChannelPro Network. "Questo studio evidenzia non solo il numero sorprendentemente elevato di MSP che consolida i propri fornitori con l'obiettivo di raggiungere questi obiettivi, ma che agendo così risparmiano anche quantità significative di tempo e denaro".



RIEPILOGO

I risultati della ricerca sono chiari: le sfide affrontate dagli MSP nel fornire servizi di Cyber Security sono numerose e aggiungere più strumenti acuisce le difficoltà invece di mitigarle. Si registra perciò una tendenza a consolidare i fornitori e a ottenere una più stretta integrazione dei vendor esistenti tramite i flussi di lavoro; gli MSP che riescono in queste iniziative realizzano vantaggi concreti sulla concorrenza.


"Gli MSP si fidano di Acronis e delle soluzioni di Cyber Protection per consolidare i propri fornitori e garantire la prevenzione degli attacchi informatici. All'avanguardia nella gestione della Cyber Security, della protezione dei dati e degli endpoint, Acronis è lieta di contribuire a eliminare le difficoltà di gestione di più fornitori migliorando al tempo stesso la sicurezza", ha affermato Patrick Pulvermueller, CEO di Acronis.

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere