INTERNET

Una scelta di libertà: il mondo del cloud ibrido

June 29 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Obiettivo di Acronis è quello di aiutare le aziende a trarre il massimo vantaggio dallo storage nel cloud ibrido, sviluppando soluzioni che garantiscono la flessibilità, l'infrastruttura e l'accessibilità necessarie per adottare le soluzioni più funzionali

A chi non è mai capitato, davanti al menu di un ristorante, di dover scegliere tra due dessert e di pensare: "Mi piacerebbe prenderli entrambi"? Non per questo si è ingordi o voraci: significa solo voler concludere un pasto nel migliore dei modi.

Per le aziende che stanno valutando quale sia la soluzione cloud più adeguata allo storage delle proprie risorse digitali, la scelta è ben più complessa del decidere cosa mangiare. Poter scegliere dove archiviare i dati e come accedervi è infatti strategico, perché consente di soddisfare le esigenze e le modalità di impiego dei dati esclusive dell'azienda.

A differenza delle decisioni in merito al dessert, i professionisti dei team IT non devono scegliere drasticamente tra cloud pubblico o privato e possono invece selezionare gli aspetti che ritengono più utili in funzione dei requisiti specifici dell'azienda per cui operano.

Grazie alla recente partnership con Google Cloud, Acronis garantisce alle organizzazioni di ogni dimensione di poter fare la scelta adeguata e perfino di personalizzarla.

Risparmiare con il cloud pubblico
La convenienza del cloud pubblico è evidente a molti: consente infatti di trasformare l'infrastruttura back-end in una soluzione off-site, riducendo gli investimenti destinati alle risorse quali gli oneri finanziari, i requisiti tecnici e lo spazio fisico.

Le aziende affermate possono così convogliare più facilmente la capacità di elaborazione interna verso le esigenze business-critical, trasferendo i carichi meno esigenti su soluzioni come Google Cloud, Amazon Web Services, Microsoft Azure o altre. Le aziende da poco sul mercato possono rivolgersi a questi fornitori per ottenere i servizi IaaS (Infrastructure as a Service), evitando così di sostenere le spese di realizzazione di un data center dedicato.

Tuttavia, ci sono alcuni limiti delle soluzioni di cloud pubblico di cui tener conto.

Il controllo trasparente del cloud privato
Il risparmio sui costi offerto dalle soluzioni di cloud pubblico va valutato a fronte dei requisiti dell'azienda in termini di velocità, accessibilità, sicurezza e conformità alle normative. Quando, ad esempio, l'azienda non può tollerare latenze di accesso ai dati né rischiare che il data center non sia in linea quando occorre un file, il cloud pubblico può non essere la scelta migliore.

Analogamente, per le aziende che operano in settori altamente regolamentati, come la sanità o i servizi finanziari, possono sussistere vincoli alle posizioni di archiviazione dei dati. Ad esempio, per la conformità al recente GDPR dell'Unione Europea, le aziende che hanno contatti commerciali con i cittadini europei devono archiviare i dati di questi ultimi in Europa. A meno che il fornitore non offra l'opportunità di scegliere il proprio data center, l'uso di un cloud pubblico potrebbe rappresentare una violazione alle normative.

Per questa ragione si preferisce investire nel cloud privato locale. In questo caso ovviamente si sostiene il costo della creazione e della manutenzione del proprio data center, ma ci si assicurano i vantaggi del cloud senza sacrificare la velocità, la sicurezza o il controllo normativo imprescindibili.

Il futuro è nel cloud ibrido
Sempre più aziende riscontrano come il cloud ibrido offra la flessibilità di migrare il carico delle funzioni non strategiche su un cloud pubblico distinto ma interconnesso con i sistemi locali, in modo da garantire portabilità, flessibilità e disponibilità costante dei dati.

Se concepito correttamente, lo storage nel cloud ibrido offre all'azienda il meglio dei due mondi: agevola la scalabilità grazie al cloud pubblico ma al contempo protegge l'indipendenza e il controllo dei dati.

Obiettivo di Acronis è quello di aiutare le aziende a trarre il massimo vantaggio dallo storage nel cloud ibrido, sviluppando soluzioni che garantiscono la flessibilità, l'infrastruttura e l'accessibilità necessarie per adottare le soluzioni più funzionali alle proprie esigenze esclusive. Ecco perché le soluzioni di protezione dati di Acronis prevedono l'integrazione nativa con numerosi fornitori di cloud pubblico, con le più diffuse piattaforme di automazione dell'hosting e con strumenti di gestione e monitoraggio da remoto.

La partnership con Google Cloud rende tutto più semplice
L'aggiunta di Google Cloud alla lista dei vendor non è che l'ultimo tassello dell'impegno costante di Acronis a migliorare le proprie soluzioni. Collaborare con Acronis è sempre più semplice, e non obbliga le organizzazioni ad abbandonare i sistemi ormai familiari.

Molte aziende hanno investito significativamente nella propria infrastruttura di cloud pubblico, e ora mostrano interesse verso le eccellenti soluzioni Acronis per il backup, il disaster recovery, la condivisione e la sincronizzazione dei file. Di conseguenza, l'integrazione con Google Cloud è una delle migliorie più richieste da parte degli utenti.

La nuova partnership agevola l'adozione delle soluzioni Acronis e consente al contempo di conservare i cloud pubblici esistenti, grazie all’integrazione della piattaforma Google Cloud nelle future release di Acronis Backup Cloud, Acronis Disaster Recovery e Acronis Files Advanced.

Che scelgano di collaborare con uno dei tanti partner o direttamente con Acronis, sono milioni i clienti di Google Cloud che possono finalmente sfruttare la nostra tecnologia per soddisfare le proprie esigenze di protezione dati e business continuity.

Le aziende che adottano soluzioni cloud per le attività quotidiane devono sapere che stanno investendo in una soluzione a lungo termine. I requisiti da soddisfare sono molti: gestire i costi, esigere prestazioni di alto livello e rispettare gli obblighi normativi, per citarne alcuni.

I prodotti Acronis sono realizzati per il cloud e progettati per proteggere tutti i dati in tutti gli ambienti, inclusi i carichi di lavoro nel cloud, i data center, gli uffici remoti e i dispositivi mobili. Il nostro obiettivo è aiutare le aziende a creare l'infrastruttura cloud più adatta ai propri requisiti, e riteniamo che il cloud ibrido sia la soluzione più vantaggiosa per le aziende di ogni dimensione.

Con l’integrazione di Google Cloud, garantiamo ai nostri utenti flessibilità, accessibilità e performance, elementi indispensabili per battere la concorrenza e conquistare il successo.


Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere