ARTE E CULTURA

Una retrospettiva dedicata a Jean Giono al MuCEM e "Lucien Jacques, il rabdomante di Giono" al Regards de Provence di Marsiglia. Dal 30 ottobre 2019 al 16 febbraio 2020

November 25 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Esposti per la prima volta i manoscritti di uno dei più prolifici artisti del XX ° secolo. I film realizzati o prodotto e sceneggiato, gli adattamenti cinematografici delle opere di Marcel Pagnol e Jean-Paul Rappeneau, i dipinti del misterioso Charles-Frédéric Brun che ha ispirato Il disertore, e i dipinti dei suoi amici pittori, in primo luogo Bernard Buffet.

Alla vigilia della commemorazione del cinquantesimo anniversario della sua morte, il MuCEM di Marsiglia presenta una grande retrospettiva dedicata a Jean Giono (1895-1970).

Curatrice della mostra Emmanuelle Lambert.

Lontana dall'immagine semplificata dello scrittore provenzale, questa mostra segue il percorso del suo lavoro scritto e filmato, rendendo tutta la sua oscurità, il suo nervo e la sua universalità. Poeta tornato dalle fosse comuni della prima guerra mondiale, Giono era tanto impegnato a descrivere la profondità del male che a trovare gli antidoti: creazione, lavoro, pacifismo, amicizia dei pittori, rifugio nella natura, fuga nella immaginario.

Per dare carne da uno dei più prolifici artisti del XX ° secolo, quasi tutti i suoi manoscritti, esposti per la prima volta, con quasi 300 opere e documenti: la famiglia e gli atti amministrativi (compresi quelli di le sue due incarcerazioni), corrispondenze, relazioni fotografiche, edizioni originali, interviste filmate, nonché tutti i libri di lavoro dello scrittore, il manoscritto del suo Journal of the Occupation , i film da lui realizzati o che ha prodotto e sceneggiato, gli adattamenti cinematografici delle sue opere di Marcel Pagnol e Jean-Paul Rappeneau, i dipinti del misterioso Charles-Frédéric Brun che ha ispirato Il disertore, e i dipinti dei suoi amici pittori, in primo luogo Bernard Buffet.

Facendo eco a queste tracce materiali di vita e creazione, la mostra esplora il simbolismo nascosto nelle profondità del lavoro dello scrittore attraverso quattro installazioni di arte contemporanea, create appositamente per questo progetto.

Il Catalogo della Mostra:
Emmanuelle Lambert, scrittrice, autrice di Giono, furioso (Stock, settembre 2019)
- Consulenza scientifica di Jacques Mény, presidente dell'Associazione degli amici di Giono
-Scenografia: Pascal Rodriguez
-Catalogo in co-edizione con Gallimard Editions.

Con il contributo di JMG Le Clézio, Sylvie Germain, Sylvain Prudhomme, Emmanuelle Pagano, Alice Ferney, Patrick Autréaux, Philippe Claudel, Jakuta Alikavazovic, David Bosc, René Frégni, Emmanuelle Lambert e Jean François Chougnet.
Co-edizione Mucem / Gallimard.

In parallelo con la Mostra al MuCEM, l'Esposizione al Museo Regards de Provence, a Marsiglia.
"Lucien Jacques, il rabdomante di Giono"
Dal 30 ottobre 2019 al 16 febbraio 2020.

-Commissario della mostra: Jean-François Chougnet -Con l'aiuto di Jacky Michel, presidente dell'associazione degli amici di Lucien Jacques



Lucien Jacques (1891-1961) veniva spesso letto e visto attraverso la sua singolare amicizia con Jean Giono.
Questa mostra - che si svolge in parallelo con la mostra "Giono" Mucem - non può sfuggire del tutto a questo aspetto, eppure intende mostrare un'autonomia del lavoro di Lucien Jacques.
Si tratta di proporre temi che consentano di rendere giustizia alla forza e al talento di Lucien Jacques.


La mostra è coprodotta dal museo Regards de Provence e Mucem, con l'assistenza dell'Associazione degli amici di Lucien Jacques e il sostegno di Durance Lubéron Verdon Agglomération (DLVA).



Licenza di distribuzione:
Maura Capanni
Corrispondente settore cultura - RETERICERCA
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere